Rapido, un aggregatore di taxi per biciclette in India, ha dichiarato lunedì di aver raccolto 52 milioni di dollari in un nuovo round di finanziamento mentre la startup di sei anni cerca di trovare spazio in una categoria dominata da Ola e Uber nel mercato dell’Asia meridionale.

Il nuovo finanziamento della startup di sei anni — Series C — è stato finanziato da Shell Ventures, Yamaha, Kunal Shah di CRED, Amarjit Singh Batra di Spotify India e Positive Moves Consulting. Anche gli investitori esistenti Pawan Munjal di Hero Group, Westbridge, Nexus Venture Partners e Everblue Management hanno partecipato al round, che porta il suo aumento fino ad oggi a oltre $ 130 milioni.

Rapido offre il suo servizio su due ruote in circa 100 città indiane. La startup afferma di aver accumulato oltre 15 milioni di clienti e 1,5 milioni di partner di guida che chiama capitani. Negli ultimi anni, la startup si è espansa anche nello spazio delle tre ruote, che si dice abbia registrato una crescita di 4X dallo scorso anno in 26 città in cui è operativa, e la consegna iperlocale.

In una dichiarazione, la startup ha affermato che la sua piattaforma, colpita dalla pandemia di coronavirus che ha spinto l’India a imporre il blocco in diversi stati, ha già registrato un recupero dell’85%. La startup ha attribuito la crescita in parte alle crescenti opportunità di e-commerce e consegna iperlocale in India.

“Anche se il nostro prodotto e il nostro modello di business sono redditizi e hanno il potenziale per generare entrate eccezionali, questa raccolta fondi indica più fiducia degli investitori in noi rispetto alla necessità di capitale”, ha affermato Aravind Sanka, co-fondatore di Rapido, in una dichiarazione.

Ha detto che la startup spera di espandersi per servire 50 milioni di clienti nei prossimi 18 mesi. La startup prevede anche di impiegare capitale per ampliare il suo stack tecnologico – sta cercando di fare investimenti strategici – e assumere più persone

La crescita di Rapido segue un cambiamento nel mercato della mobilità indiano, dove Uber e Ola hanno inondato più di un milione di taxi nell’ultimo decennio. Nelle città urbane, le due ruote e le tre ruote si sono dimostrate più efficaci perché possono sfrecciare molto più velocemente nel traffico e sono più convenienti.

Sia Ola che Uber si sono espansi anche alle categorie di due e tre ruote negli ultimi anni, stringendo partnership con aziende come Vogo e Yulu. Ola si è inoltre espansa nella produzione di veicoli elettrici. Domenica ha lanciato il suo primo scooter elettrico, chiamato Ola S1, al prezzo di 99.999 rupie indiane, o $ 1.350. Lo scooter elettrico offre un’autonomia di 121 chilometri (75 miglia) con una carica completa.

Source link