La stilista Jemma Swatek, che ha creato il marchio Lykke Wullf, ha frequentato il college per studi ambientali, ma in seguito è passata al design della moda. Ora, però, si ritrova a considerare costantemente il suo ambiente mentre crea vestiti.

“Quando si tratta di progettare, considero sicuramente il tempo, il clima”, ha detto. “Vivo a Los Angeles. Ogni estate diventa sempre più calda. L’anno scorso ero tipo, ‘oh mio dio, io sono così fottutamente caldo’ ed è stato allora che ero tipo, ‘Ho bisogno di fare i vestiti più larghi e comodi l’anno prossimo.’

Il caldo è stato una grande ispirazione per la sua recente collezione estate 2021, che presenta molto lino. Lo trova traspirante e gli piace come ondeggia lontano dal corpo.

“Sono stato più interessato al lino negli ultimi due anni, e penso che il caldo ne faccia parte”, ha detto. “L’ho fatto diventare un reggiseno, ma abbiamo anche fatto un taglio ampio camicie di lino a maniche lunghe … perché voglio rimanere fresca, ma sono una persona all’aria aperta e la mia pelle brucia.”

Gli Stati Uniti hanno appena concluso la loro giugno più caldo mai registrato, l’Occidente è stato arrostito da calore implacabile tutta l’estate. Con un tempo del genere, nessuno vuole indossare tessuti appiccicosi e sudati. Invece, siamo tutti alla ricerca di vestiti leggeri e traspiranti. La biancheria si adatta al conto. Realizzate con gli steli delle piante di lino, le fibre di lino sono grandi e i tessuti tendono a presentare una trama più aperta, lasciando entrare più brezza. Non è solo questa estate. Biancheria è stato da tutte le parti per le ultime due estati. E mentre il nostro pianeta si riscalda ulteriormente, potrebbe essere pronto per essere il tessuto dell’epoca.

Gina Stovall, una scienziata del clima che è anche la designer di Two Days Off, usa molto lino e altri tessuti naturali nei suoi progetti. Ha notato che non sono solo traspiranti ma anche aspetto presentabile senza essere stirato.

“Con i tipi di tessuti naturali che uso… non devo fare tanta manutenzione su di loro”, ha detto. “Non voglio passare più tempo a usare un ferro da stiro e cose del genere e diventare ancora più caldo.”

Rispetto ad altri tessuti, anche il lino tende ad avere un’impronta ecologica abbastanza ridotta. a differenza di fibre sintetiche come il poliestere, che sono fatti di combustibili fossili inquinanti di gas serra, è fatto interamente da piante. Anche il lino richiede molta meno acqua crescere del cotone. Ed esteticamente, il tessuto sembra presentabile ma non troppo elegante, che si adatta a come le persone vogliono vestirsi con il caldo.

“Penso che il tempo abbia, in un certo senso, reso le cose più casual”, ha detto Christopher Kunz, co-fondatore del marchio di abbigliamento Nicholas K. “Quando fa caldo, non importa quale sia l’evento, non voglio essere in un vestito pesante. Non voglio essere in una camicia rigida. Voglio indossare qualcosa in maglia che scorra, che sia comodo da indossare, che non limiti i movimenti”.

Il carro armato Yarrow di Lykke Wullf

Il lino può tendere a stropicciarsi facilmente: le fibre di lino non hanno a elasticità naturale, quindi quando vengono spinti in una certa posizione, trattengono le pieghe. Mia madre tende a non indossarlo per questo motivo. Ma in questi giorni, la nostra propensione per l’abbigliamento casual può anche rendere le persone meno preoccupate per quelle imperfezioni. Va bene che i vestiti sembrino vissuti e meno che perfetti.

“Il mio obiettivo è sempre aspetto fantastico ma essere molto comodo e casual e poter fare qualsiasi cosa con i miei vestiti in qualsiasi momento”, ha detto Swatek.

Se hai comprato molta biancheria quest’estate, chiaramente non sei solo. E non preoccuparti, non dovrai metterlo via in autunno.

“Con il lino, tutti pensano che sia un tessuto estivo. Ma questo tessuto è il mio preferito perché è molto versatile. Con il caldo assorbe il sudore, ma aiuta anche a isolarti quando fuori fa freddo“, ha detto Stovall.

In un clima cambiato mondo, non fa mai male essere preparati per gli estremi su entrambe le estremità del mercurio.

.

Source link