Eros, il personaggio Marvel di Harry Styles, tornerà.
Immagine: Studi Marvel

Vi ricordate nel 2021 quando uno dei del mondo, il più grandemusica più importante stelle spuntato alla fine di un film dei Marvel Studios? Sì, è successo, e anche se da allora c’è stato silenzio radio, tornerà.

Stiamo parlando, ovviamente, di Harry Styles. Il membro degli One Direction è diventato una mega-star solista , diventato attore in erba è apparso come Starfox/Eros, il fratello di Thanos, nella scena dei titoli di coda di Chloé Zhao, film del 2021, Eterni. Quel film, pur dipingendo a grandi linee la storia del Marvel Cinematic Universe, è stato citato solo poche volte da allora e, in una nuova intervista, il produttore dei Marvel Studios Nate Moore ha confermato che presto sarà così anche per Eros.

“Non abbiamo scelto Harry per un’etichetta”, ha detto Moore a Deadline. “[There are] altre storie da raccontare con questo personaggio. Ha un legame interessante con Thanos: sono fratellastri e condividono lo stesso padre. È un personaggio complicato, ma davvero divertente”.

Non abbiamo ancora un’idea precisa di dove o come Eros si inserisca di nuovo in questo mondo.ma quando succede, si deve immaginare che si occuperà delle enormi, enormi conseguenze della Eternali nel MCU. Ricordate quando un Celestiale fu trasformato in un gigantesco isola in mezzo all’oceano? Qualcuno l’ha notato? È un’isola piuttosto enorme, letteralmente, che è ancora in sospeso, così come tutti i potenziali sbocchi per l’eros.

Dove vorreste vedere Eros, il “Principe Reale di Titano, fratello di Thanos, il Fante di Cuori, lo sconfitto di Black Roger, il grande avventuriero, Starfox”? Deve essere per forza Eternals 2? Forse da qualche parte in Guardiani della Galassia Vol. 3? Vendicatori: Dinastia Kang? Fatecelo sapere qui sotto.


Vuoi altre notizie su io9? Scopri quando aspettarti le ultime notizie Marvel, Guerre Stellari, e Star Trek uscite, cosa c’è di nuovo per il Universo DC al cinema e in TVe tutto quello che c’è da sapere sul futuro dell’universo DC. Doctor Who.

Source link