Siamo sul punto di vedere il razzo Starship completamente riutilizzabile di SpaceX andare in orbita, ma forse dovremo aspettare ancora un po’.

Un’esplosione inaspettata durante i test del motore dello Starship ha infatti messo momentaneamente in pausa qualsiasi altro progetto. Il drammatico evento ha avuto luogo presso 5:20 p.m. ET, 11 luglio, a La struttura di SpaceX a Boca Chica, in Texas, il sito che SpaceX intende utilizzare per il lancio orbitale della Starship.

Poco dopo l’incidente, l’amministratore delegato di SpaceX Elon Musk ha twittato che la società ha “chiuso la piattaforma per la notte per motivi di sicurezza” e che “ne sapremo di più domattina”.

Prototipo di astronave: Realizzare un razzo per Marte

Il veicolo di lancio Starship di SpaceX è stato presentato come un nuovo punto di riferimento per il volo spaziale. Una volta pienamente operativo, l’azienda avrà tra le mani il primo razzo completamente riutilizzabile al mondo, riducendo notevolmente il costo dei lanci successivi. Il tutto rientra nei piani di Musk di costruire un razzo che consenta il transito umano di massa verso il Pianeta Rosso.

La scorsa settimana, SpaceX ha condiviso le immagini della Starship che si dirigeva verso la rampa di lancio per i test. SpaceX ha recentemente ricevuto il via libera dall’Autorità federale dell’aviazione dopo aver pubblicato la revisione ambientale di Starship, con l’avvertenza che l’azienda deve soddisfare 75 requisiti.

SpaceX non è nuova ai test esplosivi. L’anno scorso l’azienda ha effettuato diversi voli di prova suborbitali con un prototipo di Starship. Molti di questi si sono conclusi con un tentativo di atterraggio esplosivo. Tuttavia, SpaceX ha chiarito che le esplosioni sulla piattaforma di atterraggio non significavano un fallimento. Stava sempre raccogliendo dati che l’avrebbero aiutata a migliorare il suo progetto e a rendere meno probabile un’altra esplosione. E alla fine ha fatto atterrare un prototipo di Starship sulla rampa di lancio, poco dopo aver eseguito un’audace manovra di ribaltamento.

Elon Musk: SpaceX “valuta i danni” della Starship

Anche se SpaceX trarrà indubbiamente degli insegnamenti da quest’ultima battuta d’arresto, il problema potrebbe essere un po’ più problematico rispetto agli incidenti esplosivi dell’anno scorso. Musk ha infatti dichiarato solo di recente di sperare che il lancio orbitale della Starship avvenga questo mese.

La NASA Spaceflight ha ripreso l’incidente e lo ha condiviso sui social media con la didascalia: “Santo cielo. Beh, è stato inaspettato!”. Musk ha risposto su Twitter dicendo: “Sì, in effetti non va bene. Il team sta valutando i danni”.

Il test che ha avuto luogo ieri è stato effettuato su un prototipo di Super Heavy chiamato Booster 7. Il massiccio booster del primo stadio era stato dotato di 33 motori Raptor 2 prima del test. L’esplosione è avvenuta poco dopo l’accensione dei motori. Nel video sottostante è possibile osservare l’esplosione da diverse angolazioni.

A un primo esame, l’esplosione non sembra aver causato danni sostanziali al booster. Musk, infatti, ha sottolineato in un tweet che “la base del veicolo sembra a posto” dopo aver dato un’occhiata con una torcia elettrica. Tuttavia, SpaceX “ne saprà di più domattina”.

Per ora sappiamo solo che il problema potrebbe essere stato causato da una complicazione legata al carburante criogenico che la Starship richiede per il decollo. “Il carburante criogenico è una sfida in più, poiché evapora creando un rischio di esplosione carburante-aria in un’atmosfera parzialmente ossigenata come quella terrestre”, ha scritto Musk in un tweet separato. “Detto questo, abbiamo molti sensori per rilevarlo. Più avanti”.



Source link