Foto: Paul J. Richards (Getty Images)

Il recente passaggio di 1 trilione di dollari infrastrutture il pacchetto è pieno di iniziative, ma spruzzato in là in mezzo a $ 17 miliardi di finanziamento per i programmi di sicurezza stradale è un mandato che richiede ai produttori di automobili di implementare il monitoraggio sistemi di monitoraggio per identificare e fermare i guidatori ubriachi.

Il mandato, prima ha osservato dall’Associated Press potrebbe applicarsi ai nuovi veicoli venduti già nel 2026. I tribunali hanno ordinato per anni ad alcuni guidatori ubriachi di usare etilometri collegati a interblocchi di accensione per avviare i loro veicoli, ma la tecnologia notata in questo disegno di legge porterebbe quel concetto molto più avanti e dovrebbe essere in grado di “monitorare passivamente[ing] le prestazioni di un conducente di un veicolo a motore per identificare accuratamente se quel conducente può essere alterato”.

Anche se il dipartimento dei trasporti deve ancora mettere i piedi sul tipo esatto di tecnologia che utilizzerà per questo programma, la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) e 17 produttori di automobili hanno lavorato su qualcosa chiamato il Sistema di rilevamento dell’alcol nel conducente per la sicurezza ( DADSS ) dal 2008. DADSS è esplorando sia un sistema basato sul respiro che sul tatto per rilevare se un conducente ha una concentrazione di alcol nel sangue (BAC) pari o superiore allo 0,08%.

Il sistema basato sul respiro mira a misurare le letture dell’alcol basate sul respiro del conducente con l’obiettivo di distinguere tra il conducente e i passeggeri. Il sistema basato sul tatto, nel frattempo, farebbe brillare una luce a infrarossi attraverso il polpastrello del conducente per misurare i livelli di alcol nel sangue sotto la superficie della pelle.

Le case automobilistiche stanno anche lavorando sulle proprie soluzioni di monitoraggio al di fuori del DADSS. L’anno scorso, Volvo ha iniziato a far rotolare veicoli con telecamere e sensori che potrebbero essere utilizzati per cercare segni di conducenti distratti o ubriachi. Nissan ha anche sviluppato quella che ha chiamato una “concept car per la prevenzione della guida in stato di ebbrezza” dotata di un sensore-riempito manopola che sostiene può rilevare la presenza di alcol nel sudore di un conducente. Tesla ha anche iniziato utilizzando la telecamera sopra i suoi specchietti retrovisori dei suoi veicoli Model 3 e Model Y per monitorare i conducenti, ma che è focalizzata più su garantire che i conducenti stanno prestando attenzione durante l’utilizzo di programmi di assistenza alla guida.

La posta in gioco intorno al rilevamento della guida in stato di ebbrezza non potrebbe essere più alta. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) circa 10.000 persone vengono uccise ogni anno a causa di incidenti che coinvolgono l’alcol, il che costituisce circa un terzo di tutte le morti per incidenti stradali negli Stati Uniti. Per un senso di scala, la NHTSA stima che una persona è stata uccisa in un incidente di guida in stato di ebbrezza ogni 52 minuti negli Stati Uniti due anni fa.

Il nuovo mandato ha colpito una nota positiva con alcuni gruppi per la sicurezza dell’auto, tra cui Mothers Against Drunk Driving che ha sostenuto una maggiore tecnologia di rilevamento in passato. “È monumentale,” Alex Otte, presidente nazionale di Mothers Against Drunk Driving ha detto a l’AP. Otte ha continuato a descrivere il pacchetto come la “singola legislazione più importante” nella storia del gruppo.

Allo stesso tempo, però, il mandato ha attirato le preoccupazioni degli esperti di sicurezza e dei gruppi per i diritti digitali che avvertono che la tecnologia di monitoraggio del conducente potrebbe avere implicazioni sulla privacy. In un lettera inviata l’anno scorso dall’American Highway Users Alliance, l’organizzazione ha sollecitato il sostegno del programma di ricerca DADSS della NHTSA, ma ha espresso la preoccupazione che la tecnologia potrebbe potenzialmente violare le libertà civili del conducente.

“È anche estremamente importante che una tecnologia progettata per controllare il comportamento umano non sia imposta prima che sia chiaro che le libertà civili siano protette e che la tecnologia funzioni correttamente – senza falsi positivi in cui i conducenti rispettosi della legge non possano avviare le loro auto e falsi negativi in cui i conducenti che violano la legge, oltre il limite legale di alcol, si affidino alla tecnologia per fare la pericolosa supposizione che siano sicuri di immergersi”, ha scritto il gruppo.

Il gruppo ha anche espresso preoccupazioni su come funzionerebbe la raccolta e l’archiviazione dei dati del conducente e chi avrebbe i diritti su quei dati. Altri, come il Surveillance Technology Oversight Project (STOP) Direttore esecutivo Albert Fox Cahn, hanno espresso preoccupazioni sull’accuratezza della tecnologia di monitoraggio del conducente e sui potenziali rischi di distorsione.

“La tecnologia di monitoraggio dell’attenzione è soggetta a errori e distorsioni”, ha detto Fox Cahn a Gizmodo. “Abbiamo visto questo tipo di tecnologia discriminare gli individui con disabilità quando è usata per il controllo a distanza, e sarà altrettanto parziale sulla strada”.

Fox ha avvertito che la tecnologia di monitoraggio potrebbe essere facilmente aggirata da guidatori compromessi.

“Sappiamo da altri paesi che ci sono modi per ridurre la guida in stato di ebbrezza, come investire nel trasporto pubblico, ha detto Cahn. “Dovremmo investire in misure basate sull’evidenza, non trasformare le nostre auto in strumenti di sorveglianza del governo”.

.

Source link