In BangladeshDue sorelle tornano di corsa a casa un pomeriggio. All’inizio non sembra nulla di strano, mentre bisticciano nel tipico modo dei fratelli (“Vieni subito, o sei morto!”) e proseguono la loro routine. Ma quando lo sceneggiatore e regista Nuhash Humayun cortometraggio horror Moshari diventa chiaro che qualcosa non va nel loro mondo. Apocalitticamente sbagliato.

“Moshari” significa “zanzariera” ed è la cosa più importante da avere intorno a sé quando cala il buio della notte. Perché se non ti proteggi… guarda e vedrai!

L’eccellente cortometraggio di Humayun è arrivato all’attenzione di io9 grazie a Il corto della settimana; ha vinto anche un premio della giuria nel concorso “Corti di mezzanotte” al South by Southwest Film Festival di quest’anno, che l’ha elogiato per la sua “fresca interpretazione di creature succhiasangue ambientate in un mondo post-apocalittico non tradizionale”.

È un evento raro vedere il cinema del Bangladesh arrivare negli Stati Uniti, tanto meno un film dell’orrore. dell’horror proveniente da paesi non occidentali, Moshari è una delizia. Una delizia terrificante. Una delizia che vi farà anche desiderare che i bambini facciano quello che gli viene detto quando ci sono dei mostri in giro, dannazione. Guardatelo nella stanza più buia possibile per essere sicuri di non perdere nessun dettaglio!


Vuoi altre notizie su io9? Scopri quando aspettarti le ultime notizie Marvel, Guerre stellari, e Star Trek uscite, cosa c’è di nuovo per il Universo DC al cinema e in TVe tutto quello che c’è da sapere sul film di James Cameron. Avatar: La via dell’acqua.

Source link