Kevin Ryan è diventato molto ricco trovandosi al posto giusto al momento giusto – anche alla rete pubblicitaria online DoubleClick, di cui è entrato a far parte come dodicesimo dipendente e che alla fine ha diretto come CEO (è stato poi acquisito, due volte) – così come co-fondatore di numerose aziende, tra cui la società di software MongoDB, che è attualmente valutata circa 30 miliardi di dollari come una società quotata in borsa. (Ryan possiede ancora “almeno la metà delle mie azioni” nella società, dice).

L’altro giorno, abbiamo parlato con Ryan della sua più grande e nuova scommessa, che è sulla tecnologia sanitaria. Come abbiamo riferito in precedenza, la sua società di investimenti AlleyCorp sta inserendo 100 milioni di dollari, in gran parte capitale di Ryan, per avviare e finanziare le aziende in questo spazio – e questo è in cima alle circa 20 scommesse correlate che l’azienda ha già fatto. Ci siamo chiesti come sia diventato così coinvolto quando i suoi progetti precedenti erano quasi del tutto estranei. Potete ascoltare quella conversazione qui o guarda gli estratti qui sotto.

TC: Per qualcuno che non presta attenzione, la tua estrema attenzione alla tecnologia sanitaria è sorprendente. Cosa ha stimolato il tuo interesse iniziale?

KR: Una delle cose che faccio sempre dal punto di vista di AlleyCorp è pensare a quali sono le tendenze da cinque a dieci anni su cui vogliamo scommettere. Alcune aree possono essere sovraffollate, e pensi che non ci siano opportunità, tutto è già stato fatto. E a volte pensi che ci sia una grande opportunità. E così, a partire da due o tre anni fa, ho sentito che sia a New York che nella sanità in generale, c’erano enormi opportunità perché ci sono così tanti aspetti del sistema sanitario che non funzionano bene. È incredibilmente costoso, i registri elettronici non sono ottimi, è super inefficiente. La maggior parte di noi è molto frustrata dall’intero sistema sanitario, il che significa opportunità.

TC: Lei sta supervisionando principalmente il suo capitale qui. Perché non prendere miliardi di dollari di capitale esterno da investire, cosa che, in questo mercato attuale, come imprenditore e investitore provato, potresti presumibilmente fare?

KR: In parte perché l’area dell’ecosistema in cui mi piace giocare e sono più a mio agio e conosco meglio è l’early stage. Quindi voglio investire in qualche azienda che vale 3 miliardi di dollari e sperare che arrivi a 10 miliardi? Non è proprio dove gioco io. Voglio essere nella fase iniziale, dove è più rischioso, e questo richiede meno capitale. A proposito, non abbiamo limiti di capitale, altrimenti non lanceremmo tutte queste altre cose [including incubating a number companies inside AlleyCorp like Nomad Health, which raised a $63 million round earlier this year, and Pearl Health, which closed an $18 million round in September].

Quando iniziamo una nuova azienda, mettere da 1,5 a 2 milioni di dollari è quello che ci vuole per far decollare un’azienda, poi raccogliamo denaro [from] all’esterno e se abbiamo bisogno di raccogliere molti soldi, raccogliamo molti soldi, e continuiamo ad investire, cerchiamo di limitare il nostro investimento in qualsiasi azienda a circa 10 milioni di dollari. Ma no, ci sono molte opportunità. Ed è qui che voglio giocare.

TC: E questo modello funziona anche in un mondo in cui ora vediamo seed round da 100 milioni di dollari?

KR: L’ambiente cambiato ci aiuta. Prendiamo Pearl Health. Abbiamo investito circa 1,5 milioni di dollari in quella società e iniziamo con una grande posizione azionaria. Dipende dalla società, ma avremo da qualche parte tra i nostri partner probabilmente dal 30% al 60% perché il team di gestione ha molto e a volte abbiamo anche dei co-fondatori, quindi è una grande posizione.

Poi una società come Andreessen Horowitz entra con una grande valutazione, un grande passo avanti – e noi mettiamo altri 3 o 4 milioni di dollari in quel round – ma siamo noi a scegliere chi entra. E, a proposito, se c’è un round che accade a, non so, 400 milioni di dollari, a quel punto, probabilmente smetteremo di investire. Questo è quello che succede con i fondi seed. Altri grandi fondi arriveranno, saremo diluiti, e questo non è un problema. Il nostro denaro è più efficace quando pensiamo di poter fare 10 volte i nostri soldi.

TC: Quindi non siete interessati a partecipare nelle fasi successive.

KR: No. Ho investito occasionalmente in alto. Abbiamo appena messo un mucchio di soldi in Nomad, e Nomad è ad una valutazione di circa 250 milioni di dollari. Ma penso che sia un’azienda da 2 miliardi di dollari che può essere creata, quindi mi sento ancora bene [our bigger investment], ma è probabilmente l’ultimo round in cui investiremo. Ci sono altre persone che giocano il ruolo di mettere i soldi e pensare di ottenere un ritorno 2x o 3x su questo, che è fantastico per il loro fondo. Sono in una fase molto più avanzata; saranno solo in [a company] per cinque anni. Noi vogliamo metterci i nostri soldi, rimanerci per nove anni e guadagnare 100 volte i nostri soldi,

TC: Molti dei tuoi contemporanei stanno iniziando la transizione fuori dall’industria del venture, o fuori dalle loro aziende, almeno. Mi sono chiesto come stai pensando a questo. Hai un braccio destro alla AlleyCorp? Cosa succede quando decidi di fare un passo indietro?

KR: Per prima cosa, non credo che questo accadrà presto. Ma sapete, è Brenton [Fargnoli]che gestisce lo sforzo sanitario; è Wendy [Tsu] che è nello spazio non sanitario. E poi la mia ipotesi è che tra un anno avremo altri due o tre partner e io sarei effettivamente il socio dirigente dell’azienda. Ma sono a posto per altri 10 anni.

Source link