Il razzo Alpha di Firefly è esploso a metà volo giovedì, ma l’azienda ha pubblicato un nuovo video domenica e ha fornito maggiori dettagli su quanto accaduto. “Anche se il veicolo non ha raggiunto l’orbita, la giornata ha segnato un importante progresso per il nostro team”, ha dichiarato il azienda ha twittato. “Abbiamo dimostrato che siamo ‘arrivati’ come azienda in grado di costruire e lanciare razzi”.

Alpha, un razzo a due stadi, è decollato dalla base Vandenberg Space Force in California alle 9:59PM ET di giovedì, portando un carico utile di satelliti privati. Era la prima missione in assoluto della compagnia, e due minuti dopo il liftoff il razzo ha iniziato a ribaltarsi orizzontalmente, non raggiungendo la sua massima pressione aerodinamica.

Secondo Firefly, il razzo ha lasciato la rampa di lancio con successo, ma dopo circa 15 secondi di volo, il motore 2 si è spento. Il veicolo ha continuato la sua salita ed è stato in grado di mantenere il controllo per circa 145 secondi, ha detto Firefly, ma il tasso di salita era lento perché gli mancava la spinta di uno dei suoi quattro motori (quello che si è spento).

“Il veicolo è stato sfidato a mantenere il controllo senza il vettore di spinta del motore 2. Alpha è stato in grado di compensare a velocità subsoniche, ma quando si è spostato attraverso il volo transonico e supersonico, dove il controllo è più difficile, il controllo del vettore di spinta dei tre motori era insufficiente e il veicolo è ruzzolato fuori controllo”, secondo Firefly. “La gamma ha terminato il volo usando l’esplosivo Flight Termination System (FTS). Il razzo non è esploso da solo”.

Sta indagando sul perché il motore 2 si sia spento in anticipo, e dice che riferirà la causa principale una volta che avrà completato l’indagine. “In collaborazione con la FAA e i nostri partner di Space Launch Delta 30, torneremo a condurre Alpha Flight 2 il più presto possibile”, ha twittato la compagnia.



Source link