A poco più di due anni dal suo debutto pubblico, Mineral sta diventando una società Alphabet a sé stante. Il team, precedentemente noto come “Computational Agriculture Project” (non c’è da indovinare il motivo per cui ha adottato il nuovo nome), si è appena laureato nei laboratori X “moonshot”.

“Dopo cinque anni di incubazione della nostra tecnologia presso X, la fabbrica dei moonshot di Alphabet, Mineral è ora una società di Alphabet”, ha dichiarato l’amministratore delegato Elliott Grant in un comunicato stampa. in un post sul blog. “La nostra missione è quella di contribuire alla scalabilità dell’agricoltura sostenibile. Lo facciamo sviluppando una piattaforma e degli strumenti che aiutano a raccogliere, organizzare e comprendere informazioni mai conosciute o comprese prima sul mondo vegetale – e a renderle utili e fruibili”.

Anni dopo aver tentato di costruire una divisione di robotica in gran parte attraverso acquisizioni, Alphabet sembra stia crescendo in modo più organico al suo interno. Mineral segue Everyday Robots e Intrinsic che sono cresciute da X a filiale di Alphabet.

Mineral utilizza i suoi robot interni per creare serie di dati e fare ricerca su diverse colture. L’azienda spiega che, nel corso del suo mezzo decennio di esistenza (per lo più segreta), ha scoperto che la maggior parte delle aziende non sta facendo un lavoro sufficientemente buono nella raccolta dei dati necessari per sfruttare l’apprendimento automatico.

“Non esiste un’unica modalità di raccolta dei dati adatta a tutte le attività agricole o a tutte le colture”, afferma Grant. “Abbiamo iniziato con un rover per piante in grado di catturare enormi quantità di immagini di alta qualità, e nel tempo ci siamo allargati alla costruzione di una tecnologia di percezione generalizzata in grado di funzionare su piattaforme come robot, attrezzature agricole di terzi, droni, dispositivi sentinella e telefoni cellulari”.

L’obiettivo finale dell’azienda è quello di creare insiemi di dati dettagliati e ricchi che possano essere utilizzati dagli agricoltori di tutto il mondo per sfruttare fattori precedentemente sconosciuti nella coltivazione. In questo modo, spera di aiutare a coltivare colture più resistenti ai cambiamenti climatici, senza esacerbare questo problema urgente.

Source link