Ciao amici, e bentornati a Settimana in rassegna!

La scorsa settimana, abbiamo parlato di come YouTube è riuscito a pattinare mentre Facebook è stato preso a pugni per le preoccupazioni sulla responsabilità della piattaforma. Questa settimana, stiamo guardando un altro pendio scivoloso su cui Apple sta ballando sul bordo.

Se stai leggendo questo sul sito di TechCrunch, puoi ricevere questo nella tua casella di posta elettronica dal pagina della newslettere segui i miei tweets @lucasmtny


Crediti immagine: TechCrunch

la grande cosa

Dopo aver colpito prima la valutazione di un trilione di dollari, poi aver superato i due trilioni, Apple è probabilmente ben consapevole che c’è una lunga strada da percorrere per diventare la prima azienda da un quadrilione di dollari e dovranno fare alcune scelte controverse per arrivarci. Battute a parte, il business di Apple sta effettivamente cambiando un po’ mentre raggiunge la mega-scala e l’azienda sta flirtando con tattiche di crescita che potrebbero essere viste come audaci e aggressive o come un po’ oltre il limite.

Mentre la diversificazione del business di Apple si sposta dal semplice ottenere che i consumatori comprino nuovi iPhone verso l’ottenere che comprino dispositivi Apple mentre li vincolano a servizi software in abbonamento su detti dispositivi, stanno iniziando a diventare un po’ più spinti di quanto non lo fossero prima.

Questa settimana, il CEO di Epic Games Tim Sweeney ha chiamato fuori Apple per aver messo pubblicità nella sua app Impostazioni per i propri servizi, lanciando una critica che Apple non stava giocando secondo le sue stesse regole. La sua denuncia era probabilmente destinata ad essere più focalizzata sull’accusa di anticompetitività di Apple, ma la mia prima reazione dopo aver visto una pubblicità per una prova gratuita di Apple Music all’interno dell’app Impostazioni, è stata “Dannazione, Apple non è un po’ sciocco?”

Per un’azienda da 2 trilioni di dollari, spingere i consumatori a comprare qualcosa all’interno della sezione dell’app in cui di solito vanno quando stanno cercando di risolvere qualcosa sembra un hack di crescita piuttosto imbarazzante. Certo, è solo uno slot pubblicitario, un lapsus, ma la mancanza di spam e crapware è stata a lungo una caratteristica dell’ecosistema dei dispositivi Apple. Certo, nel corso degli anni forse non ti piaceva avere la loro calcolatrice standard o l’app per le azioni preinstallata, ma non era niente di troppo preoccupante, ma come Apple inizia a spingere un abbonamento a pagamento dopo l’altro con una serie di servizi tra cui Musica, News+ tv+, Fitness+, Arcade, iCloud+ e altri, uno comincia a chiedersi dove tutto questo porta.

Apple sta iniziando a costruire prodotti per abbonati più complessi che vivono al di fuori di una singola app; il suo servizio iCloud+ ora fonde i backup con funzioni di privacy più sofisticate in Safari disponibili solo per i clienti paganti. Vari livelli di abbonamento Apple One raggruppano questi servizi con sconti che possono essere condivisi con i membri della famiglia. E certo, al punto di Sweeney, tutto questo sarà molto frustrante per gli sviluppatori che stanno cercando di competere con un prodotto che ha il vantaggio del campo di casa in perpetuo, ma porta anche a una piattaforma meno accogliente per i consumatori che vogliono semplicemente dispositivi che li portano oggettivamente al web più ampio e a tutti i suoi stakeholder e servizi.

Per un disclaimer generale, dirò che Apple viene criticata così tanto per cose apparentemente insignificanti perché in genere hanno fatto un lavoro piuttosto solido ottimizzando le esperienze positive dei consumatori con i loro dispositivi, e i consumatori si sono anche abituati a vedere altre aziende lasciare che queste piccole cose si trasformino in incentivi fuori luogo che lentamente erodono un prodotto. Ecco perché vedere un paio di notifiche push promozionali in più del normale o un annuncio apparentemente fuori luogo o qualche offerta introduttiva di troppo quando si accende un nuovo dispositivo fa alzare qualche bandiera rossa.

Apple che si trasforma in un business di servizi non è certamente un crimine, ma è importante rendersi conto che così facendo probabilmente richiede un cambiamento in quello che è fondamentalmente il loro rapporto con i consumatori. Stiamo solo iniziando ad assaporare alcuni di questi cambiamenti oggi, ma potrebbero diventare molto più visibili lungo la strada.


Crediti d’immagine: NurPhoto / Getty Images

altre cose

Ho intenzione di giocare un po’ con questa sezione nelle prossime settimane, in modo che ci siano meno riassunti freddi e più contesto… fatemi sapere su Twitter se questa è la vostra marmellata o se preferite più titoli e meno blaterare 🙂

L’hackeraggio di Twitch significa problemi futuri per il re dei giochi in streaming
Il servizio di streaming incentrato sul gioco di Amazon ha avuto una settimana piuttosto brutta, dato che gli hacker hanno rilasciato una carrellata di codice sorgente e dati sui pagamenti dei creatori. È una perdita competitiva piuttosto grande per Twitch e lascia Facebook Gaming e YouTube Gaming con un foglio di calcolo di dati per attirare streamer esclusivi sulla loro piattaforma. È anche probabilmente demoralizzante per la base di streamer, con gli streamer ora in grado di cronometrare quanto di più alcuni dei loro concorrenti stanno tirando dentro da pagati dal gigante dello streaming.

Il vantaggio spropositato di Twitch nella guerra degli streamer di giochi si sta lentamente riducendo in gran parte come risultato degli sforzi di YouTube e Facebook per attirare spettatori. Twitch è ancora il default che molti streamer all’inizio della carriera scelgono però e YouTube e Facebook sono miglia indietro in questo reparto, il loro successo è in gran parte venuto da dumping soldi in programmi di partner a pagamento per portare i creatori di contenuti popolari a bordo, il che significa che i dati che appena trapelato è abbastanza inestimabile per loro.

La settimana terribile di Facebook/Instagram/WhatsApp
Facebook sta avendo un paio di settimane piuttosto dure, ma questa passata è stata semplicemente brutale. Mentre l’azienda stava conducendo una guerra di pubbliche relazioni contro un whistleblower, il servizio ha subito la sua interruzione più brutale probabilmente dell’ultimo decennio, portando tutti i servizi globali dell’azienda giù e rompendo i suoi strumenti interni nel frattempo. Tutto è stato giù per diverse ore, il che significa un sacco di confusione e frustrazione, in particolare per gli utenti che si affidano a WhatsApp così pesantemente per il loro business o la loro vita sociale.

Come ho scritto la scorsa settimana, Facebook probabilmente non merita di essere l’unica piattaforma di media internet che viene universalmente scaricata, ma anche con così tanta rabbia pubblica, ho la sensazione che i dirigenti della società non riescono a vedere oltre il fatto che si sentono trattati ingiustamente e che non stanno nemmeno cercando di auto-riflettere. Il marchio di Facebook è in uno stato abbastanza sostenuto di decadenza a questo punto, ma l’idea che potrebbe diffondersi alle sue filiali come Instagram dovrebbe essere una causa che la leadership e gli azionisti si rendono conto che è troppo critica per ignorare significativamente.

Pagare soldi veri per azioni false di vere startup
Non posso dire che questo sia così d’impatto come i due pezzi di cui sopra, ma sarei negligente a non rivedere una saga che ho coperto questa settimana che sembra davvero mostrare a che punto siamo in questo mercato toro. Visionrare, una piattaforma NFT per “fantasy startup investing” è nata all’inizio di questa settimana e ho coperto il suo lancio con una buona quantità di scetticismo. Si trattava essenzialmente di un lancio per trattare l’investimento in capitale di rischio come il fantasy sport e far gareggiare le persone per costruire il proprio portafoglio pieno di azioni sintetiche NFT di startup.

Un sacco di investitori e imprenditori sono intervenuti dopo il mio post di lancio e hanno dettagliato tutti i modi in cui era probabile che venisse citato, e sembra che i fondatori abbiano ascoltato. Meno di un giorno dopo essere andati in beta pubblica, hanno chiuso il mercato, promettendo un eventuale ritorno con una versione free-to-play. Per quanto il mercato NFT sembri pieno di soldi divertenti (e spesso lo è), un sacco di fondatori di progetti NFT di alto livello passano un tempo terribilmente lungo a mettere a punto le meccaniche con gli avvocati prima del tempo, in modo da non ritrovarsi con queste scelte difficili dopo il lancio. Parlando di soldi divertenti, questo pezzo di arte generativa venduto per 6,9 milioni di dollari questa settimana e questo rospo è andato per 420 ETH (1,5 milioni di dollari), buon fine settimana!


illustrazione di soldi che piovono

Crediti immagine: Bryce Durbin / TechCrunch

aggiunte cose

Alcune delle mie letture preferite dal nostro nuovo servizio in abbonamento TechCrunch+ questa settimana:

Le startup globali hanno raccolto 158 miliardi di dollari nel Q3
“…Da quando la metà posteriore del 2020 ha preso il via e il mondo del venture capital e delle startup ha scoperto che la COVID e i suoi impatti economici correlati erano in gran parte destinati a mancare al mercato della tecnologia emergente, gli investitori sono stati impegnati a infilare quantità sempre maggiori di denaro nelle nuove aziende di tutto il mondo. L’accelerazione del dispiegamento di capitale ha generato più unicorni, più mega-rounds e semplicemente più dollari disponibili che mai nella storia delle startup…”

Ottenere i dettagli giusti nel tuo pitch deck
“…ogni Disrupt, ospitiamo una sessione che chiamiamo Pitch Deck Teardown. Si tratta di un workshop conviviale in cui i fondatori del pubblico mi inviano i loro mazzi, e io ne esamino una serie curata dal vivo di fronte a un panel di VC eccezionali, che criticano il mazzo slide per slide. Quest’anno al TechCrunch Disrupt 2021, siamo stati raggiunti da Maren Bannon, co-fondatore e managing partner di January VenturesVanessa Larco, partner di NEAe Ben Ling, fondatore e partner generale di Bling Capital

I migliori VC si esprimono su come raccogliere i primi dollari
“…Nina Achadijan, partner di Index Ventures, ha iniziato esortando i fondatori a considerare prima se hanno davvero bisogno di raccogliere capitale di rischio. E’ un momento fenomenale per essere un imprenditore early-stage. C’è più capitale che mai e c’è la volontà di accettare la tecnologia dai consumatori e dalle imprese”, ha detto. E francamente, ci sono un sacco di cambiamenti di piattaforma che sono molto eccitanti per gli imprenditori in fase iniziale. Ma la prima cosa che devi fare è chiederti: Hai davvero bisogno di raccogliere capitale di rischio? Ci sono così tante imprese incredibili che possono essere costruite che in realtà non hanno bisogno di finanziamenti VC”.


Grazie per la lettura, e ancora una volta, se stai leggendo questo sul sito TechCrunch, è possibile ottenere questo nella tua casella di posta elettronica dal pagina della newslettere segui i miei tweets @lucasmtny

Lucas Matney



Source link