Un falso colore vista satellitare di New Orleans il 31 agosto 2021.
Immagine: Immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Joshua Stevens, utilizzando i dati Black Marble per gentile concessione di Ranjay Shrestha/NASA Goddard Space Flight Center e i dati Landsat della U.S. Geological Survey.

Immagini satellitari scattate prima e dopo l’uragano Ida ha spazzato la Louisiana questo settimana stanno mostrando la sconvolgente misura in cui la gente ha sofferto senza potere a New Orleans.

L’uragano Ida, una tempesta di categoria 4, ha toccato terra il 29 agosto vicino a Port Fourchon, in Louisiana. I suoi venti, a 150 miglia all’ora (240 km/h), insieme a piogge torrenziali e mareggiate, ha portato scompiglio in gran parte della Louisiana e del Mississippi, abbattendo linee elettriche e distruggendo torri di trasmissione.

Il residuo di Ida ha causato grave inondazione durante la notte nel nord-est degli Stati Uniti, e il calvario è lungi dall’essere finito nel sud. Come CBS riportaalcune persone in Louisiana potrebbero rimanere senza corrente per tre settimane, proprio mentre le temperature sono destinate a salire nei prossimi giorni. Quasi 900.000 clienti in Louisiana e 31000 clienti in Mississippi erano senza corrente a partire da Giovedì pomeriggio, secondo PowerOutageUS.

Mappa annotata a falsi colori, che mostra New Orleans il 9 agosto 2021.

Falso-colore amappa annotata, che mostra New Orleans il 9 agosto 2021.
Immagine: Immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Joshua Stevens, utilizzando i dati Black Marble per gentile concessione di Ranjay Shrestha/NASA Goddard Space Flight Center e i dati Landsat della U.S. Geological Survey.

La vista dallo spazio attesta queste cifre. Ricercatori del Goddard Space Flight Center della NASA e della Universities Space Research Association hanno rilasciato immagini prima e dopo New Orleans, mostrando la città come appariva di notte il 9 e il 31 agosto. Gli scienziati dell’agenzia Progetto Black Marble ha elaborato le immagini, che includevano mappe di base fornite dal satellite Landsat 8.

Le immagini sono sobrie. New Orleans è tipicamente associata a luci abbaglianti e colori vibranti, e questo scialbo, gray vista dell’oscurità città è semplicemente triste. New Orleans si riprenderà – lo fa sempre – ma Ida è un’altra pillola amara che questa città deve ingoiare.

Mappa commentata che mostra New Orleans il 31 agosto, solo due giorni dopo che l'uragano Ida ha travolto la città.

Mappa commentata che mostra New Orleans il 31 agosto, appena due giorni dopo che l’uragano Ida ha spazzato la città.
Immagine: Immagini dell’Osservatorio della Terra della NASA di Joshua Stevens, utilizzando i dati Black Marble per gentile concessione di Ranjay Shrestha/NASA Goddard Space Flight Center e i dati Landsat della U.S. Geological Survey.

Le immagini sono state prese dal satellite Suomi NPP, che è dotato del Visible Infrared Imaging Radiometer Suite (VIIRS). La banda giorno/notte di questo strumento può catturare fonti di luce e anche i riflessi. Come l’Osservatorio della Terra della NASA spiegaVIIRs permette di “distinguere l’intensità, i tipi e le fonti di luce e di osservare come cambiano”. È importante che il team di Black Marble possa filtrare le fonti che non sono luci elettriche.

Miguel Román, che guida il Black Marble Project, ha detto che le nuove immagini stanno “catturando un sacco di generazione diesel/backup, che le utility non monitorano”, il che è davvero interessante. Purtroppo, questi generatoripossono funzionare solo finché c’è carburante per alimentarli, e la Louisiana sta attualmente affrontando un carenza di gas.

Ci vorrà un po’ prima di sapere fino a che punto Ida abbia danneggiato gli Stati Uniti, ma questa tempesta è chiaramente destinata ai libri di storia.

Più: New York si blocca con una pioggia record che inonda la città e uccide almeno 9 persone.

.

Source link