Questo pomeriggio Intuit confermato voci persistenti che era in procinto di acquistare MailChimp, dettagliando una transazione da 12 miliardi di dollari che porterà la nota azienda di email infra nel suo ambito aziendale.

Intuit non è un giocatore ben noto nello spazio di email marketing. L’azienda è invece meglio conosciuta per il suo software TurboTax – e le relative pressioni sul governo degli Stati Uniti per assicurare che la sua ricerca di rendita possa continuare – il suo recente acquisto di CreditKarma, e la sua più datata acquisizione di Mint.

La transazione Mailchimp comprenderà sia contanti che azioni.

La domanda che ti frulla nel cervello in questo momento è la cosa giusta da fare: Perché Intuit sta spendendo il 10% della sua capitalizzazione di mercato per comprare una società di email marketing?

Per un comunicato, Intuit pensa che l’affare “avanza” il suo “alimentare la prosperità in tutto il mondo, e la sua strategia per diventare una piattaforma esperta guidata dall’AI”. Normalmente in questo frangente convertirei il corporate-speak dell’azienda in qualcosa in inglese, ma sto lottando.

L’azienda aveva altro da dire, che il suo acquisto di Mailchimp le avrebbe permesso di “accelerare due di [Intuit’s] grandi scommesse strategiche precedentemente condivise: diventare il centro della crescita delle piccole imprese; e sconvolgere il mercato medio delle piccole imprese”.

Questo è un po’ più comprensibile. Il servizio Quickbooks di Intuit è un prodotto ben noto nello spazio SMB. Presumibilmente Intuit ritiene di poter vendere più servizi ai suoi attuali clienti di piccole imprese. Sembra ancora un po’ esagerato, ma presumiamo che le teste d’uovo siano arrivate alla conclusione che le conseguenti sinergie aziendali compenseranno più che bene lo sticker-shock che l’accordo include.

Le azioni di Intuit sono in rialzo di un sottile 0,15% nel trading after-hours, implicando qualcosa di una scrollata di spalle da Wall Street riguardo alla transazione; dato come l’accordo è stato ben rivelato sulla sua strada verso la consumazione, la combinazione potrebbe essere già stata prezzata nel prezzo delle azioni di Intuit.

Per Atlanta, dove ha sede MailChimp, l’accordo è una vittoria. MailChimp è un’azienda famosa per il suo bootstrapped, quindi se stavate cercando la conferma che è possibile costruire decacorni al di fuori della Silicon Valley e senza l’aiuto del venture capital, ecco la prova.

Source link