Un nuovo legante per il metano potrebbe evitare che ogni anno vengano bruciate in modo sprecato enormi quantità di gas naturale.

L’industria petrolifera mondiale brucia ogni anno circa la stessa quantità di gas naturale utilizzata dall’America centrale e meridionale.

A rapporto da New Atlarivela che il nuovo legante potrebbe aiutare a convertire gran parte di questo gas in combustibili liquidi in modo economico.

Il problema del metano nell’industria petrolifera

La produzione di petrolio è attualmente responsabile di circa il 40% delle emissioni di metano dell’industria petrolifera e del gas. Finora le compagnie petrolifere non hanno avuto un’opzione economicamente valida per catturare il metano che fuoriesce durante le trivellazioni. Per questo motivo, bruciano il gas, rilasciandolo nell’atmosfera, dove ha un potenziale di riscaldamento globale da 84 a 87 volte superiore a quello dell’anidride carbonica. Ciò si traduce in circa 265 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica.

I ricercatori dell’Università del Nuovo Galles del Sud ritengono di aver fatto un importante passo avanti con un metodo di trasformazione catalitica più efficiente ed economico.

I ricercatori dell’UNSW hanno utilizzato la modellazione al computer per individuare il metallo osmio, l’elemento a più alta densità presente in natura, come bersaglio ideale per legare il metano. “Abbiamo scoperto che il metano, generalmente inerte, interagisce con una specie centrata sul metallo osmio per formare un complesso osmio-metano relativamente stabile”, ha spiegato James Watson, autore principale della ricerca. un nuovo studio. “Il nostro complesso ha un’emivita effettiva di circa 13 ore”.

“Ciò significa che la metà del complesso impiega 13 ore per decomporsi”, ha proseguito. “Questa stabilità, insieme alla durata di vita relativamente lunga di questo complesso, consente un’analisi approfondita della struttura, della formazione e della reattività di questa classe di [osmium] e contribuisce alla progettazione di catalizzatori che hanno il potenziale di trasformare il metano in composti più utili dal punto di vista sintetico”.

Aiutare la transizione dai combustibili fossili

I complessi di osmio consentono agli scienziati di eseguire analisi molecolari approfondite che dovrebbero portare a nuovi processi catalitici che utilizzano più elementi disponibili, dato che l’osmio è uno degli elementi più rari della Terra.

“Un modo per convertire il metano in combustibili liquidi è l’uso di catalizzatori che contengono elementi metallici di transizione”, ha detto il co-autore dello studio, il professore associato Graham Ball. “Non solo [are liquid fuels] molto più conveniente e sicuro dello stoccaggio dei gas, ma anche [come in] con un costo energetico molto più basso”.

“I carburanti liquidi sono più facili da trasportare”, hanno proseguito, “e sarebbero facilmente integrabili nella nostra infrastruttura di carburante esistente – la benzina E10 ha già il 10% di etanolo. Se esistessero metodi efficienti e commercialmente validi per convertire il metano in metanolo, ad esempio, questo fornirebbe anche un incentivo a conservare il metano per la conversione e a evitare di bruciarlo senza scopo, riducendo l’uso complessivo di combustibili fossili e le emissioni nocive. Speriamo che la nostra scoperta informi la progettazione di catalizzatori di prossima generazione, più efficienti e commercialmente validi”.

I combustibili idrocarburici rilasciano ovviamente emissioni di anidride carbonica, il che significa che questa soluzione non sarebbe rispettosa dell’ambiente. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha recentemente affermato che il sistema energetico globale è “rotto” e che sono necessarie azioni molto più drastiche. In questo contesto, questa soluzione potrebbe non essere sufficiente.

Tuttavia, il nuovo metodo potrebbe impedire l’estrazione di altri combustibili, il che significa che servirebbe a ridurre leggermente il problema. Inoltre, eviterebbe che enormi quantità di gas naturale vadano sprecate. Inoltre, c’è la possibilità che il carburante liquido derivato dal metano possa essere miscelato con il biocarburante. Nel complesso, potrebbe costituire un passo importante nella transizione dal consumo di combustibili fossili.

Source link