Ciao e bentornato al China Roundup di TechCrunch, un riassunto dei recenti eventi che hanno plasmato il panorama tecnologico cinese e cosa significano per le persone nel resto del mondo.

Nonostante i venti contrari geopolitici per le aziende tecnologiche straniere che entrano in Cina, molte aziende, specialmente quelle che trovano un partner affidabile, stanno ancora andando avanti. Per il riepilogo di questa settimana, includo una conversazione con cui ho avuto Profezia, una startup francese di tecnologia della visione, che ha recentemente ottenuto finanziamenti da Kai-Fu Lee e Xiaomi, insieme al consueto riassunto delle notizie.

Individuare opportunità in Cina

Come molte aziende che lavorano su tecnologie futuristiche e all’avanguardia in Europa, Prophesee è stato uno spin-out dei laboratori di ricerca universitari. In precedenza, mi sono occupato di due di queste aziende svedesi: Imint, che migliora la produzione di video su smartphone attraverso il deep learning, e Dirac, un esperto di ottimizzazione del suono.

Le tre società hanno due cose in comune: sono tutte in settori di nicchia e hanno tutte trovato clienti entusiasti in Cina.

Per Prophesee, sono linee di produzione, case automobilistiche e aziende di smartphone in Cina alla ricerca di innovazioni nella tecnologia di percezione, che a loro volta miglioreranno il modo in cui i loro robot rispondono all’ambiente. Quindi non sorprende che Xiaomi e la società di investimento cinese Inno-Chip abbiano sostenuto Prophesee nel suo ultimo round di finanziamento, guidato da Sinovation Venture.

La dimensione del finanziamento non è stata divulgata, ma TechCrunch ha appreso che era nell’intervallo di “decine di milioni di dollari”. È stato anche il primo investimento che Kai-Fu Lee ha fatto attraverso Sinovation in Europa. Come ha ricordato il CEO di Prophesee Luca Verre:

Ho incontrato il Dr. Kai-Fu Lee tre anni fa durante il World Economic Forum… e quando gli ho parlato di Prophesee, è rimasto molto incuriosito. E poi negli ultimi tre anni, in realtà, ci siamo tenuti in contatto e l’anno scorso, data la crescente trazione che stavamo avendo in Cina, in particolare nel settore mobile e IoT, ha deciso di lanciarsi. Ha detto ok, ora è il tempismo giusto Il Profeta diventa grande.

La società con sede a Parigi non stava cercando attivamente finanziamenti, ma credeva che avere investitori strategici cinesi potesse aiutarla ad ottenere un maggiore accesso al mercato complesso.

Invece di inviare informazioni raccolte da sensori e telecamere a piattaforme di elaborazione, Prophesee inserisce tale processo all’interno di un chip (fabbricato da Sony) che imita gli occhi umani, una tecnologia basata sull’ingegneria neuromorfa.

Il vecchio metodo acquisisce una raccolta di immagini fisse, quindi quando le informazioni aumentano di volume, è necessaria un’enorme quantità di potenza di calcolo. Al contrario, i sensori di Prophesee, che descrive come “basati sugli eventi”, rilevano i cambiamenti nell’ambiente proprio come i fotorecettori nei nostri occhi e possono elaborare le informazioni in modo continuo e rapido.

L’Europa è stata pioniera del calcolo neuromorfo, ma negli ultimi anni Verre ha visto un’impennata nella ricerca proveniente dalle università e dalle aziende tecnologiche cinesi, che hanno riaffermato la sua fiducia nell’appetito del mercato.

Vediamo OEM cinesi (produttori di apparecchiature originali), in particolare Xiaomi, Oppo e Vivo, spingere lo standard di qualità della qualità dell’immagine a molto, molto alto … Sono molto desiderosi di adottare nuove tecnologie per differenziarsi ulteriormente in un modo più veloce e aggressivo di Apple. Apple è un’azienda con un atteggiamento che a me sembra più simile a Huawei. Quindi forse per alcune tecnologie, ci vuole più tempo per vedere la tecnologia maturare e adottare, il che è giusto molto spesso, ma dopo. Quindi sono sicuro che Apple arriverà ad un certo punto con alcuni prodotti che integrano la tecnologia basata sugli eventi. Infatti li vediamo muoversi. Li vediamo depositare brevetti nello spazio. Sono sicuro che arriverà, ma forse non il primo.

Sebbene la Cina stia lottando per l’indipendenza tecnologica, Verre credeva che il mercato indirizzabile di Prophesee fosse abbastanza grande: 20 miliardi di dollari secondo le sue stime. Tuttavia, ha ammesso che sarebbe “ingenuo a credere che Prophesee sarà l’unico a cogliere” questa opportunità.

WeRide ha acquistato un’azienda di camion

Una delle startup di robotaxi più preziose della Cina ha appena acquisito una società di autotrasporti autonoma chiamata MoonX. La dimensione dell’accordo non è stata resa nota, ma sappiamo che MoonX ha raccolto “decine di milioni di RMB” 15 mesi fa in un round di serie A.

Sebbene WeRide si concentri sulla tecnologia di guida autonoma di livello 4, sta anche trovando nuove strade per la monetizzazione prima che i suoi robotaxi possano guidare le persone su larga scala. È fatto da sviluppo di minibus, e l’acquisizione di MoonX, che porta il fondatore dell’azienda e oltre 50 ingegneri a WeRide, probabilmente aiuterà a diversificare il suo pool di entrate.

WeRide e MoonX hanno relazioni radicate. I loro rispettivi fondatori, Tony Han e Yang Qingxiong, hanno lavorato fianco a fianco a Jingchi, che in seguito è stata rinominata WeRide. Han co-fondato Jingchi e ha preso il timone come CEO nel marzo 2018 mentre Yang è stato nominato vicepresidente dell’ingegneria. Ma Yang se ne andò presto e iniziò MoonX.

Han, un veterano di Baidu, ha dato a Yang un caloroso ritorno a casa e lo ha incaricato dell’istituto di ricerca dell’azienda e del suo nuovo ufficio a Shenzhen, sede di MoonX. La sede tentacolare di WeRide è a circa un’ora di auto nell’adiacente città di Guangzhou.

Il gigante della sorveglianza AI Cloudwalk si avvicina all’IPO

Cloudwalk appartiene a una coorte di unicorni cinesi che è fiorita nella seconda metà degli anni 2010 vendendo tecnologia di visione artificiale ad agenzie governative in tutta la Cina. Insieme, Cloudwalk e i suoi rivali SenseTime, Megvii e Yitu sono stati soprannominati i “quattro draghi dell’intelligenza artificiale” per le loro valutazioni in rapida ascesa e i bei round di finanziamento.

Ovviamente, il termine “drago AI” è ora un termine improprio poiché l’applicazione AI diventa così pervasiva in tutti i settori. Gli investitori si sono presto resi conto che questi nuovi arrivati ​​hanno bisogno di diversificare i flussi di entrate al di là dei contratti smart city, e hanno aspettato con ansia le uscite. Infine, ecco che arriva Cloudwalk, che sarà probabilmente il primo della sua coorte a diventare pubblico.

La domanda di Cloudwalk per raccogliere 3,75 miliardi di yuan (580 milioni di dollari) da un’IPO sul consiglio di Shanghai STAR è stata approvata questa settimana, anche se possono passare ancora mesi prima che inizi a essere negoziata. L’azienda finanziari non sembra particolarmente roseo per gli investitori, con una perdita netta pari a 720 milioni di yuan nel 2020.

Anche nelle notizie

  • Parlando del torrente di notizie sulla guida autonoma, fornitore di servizi di visione per veicoli CalmCar ha detto questa settimana che ha ha raccolto 150 milioni di dollari in un girone di serie C. Fondata da diversi cinesi rimpatriati all’estero nel 2016, CalmCar utilizza il deep learning per sviluppare ADAS (Advanced Driver Assistance System) utilizzato in scenari automobilistici, industriali e di sorveglianza. Il produttore tedesco di componenti per auto ZF ha guidato il round.
  • Marchio di abbigliamento per bambini diretto al consumatore PatPat ha dichiarato di aver raccolto $ 510 milioni dai round di serie C e D. L’ecosistema D2C che sfrutta le solide catene di approvvigionamento della Cina sta guadagnando sempre più interesse da parte dei venture capitalist. Marchi come Shein, PatPat, Cider e Outer hanno tutti i finanziamenti garantiti da VC affermati. Fondata da tre laureati alla Carnegie Mellon, PatPat annovera tra i suoi investitori IDG Capital, General Atlantic, DST Global, GGV Capital, SIG China e Sequoia China.

Source link