Il mondo del coaching professionale è cresciuto nel corso degli anni quando gli allenatori si sono resi conto che potevano facilmente consigliare le persone a distanza e i clienti hanno capito che il coaching digitale era molto più efficiente. Ma, allo stesso modo, è sorto un problema su come vagliare il grano dalla pula. Allo stesso tempo le aziende si sono rese conto che il loro personale poteva trarne beneficio, ma hanno affrontato lo stesso problema di vaglio. In un classico gioco di Internet, CoachHub è arrivato tre anni fa e ha applicato l’AI a un mercato per fare il vaglio. Tutto bene, ma con la formazione e lo sviluppo personale che diventano quasi completamente digitali a causa della pandemia, il mercato è esploso.

Con sede a Berlino CoachHub ha ora raccolto 80 milioni di dollari in un finanziamento di Serie “B2”, aumentando il suo capitale totale di Serie B a 110 milioni di dollari. Gli investitori Draper Esprit, RTP Global, HV Capital, Signals Venture Capital, Partech e Speedinvest hanno partecipato portando il totale dei fondi raccolti a $130m, dal 2019.

L’anno scorso ha raccolto un round di Serie B da 30 milioni di dollari, sempre guidato da Draper Esprit, insieme agli investitori esistenti HV Capital, Partech, Speedinvest, segnali Venture Capital e RTP Global.

La startup compete con altri aggregatori come AceUp di Boston, che ha raccolto 2,3 milioni di dollari.

La startup di tre anni fa dice di aver triplicato i suoi impiegati, e aggiunto nuovi clienti tra cui Fujitsu, Electrolux, Babbel, ViacomCBS e KPMG.

Il co-fondatore e direttore commerciale Yannis Niebelschütz ha detto in una dichiarazione: “Questo ultimo round di finanziamento ci permetterà di soddisfare la sempre crescente domanda di soluzioni digitali per la formazione e lo sviluppo personale, che è stata innescata dalla pandemia”.

Christoph Hornung, direttore degli investimenti alla Draper Esprit ha detto: “Non si tratta più solo della pandemia. Quello che stiamo vedendo sempre di più con le piattaforme digital-first e altamente arricchite come CoachHub sono strumenti più dinamici e – cosa fondamentale – più accessibili per trasformare le aziende attraverso la formazione e l’istruzione.”

CoachHub dice che usa l’AI per abbinare gli individui con 2.500 allenatori di business e di benessere in 70 paesi in sei continenti. Le sessioni di coaching sono disponibili in più di 60 lingue.

Source link