Amazon è interessata a utilizzare i sensori radar per abilitare il monitoraggio del sonno e i gesti sui suoi dispositivi intelligenti, secondo according nuove autorizzazioni concesso dalla Federal Communications Commission (attraverso Bloomberg). L’implementazione potrebbe essere simile a come Google utilizza il suo sensore Soli nel Nest Hub di seconda generazione.

La richiesta iniziale di Amazon alla FCC depositata il 22 giugno (e dissotterrato da SlashGear) sostiene che il suo uso pianificato del radar consentirebbe “il controllo senza contatto delle caratteristiche e delle funzioni del dispositivo senza causare interferenze dannose agli utenti della co-frequenza”, il che potrebbe essere utile per gli utenti con mobilità ridotta o disturbi del linguaggio. La società afferma inoltre che i nuovi sensori possono essere utilizzati per “monitorare il sonno e potrebbero aiutare a migliorare la consapevolezza e la gestione dell’igiene del sonno da parte dei consumatori”.

A gennaio sono emerse voci secondo le quali Amazon stava costruendo un tracker del sonno abilitato per Alexa “delle dimensioni di un palmo” con un focus specifico sul monitoraggio della respirazione per gli utenti che hanno apnea notturna. La società inoltre digerisce e visualizza già i dati sul sonno per chiunque utilizzi la sua fascia Halo (quella con la funzione di scansione del corpo accurata ma problematica). Amazon ha ampliato le capacità dell’app Halo con una nuova funzionalità di Movement Health che analizza la flessibilità, rilasciata la scorsa settimana.

La richiesta di Amazon non spiega come potrebbe essere un prodotto reale con questi nuovi sensori radar, ma aggiungerli ai futuri dispositivi Echo non sembra molto a portata di mano, dato quanto comodamente si adattano ai comodini. Nel suo Nest Hub, i sensori radar Soli di Google tracciano i movimenti del sonno e il respiro in concerto con i microfoni e un sensore di temperatura integrato. Acquistare significa consentire a Google, e forse un giorno ad Amazon, di fissarti tutta la notte ma in un modo meno invasivo di una telecamera o di un braccialetto.

Source link