Paytm, una delle startup più preziose dell’India, prevede di raccogliere fino a 2,2 miliardi di dollari in un’offerta pubblica iniziale, ha affermato nelle bozze di documenti presentate venerdì all’autorità di regolamentazione del mercato del paese.

La società con sede a Noida, sostenuta tra gli altri da Alibaba, Berkshire Hathaway e SoftBank, ha dichiarato che emetterà nuove azioni per un valore di 1,1 miliardi di dollari e offrirà una vendita per un valore di 1,1 miliardi di dollari.

La startup, che compete con PhonePe e Google Pay nel secondo mercato Internet più grande al mondo, prevede di utilizzare il nuovo capitale di $ 577 milioni per ampliare la sua offerta di servizi di pagamento e circa $ 269 milioni per avviare nuove iniziative ed esplorare opportunità di acquisizione, ha affermato.

Paytm, che è stato lanciato nel 2009 per aiutare gli utenti a pagare facilmente in digitale tramite il proprio telefono, si è esteso a un’ampia gamma di servizi nell’ultimo decennio. Oggi gestisce un gateway di pagamento, un mercato di e-commerce, prenotazione di biglietti e vende anche assicurazioni e oro digitale. In molte delle categorie in cui opera, Paytm è leader di mercato.

La piattaforma ha accumulato oltre 333 milioni di clienti, 114,3 milioni dei quali sono anche utenti che effettuano transazioni annuali e ha accolto oltre 21 milioni di commercianti, ha affermato oggi sui giornali.

“Abbiamo creato una super-app basata sui pagamenti, attraverso la quale offriamo ai nostri consumatori prodotti e servizi digitali innovativi e intuitivi”, si descrive l’azienda guidata da Vijay Shekhar Sharma.

Uno sguardo ai numeri di Paytm condivisi con il regolatore di mercato venerdì (Paytm)

“Offriamo ai nostri consumatori un’ampia selezione di opzioni di pagamento sull’app Paytm, che includono (i) strumenti di pagamento Paytm, che consentono loro di utilizzare portafogli digitali, portafogli secondari, conti bancari, acquista ora paga dopo e gestione patrimoniale conti e (ii) i principali strumenti di terze parti, come carte di debito e di credito e servizi bancari in rete”,

I piani di IPO di Paytm arrivano in un momento in cui la pandemia ha alimentato l’economia digitale indiana e le borse locali stanno mostrando un crescente appetito per i titoli tecnologici di consumo. L’IPO da 1,3 miliardi di dollari del gigante indiano delle consegne di cibo Zomato questa settimana ha richiesto solo poche ore per essere interamente sottoscritta dagli investitori al dettaglio e di ancoraggio.

Molto sta cavalcando su un’IPO di successo di Paytm, una delle startup più celebrate in India e che ha registrato una perdita consolidata di 233,6 milioni di dollari per l’esercizio chiuso a marzo di quest’anno, in calo rispetto ai 404 milioni di dollari di un anno fa.

I banchieri e gli analisti sono ottimisti su Paytm, il cui business dei portafogli mobili ha perso lustro negli ultimi anni quando UPI – un framework di pagamenti supportato da banche in India – ha trovato acquirenti in Google, PhonePe e altri e ha preso d’assalto il mercato. Ma Paytm si è ripreso, sostengono gli analisti.

“Con l’avvento di UPI, c’è stata una narrativa in aumento che ha messo in discussione la leadership di mercato di Paytm”, hanno scritto gli analisti, riferendosi alla crescita esponenziale dello stack di pagamenti sviluppato dalle banche al dettaglio in India che è stata adottata da diverse aziende, tra cui Google e PhonePe. (così come Paytm) e che ha in qualche modo ridotto l’appeal dei portafogli mobili in India”, hanno scritto gli analisti di Bernstein in un recente rapporto ai clienti.

“Tuttavia, sotto il cofano, Paytm è leader nei pagamenti dei commercianti e ha costruito un ecosistema di verticali sinergici fintech attorno alla sua ‘super-app’. L’ecosistema comprende pagamenti (portafoglio/UPI), acquisizione di commercianti completi, tecnologia del credito, banca digitale, ricchezza e tecnologia assicurativa. Riteniamo che la battaglia delle super app in India non sia un “vincitore prende tutto”, ma un gioco di esecuzione, costruzione di affari e creazione di un’esperienza cliente superiore con l’integrazione dell’ecosistema”, hanno aggiunto gli analisti di Bernstein.

Questa è una storia in via di sviluppo. Altro da seguire…

Source link