“Agguato alla salamandra” di Tom Babbey.
Immagine: Wizards of the Coast

La Cittadella Radiosa non è un dungeon. È una tappa di passaggio, un luogo per Dungeons & Dragons personaggi per riposare sulla strada… nello specifico, strade per e dai vari mondi dimensionali di D&D. È un luogo dove qualsiasi giocatore può trovarsi, magari intraprendendo le 13 avventure che si trovano nell’imminente Viaggi nella Cittadella Radiosa e io9 ha un’anteprima esclusiva di uno di essi.

La Cittadella Radiosa è nota per la sua diversità, essendo la casa di tante culture diverse provenienti da tutto il multiverso. I creatori di Viaggi attraverso la Cittadella Radiosa sono stati altrettanto diversi, unendo le loro storie, le loro vite e le loro culture per creare una Dungeons &; Dragons location come nessun’altra. Tra questi c’è Tletepec, creato da Alastor Guzman, insieme all’avventura che lo accompagna, “Trail of Destruction”. Il gioco vanta nuove divinità, personaggi e mostri, ispirati alla giovinezza di Guzman a Città del Messico. Qui Guzman spiega cosa e chi i giocatori possono aspettarsi da Tletepec e come i GM possono sfruttarla al meglio, il tutto accompagnato da alcune splendide illustrazioni.


Linda Codega, io9: Può parlarmi un po’ di Tletepec, dove si svolge “Trail of Destruction”? Di solito, quando penso alle ambientazioni dell’antico Messico/azteco, immagino giungle lussureggianti e terreni agricoli, ma questo sembra molto diverso.

Alastor Guzman: Le culture mesoamericane sono spesso legate a giungle lussureggianti, come quelle comuni nel sud del Messico. La valle di Città del Messico, dove vivevano i Mexica, è un altopiano tra diverse catene montuose, che generano un bioma forestale. A Città del Messico c’è un vulcano attivo e i terremoti sono frequenti. Volevo esplorare come si sarebbe sviluppata la civiltà laddove queste condizioni sono più diffuse e si dispone di magia per contrastarle.

Ollin di Merlin G.G.

Ollin di Merlin G.G.
Immagine: Wizards of the Coast

io9: Mi piacerebbe saperne di più sui personaggi di Ollin e Xocopol. Hanno dei disegni così accattivanti e luminosi.

Guzman: L’idea di Ollin è nata da uno dei punti cardine di Tletepec, ovvero l’idea di abbracciare la vita e godersela. Questo deriva dalla mia esperienza personale, perché la cultura messicana si basa sul godere di tutto. Una delle idee principali deriva dal nostro Giorno dei Morti, dove l’ambiente, luttuoso, è pieno di gioia. Volevo trasmettere che con Ollin, anche durante i disastri, si può sempre sorridere e cercare l’arte.

Per Xocopol, ho voluto creare un concetto diverso per i giganti del fuoco, qualcosa che si trova nella regione e che può interagire con le offerte degli dei allo stesso modo. L’idea centrale di Xocopol come incontro è che interferisce con le offerte e ha un suo programma, ma non è direttamente antagonista dei personaggi a meno che non venga attaccato. Ho voluto dare delle opzioni nell’avventura per mostrare che si può anche salvare la giornata parlando con le persone e comprendendo i loro punti di vista.

Tlexolotl di Brian Valeza.

Tlexolotl di Brian Valeza.
Immagine: Wizards of the Coast

io9: Izel il Tlexolotl è una nuova affascinante creatura e antagonista. Può parlarmi dell’ispirazione di questa forza elementare?

Guzman: Il Tlexolotl ha due origini. Una è che gli axolotl sono uno dei miei animali preferiti e sono originari del luogo in cui sono cresciuto, Città del Messico. Sono un animale simbolo del quartiere di Xochimilco e sono famosi per la loro capacità di rigenerare qualsiasi danno subito. La seconda ispirazione è il mio amore per le creature gigantesche e per gli incontri che possono essere risolti in modi alternativi. L’idea è che Izel sia una forza della natura con la quale si può interagire e che si può risolvere in modi alternativi. avere di cui occuparsi, perché non si preoccupano delle conseguenze per i piccoli mortali che li circondano.

Xocopol di Merlin G.G.

Xocopol di Merlin G.G.
Immagine: Wizards of the Coast

io9: Ci sono altre leggende Mexica/Azteche da cui avete attinto per creare “Trail of Destruction”?

Guzman: La leggenda degli dei gemelli si basa sulla storia di Popocatépetl e Iztaccíhuatl, con l’aggiunta di come sono diventati dei e ora aiutano il loro popolo. L’idea dei tlexolotl si basa sulla leggenda cipactli di una creatura massiccia che abita il mare primordiale. Infine, più su base storica, la leggenda di un’eruzione vulcanica a catena che distrugge la civiltà si basa sulla città di Cuicuilco che fu rasa al suolo quando un vulcano vicino distrusse l’insediamento.

io9: L’altro suo lavoro, il creator-owned Racconti degli Dei RPG, anch’esso tratta di forze massicce, soprannaturali e divine in gioco con l’umanità. Cosa la attira di questo tema degli dei e dei mortali come game designer?

Guzman: La religione e l’idea di forze divine fanno parte della storia dell’umanità da generazioni. Il tema degli dei e dei mortali e il modo in cui si mescolano e si intrecciano in una storia mi attira perché permette di creare due tipi di storie. Come i mortali possono lavorare per raggiungere obiettivi che li avvicinano al divino e come possono usare questo potere per plasmare la storia. Per quanto riguarda il lato divino, mi piace il modo in cui potete usare il vostro potere per aiutarli in modi indiretti, come i doni di Tletepec, pur lasciandoli liberi di svilupparsi da soli.

“Observatory Disaster” di Arfven Ato.
Immagine: Wizards of the Coast

io9: Ci sono storie personali specifiche che avete legato a questo modulo?

Guzman: Quando il [Mexican] Quando si è verificato il terremoto del 2017, tutti hanno cercato di aiutare, ma c’è voluto un po’ di tempo per organizzare le cose, poiché le diverse idee e le buone intenzioni si sono scontrate. Tutti cercavano di capire come aiutare e le prime ore sono state caotiche, mentre le notizie arrivavano e le persone cercavano di aiutarsi a vicenda. L’emozione che volevo trasmettere da questa esperienza era che, anche se al momento può essere caotico, tutto può unirsi quando ci si aiuta a vicenda.

Tonalli di Olga Debras.

Tonalli di Olga Debras.
Immagine: Wizards of the Coast

io9: Ha qualche consiglio da dare ai GM o ai giocatori che non vedono l’ora di giocare a questo modulo?

Guzman: Il mio consiglio per i GM è di mantenere il senso di urgenza nell’avventura e di far capire ai giocatori che devono muoversi velocemente o il villaggio potrebbe essere distrutto. Usate la narrazione del paesaggio per trasmettere l’idea di come il disastro naturale si stia avvicinando ogni minuto. Fate in modo che i mostri si stiano preparando a qualcosa di grosso e siano ansiosi di vederlo accadere presto. In questo modo i giocatori rimarranno in tensione e pronti a far progredire attivamente la storia.

Quando giocate con Izel, trattateli come un Kaiju, il primo di una futura invasione di creature giganti simili a una forza della natura che distruggeranno tutto ciò che troveranno sul loro cammino. Con ogni narrazione e descrizione mostrate la forza distruttiva che rappresentano per l’ambiente. Mostra la fiducia nel loro potere e l’impossibilità di fermarli. Tenere tutto questo a mente può cambiare completamente l’atmosfera dell’incontro finale.


Viaggi attraverso la Cittadella Radiosa sarà disponibile dal 19 luglio.

Aggiornato il 7/7/22, ore 19:54: Wizards of the Coast ha chiarito un punto relativo al ruolo di Tletepec in Viaggio nella Cittadella Radiosa.

Tletepec è il luogo in cui si svolge l’avventura “Sentiero della distruzione”. Non è un luogo della Cittadella Radiosa in sé, ma è una delle “culture fondatrici” che hanno originariamente creato la Cittadella Radiosa eoni fa e gli abitanti di Tletepec vivono nella Cittadella Radiosa e contribuiscono a governarla. Tletepec si riferisce anche alla cultura del popolo e nel libro c’è un Gazetteer che descrive sia la geografia della regione, sia la cultura, la gente, le leggende e molto altro ancora!”.


Vuoi altre notizie su io9? Scopri quando aspettarti le ultime notizie Marvel e Guerre stellari uscite, cosa c’è di nuovo per il Universo DC al cinema e in TVe tutto quello che c’è da sapere su La casa del drago e Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

Source link