Google ha iniziato a rilasciare l’aggiornamento silenzioso al suo nuovo sistema operativo Fuchsia sui dispositivi Nest Hub di prima generazione (noto come Google Home Hub al momento del rilascio), il che significa che il progetto segreto sarà ampiamente utilizzato dai consumatori dopo anni di sviluppo opaco. Il sistema operativo, che a differenza di Android non è basato su Linux e utilizza un microkernel chiamato Zircon, è stato precedentemente reso disponibile per alcuni dispositivi iscritti a un programma di anteprima a maggio.

Ora, Google ha confermato a 9to5Google che un nuovo aggiornamento del firmware per i dispositivi Nest Hub non in anteprima include l’aggiornamento Fucsia, il che significa che tutti i dispositivi di prima generazione dovrebbero eseguire Fuschia già o molto presto. Ho appena controllato quello sulla mia scrivania, cosa che Google spiega come fare qui – e abbastanza sicuro, risulta che è su Fuchsia proprio ora.

Potresti aver pensato che avrei notato che un dispositivo che guardo e con cui interagisco ogni giorno esegue un sistema operativo completamente nuovo, ma Google sta cercando di rendere l’esperienza il più simile possibile identica. Anche le prestazioni scarse sul Nest Hub di prima generazione sembrano essere molto simili, nel bene e nel male. L’unico modo per sapere che hai Fuchsia è controllare la sezione “Informazioni sul dispositivo” del menu delle impostazioni, e anche in questo caso il sistema operativo non è menzionato per nome.

Ciò significa che la prima distribuzione diffusa di Fuchsia non è così entusiasmante come le possibilità immaginate quando la notizia del progetto ha iniziato a diffondersi più di cinque anni fa. Allo stesso tempo, è piuttosto impressionante che Google sia riuscita a sostituire senza problemi il software di base di un prodotto popolare in un modo che la maggior parte delle persone non se ne accorgerà mai.

Source link