Einride, la startup svedese che vuole elettrificare l’industria del trasporto merci autonomo, inizierà a far circolare i suoi baccelli a guida autonoma su strade pubbliche negli Stati Uniti quest’anno, nell’ambito di una partnership esistente con General Electric Appliances (GEA).

Le navette di Einride sono costruite senza una cabina anteriore per l’operatore umano, il che, secondo l’azienda, ha richiesto l’approvazione della National Highway Traffic Safety Association (NHTSA) per poter operare sulle strade pubbliche.

“Altre aziende stanno adattando i camion esistenti per renderli autonomi, ma noi stiamo facendo il contrario”, ha dichiarato a TechCrunch Robert Falck, CEO e fondatore di Einride. “Stiamo costruendo un modo nuovo di fare spedizioni autonome da zero, che si traduce in questo nuovo tipo di design e funzionalità del veicolo”.

Sebbene oggi esistano diverse società di trasporto autonomo che gestiscono il trasporto merci negli Stati Uniti, è vero che tutte sono attualmente basate su camion esistenti e quasi nessuna di esse è elettrica.

Einride afferma che questa pietra miliare segna la prima volta che un camion elettrico autonomo appositamente costruito ha ricevuto l’autorizzazione a operare su strade pubbliche, tuttavia ricorda la società di veicoli autonomi che ha fatto il giro del mondo. Nuro ha richiesto nel 2020 un’esenzione temporanea da alcuni requisiti standard per i veicoli a bassa velocità.. I veicoli di Nuro, che consegnano cibo e generi alimentari su strade pubbliche, sono costruiti senza spazio per il conducente o i passeggeri. L’azienda aveva quindi bisogno dell’approvazione dell’NHTSA per utilizzare un nuovo tipo di veicolo che non è costruito con alcune caratteristiche umane, come gli specchietti o il parabrezza. Presumibilmente l’approvazione di Einride è di natura simile, ma l’azienda non ha voluto confermarlo a TechCrunch. Anche l’NHTSA non è stata in grado di confermarlo a TechCrunch, nonostante i numerosi tentativi di contatto.

Einride ha dichiarato che l’approvazione è subordinata al rispetto di un luogo e di una tempistica prestabiliti: la navicella di Einride opererà su un tratto di strada a traffico misto lungo un miglio tra uno stabilimento GEA e un magazzino a Selmer, nel Tennessee, a partire dal terzo trimestre del 2022. Einride sta pilotando i suoi baccelli con GEA dal novembre 2021 presso il magazzino recintato dell’azienda a Louisville, durante il quale Einride ha testato il metallo della sua tecnologia in una struttura chiusa con percorsi predeterminati e un ambiente controllato.

“Questo nuovo pilota ci porterà sulle strade pubbliche per la prima volta negli Stati Uniti, consentendo spedizioni brevi su percorsi che utilizzano strade pubbliche e aree recintate”, ha dichiarato Falck, sottolineando che la capsula opererà tra un magazzino recintato e le strade pubbliche. “Con questi vari progetti pilota stiamo costruendo un chiaro caso commerciale di come i nostri Pod Einride possano supportare la commercializzazione per i clienti, in una varietà di ambienti”.

Durante il pilota iniziale di due settimane, il pod trasporterà il carico e si coordinerà con le squadre dei magazzini per il carico e lo scarico. Un operatore remoto della capsula, che secondo Einride è la chiave per aiutare il modello commerciale dell’azienda a diventare scalabile in futuro, monitorerà le operazioni e assisterà o guiderà quando necessario durante le operazioni critiche e a bassa velocità, secondo l’azienda. Ad esempio, l’operatore remoto potrebbe aiutare il veicolo a fare retromarcia verso una banchina o ad aspettare che gli operai scarichino la capsula. Einride afferma che il veicolo può operare autonomamente nella maggior parte delle altre situazioni.

Non è chiaro quante corse il pod farà ogni giorno, ma secondo i limiti della sua approvazione con l’NHTSA, il pod di Einride funzionerà solo durante le ore diurne dei giorni feriali ed eviterà condizioni atmosferiche e stradali avverse come pioggia battente, neve, nebbia, grandine o temperature inferiori a 0 gradi Fahrenheit. Tuttavia, la capsula è in grado di operare in tali condizioni grazie al lidar e alle telecamere, ha dichiarato l’azienda.

Einride sta anche aumentando la sua presenza negli Stati Uniti grazie alla partnership con l’azienda produttrice di latte d’avena Oatly. All’inizio di questo mese, le due aziende hanno ampliato la loro collaborazione per elettrificare la flotta nordamericana di Oatly. con cinque autocarri elettrici di Classe 8 collegati di Einride. A febbraio, Einride avrebbe ordinato 200 autocarri elettrici da BYD. da utilizzare negli Stati Uniti.

Source link