Se hai mai premuto “Invia” su un’e-mail di Gmail e te ne sei pentito dieci secondi dopo, saprai quanto può essere utile, persino necessaria, una funzione di invio ritardato. Potrebbe essere l’improvvisa consapevolezza di aver accidentalmente premuto “Rispondi a tutti” o la sensazione di averlo inviato al contatto sbagliato, o che ci sia un errore di ortografia da qualche parte – o, forse peggio di tutto, la consapevolezza che tu ho appena inviato una missiva arrabbiata che probabilmente non avresti dovuto. In ognuno di questi casi, pochi secondi per fermare quell’e-mail potrebbero impedire alla tua giornata di implodere.

(Gmail, ovviamente, non è l’unica app di posta elettronica con questa capacità; anche altre app la offrono.)

Gmail offre una finestra standard di cinque secondi per consentirti di cambiare idea e annullare l’invio dell’e-mail, ma se ritieni di aver bisogno di un po’ più di tempo, puoi organizzarlo. Trovo prezioso concedermi più tempo per ripensare a un’e-mail; anche se ho dovuto interrompere l’invio di un’e-mail solo poche volte, quelle poche volte probabilmente mi hanno salvato, per lo meno, dal dover inviare un follow-up di scuse.

Lo configuri utilizzando la versione web di Gmail:

  • Fai clic sulla ruota dentata “Impostazioni” nell’angolo in alto a destra e su “Visualizza tutte le impostazioni”.
  • Nella scheda “Generale”, cerca “Annulla invio”.
  • Scegli quanto tempo vuoi che Gmail ti dia per cambiare idea: puoi selezionare cinque secondi, 10 secondi, 20 secondi o 30 secondi.
  • Scorri verso il basso fino alla fine della pagina e fai clic su “Salva modifiche”.

Puoi avere fino a 30 secondi per cambiare idea.

Quando fai clic su invia, vedrai un’opzione nell’angolo in basso a sinistra per “Annulla” la tua email che durerà fino a quando l’hai impostata su; sarà disponibile anche nell’app mobile. Se lo desideri, puoi fare clic su “Annulla” e verrai riportato alla bozza della tua email.

Il link

Il link “Annulla” in basso a sinistra ti consentirà di ripristinare la tua email, non inviata.

Source link