Foto: Kirill KUurdyavtsev (Getty Images)

Ah, ad blocker. Anche se non sei tra i numero crescente di persone che scaricano una di queste estensioni, è probabile che tu abbia sentito persone cantare le loro lodi per tutti i tipi di ragioni. Rendono il web meno disordinato, meno lag, meno invasivo posto dove stare. Quindi, naturalmente, il parvenu tecnologici affamati di soldi hanno trovato un modo per rovinare questi strumenti a proprio vantaggio.

Il ricercatore di sicurezza informatica Sergey Mostsevenko ha analizzato esattamente come funziona questo tipo di schema in a post sul blog dal mese scorso. Come ha detto, il blocco degli annunci medio lascia minuscole tracce di dati sui siti Web che visiti. Quando queste tracce vengono raccolte in massa, un cattivo attore (o un’azienda tecnologica) potrebbe utilizzare questi segnali per identificare il tuo browser specifico, un processo letteralmente chiamato “impronta digitale” nel settore del targeting pubblicitario. E come un’impronta digitale, questi segnali sono praticamente impossibili da eliminare senza prenderne un po’ piuttosto drastico passi.

“Fingerprinting” si riferisce a a particolarmente squallido forma di tracciamento progettata per essere quasi impossibile per gli utenti di scrollarsi di dosso. I cookie possono essere cancellato, la cache può essere svuotata e puoi navigare esclusivamente in modalità di navigazione in incognito, ma l'”impronta digitale” del tuo browser è messa insieme da un uccise di segnali diversi: il tuo indirizzo IP, le dimensioni della finestra, le impostazioni della lingua e molto, molto di più. Quando visiti una pagina web che contiene un pezzo nascosto di codice di impronta digitale, questi punti dati vengono risucchiati e un miscuglio di numeri e lettere, la tua impronta digitale unica, viene sputato fuori. Tracciando quali impronte digitali emergono su quali siti, queste aziende possono rintracciarti di nascosto, indipendentemente da quanto li implori di fermarsi.

Naturalmente, quando utilizzi un blocco degli annunci, emetterà una sorta di segnale al sito che stai visitando, ma non abbastanza per identificare in modo univoco il tuo browser. Per farlo, ha spiegato Mostsevenko, devi essere un po’ creativo.

I blocchi degli annunci sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, ma funzionano tutti allo stesso modo: scansionano elementi specifici su una pagina (come un pezzo di codice degli annunci) e ne impediscono il caricamento in vista. Per sapere cosa vale la pena bloccare, la maggior parte dei principali ad blocker si basa su diversi elenchi di filtri personalizzati per tutti i tipi di annunci fastidiosi che desideri eliminare: Annunci in lingua tedesca, annunci per cellulari, pop-up, e altro ancora. Alcuni bloccanti consentono persino agli utenti di caricare i propri propri elenchi di filtri se le opzioni disponibili non sono sufficienti. Un po’ come diversi buttafuori in diversi locali notturni, ognuno di questi elenchi annullerà la propria raccolta di Snippet HTML e URL degli annunci ogni volta che vengono accesi.

Ci potrebbe essere vicino a 1 miliardo bloccare gli utenti di Internet in tutto il pianeta, ma ognuno di essi utilizza un insieme di strumenti e filtri diversi che è probabilmente diverso dal blocco degli annunci che si trova accanto a loro. In breve, è il principale foraggio per le impronte digitali, con un po’ di lavoro di gambe.

Il blog molto lungo e molto tecnico di Mostsevenko spiega in modo approfondito questo lavoro di routine, ma la versione breve è questa: in primo luogo, metti insieme l’elenco di adblocker che desideri rilevare dai visitatori del sito Web e scopri quali elementi bloccano ciascuno di questi blocchi. Quindi aggiungi un piccolo pezzo di codice a una pagina web, come una striscia di HTML, che carica tutti questi diversi elementi uno alla volta, da qualche parte fuori dalla vista, tenendo sotto controllo quali elementi vengono caricati sulla pagina e quali no. Se l’azienda che crea questi strumenti di rilevamento delle impronte digitali è abbastanza esperta di tecnologia, questo lavoro non dovrebbe richiedere più di un secondo.

Mostsevenko ha testato un programma di sniffing di blocco campione durante l’utilizzo del browser Safari su un MacBook Pro 2015 per vedere quanto ritardo ha aggiunto al tempo di caricamento di una pagina web. Il controllo di ogni elemento in 45 elenchi di blocco degli annunci univoci ha richiesto circa 3 millisecondi. L’aumento di quel numero a 400 elenchi ha richiesto al programma un enorme… 20 millisecondi per essere completato, un ritardo che probabilmente non noterai a meno che tu non sia davvero interessato giochi per console competitivi.

“È probabile che l’elenco dei filtri che una persona utilizza cambi solo se cambia il blocco degli annunci o se il blocco degli annunci installato subisce un aggiornamento significativo”, ha scritto Mostsevenko. Ma questo è destinato ad accadere alla fine. Gli elenchi di filtri ottengono ottimizzato e cambiato dagli sviluppatori tutto il tempo. I blocchi degli annunci vengono revisionati dopo che sono stati compromessa o sorpreso a tirare i propri schemi con i dati delle persone. Queste persone potrebbero acquistare un nuovo computer, provare un nuovo browser o ridurre il testo di due dimensioni. Le persone possono cambiare, il che significa che le impronte digitali basate su ad blocker, o su qualsiasi altro pezzo della nostra vita digitale, non saranno mai perfette. Ma in un mondo dove ci sono i biscotti fatiscente e gli app tracker sono soffocamento, i dati sono dati e l’industria dei dati vale ancora almeno 200 miliardi di dollari. I tuoi dati di blocco degli annunci hanno valore per qualcuno, da qualche parte, un fatto che potrebbe offrire uno strano aumento distopico dell’autostima se sei avvelenato come me.

A parte l’inferno capitalista, ci sono ancora alcuni passaggi che puoi compiere per evitare che il tuo browser, bloccato o meno dalla pubblicità, venga rilevato dalle impronte digitali. La Fondazione Frontiera Elettronica suggerisce disabilitando Javascript dall’esecuzione ogni volta che puoi e usando a browser popolare come Safari o Firefox, ognuno dei quali ha preso il suo possedere passi per annullare i tentativi di rilevamento delle impronte digitali. Riduci al minimo le estensioni, investi in a buona VPN, e non importa quanto sia difficile implorare un sito web, sempre sempre rifiuta i loro biscotti.

.

Source link