FedEx sta interrompendo lo sviluppo del suo robot per le consegne dell’ultimo miglio, Roxo. La notizia è stata data per la prima volta riportata da Robotica 24/7FedEx ha confermato alla pubblicazione che l’azienda avrebbe spostato l’attenzione dal bot a “opportunità più vicine”.

Roxo è stato annunciato nel 2019 come una collaborazione con DEKA, i produttori della sedia a rotelle iBot, che utilizzava set multipli di ruote per “camminare” su e giù per le scale e sollevare l’utente dal livello di seduta all’altezza degli occhi. Roxo utilizzava anche più set di ruote per salire su gradini e marciapiedi. Il robot aveva una velocità massima di 10 miglia orarie, una capacità di carico di 45 kg ed era in grado di muoversi autonomamente intorno alle auto e ai pedoni utilizzando telecamere e sensori LIDAR. Gli operatori umani dovevano supervisionare i suoi movimenti e guidarlo manualmente se necessario.

Il progetto di Roxo prevedeva uno schermo per comunicare informazioni ai passanti.
Immagine: FedEx

Il chief transformation officer di Fedex, Sriram Krishnasam, ha annunciato questa settimana al personale che lo sviluppo di Roxo (parte di un progetto interno denominato DRIVE) è stato interrotto.

“Sebbene la robotica e l’automazione siano pilastri fondamentali della nostra strategia di innovazione, Roxo non ha soddisfatto i requisiti di valore a breve termine necessari per DRIVE”, ha scritto Krishnasam, secondo le e-mail interne ottenute da Fedex. Robotica 24/7. “Anche se stiamo terminando gli sforzi di ricerca e sviluppo, Roxo è servito a uno scopo prezioso: far progredire rapidamente la nostra comprensione e l’uso della tecnologia robotica”.

Roxo era stato sperimentato in varie località, tra cui Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti e Giappone. FedEx ha dichiarato che il robot è stato progettato per viaggiare in un raggio di tre-cinque miglia dai centri di consegna locali, e in precedenza aveva detto il suo “periodo di test più avanzato” sarebbe stato nel 2021.

La chiusura di Roxo segue la notizia dell’inizio di questo mese che anche Amazon sta interrompendo i test sul campo di il suo robot per le consegne all’ultimo miglio, Scout. Amazon ha dichiarato di non aver interrotto del tutto lo sviluppo del robot, ma di aver semplicemente “ridimensionato il programma”. L’azienda ha dichiarato che alcuni aspetti del programma “non soddisfacevano le esigenze dei clienti”, ma non è entrata nel dettaglio dei motivi.

Source link