Nel corso della sua storia come azienda pubblica, Box ha avuto una corsa un po’ accidentata. L’azienda è stata fondata nel 2005 come un semplice servizio di condivisione di file per i consumatori, ma si è spostata qualche anno dopo per concentrarsi sulle imprese e costruire un moderno sistema di gestione dei contenuti per il mondo cloud e mobile ancora in via di sviluppo.

Una volta un beniamino delle startup della Silicon Valley, Box è caduta duramente dopo aver depositato il suo S-1 per andare in borsa nel 2015, in quanto la gente ha messo in discussione il suo tasso di combustione di cassa. Questo ha portato alla sua IPO che è stata ritardata per mesi, forse un segno delle lotte che avrebbe trovato la trazione nel mercato negli anni successivi. Più recentemente, Box ha avuto una battaglia per procura con uno dei suoi maggiori azionisti, Starboard Value, che la società alla fine ha vinto.

Ora è un momento cruciale per l’azienda di gestione dei contenuti cloud. Box ha un investimento di 500 milioni di dollari da KKR, il che significa che ha fondi per comprare alcune piccole aziende, riempire la road map del prodotto e forse alimentare una crescita inorganica, come ha fatto quando ha comprato la società di firma elettronica SignRequest a febbraio.

Box è stata anche su un po’ di un rotolo di entrate, negli ultimi trimestri. Dopo aver registrato una crescita del 13,6% nel terzo trimestre del FY20, ha iniziato una tendenza al ribasso che ha visto la crescita scendere all’8,3% nel quarto trimestre del FY21. È stato allora che Starboard ha deciso di scegliere la sua battaglia per procura. Ma Box è scesa dal tappeto da quel nadir, iniziando una lenta traiettoria ascendente che la sua gestione sta proiettando continuerà per i prossimi trimestri.

Crescita delle entrate di Box e proiezioni.

Crediti d’immagine: Box

Questo grafico non dettaglia una crescita enorme, ma mostra comunque una crescita. Il co-fondatore e CEO Aaron Levie ha già affrontato i problemi in passato, e ha assunto un tono per lo più conciliante quando si trattava dei suoi detrattori, ammettendo che c’era molto da imparare e che è sempre stato sul miglioramento dell’azienda.

Abbiamo parlato con Levie delle sue prove e tribolazioni e di dove si aspetta di portare la sua azienda da qui in poi.

Avanti tutta

L’ultimo anno non è stato facile per Levie come leader di un’azienda nel mezzo di una battaglia per procura, ma il CEO dice di non aver perso il suo ottimismo o il suo entusiasmo per il lavoro. Questo è impressionante se si considera che ha iniziato l’azienda in un dormitorio alla USC nel 2005 – ha lavorato su Box per tutta la sua vita adulta.

“Se c’è un filo conduttore che attraversa ogni situazione difficile in cui ci siamo trovati, è in realtà solo il mio puro eccitamento e ottimismo per il futuro. E ho questo ottimismo sulla tecnologia in generale e il suo impatto sul mondo, e quello che può fare per noi. Lo sono ancora di più per Box, in particolare, e l’opportunità intorno a ciò che stiamo costruendo”, ha detto Levie a TechCrunch.

Source link