Il 21 ottobre 2011 alle 10:20 mi sono unito a più di 8,5 milioni di altri californiani per la Great Shake Out, un’esercitazione annuale di preparazione ai terremoti. Quattro ore dopo, la Bay Area è stata scossa da un terremoto di magnitudo 3,9 sulla scala Richter.

Nonostante fossimo stati addestrati proprio per questo scenario, molti colleghi non sapevano come reagire: alcuni si sono fatti prendere dal panico, altri si sono rincalzati sulle porte e molti sono semplicemente corsi verso le uscite.

Quando accade un imprevisto, nessuno sa come reagire. Questo vale anche in un periodo di crisi. Molti fondatori alle prime armi pensano di sapere dove guardare per prima cosa per risparmiare denaro o come fare pivot, ma come dice il proverbio, nessun piano sopravvive al primo contatto con il nemico.

Le best practice di base non aiuteranno la vostra azienda a superare l’inverno, quindi ho invitato Karl Alomar, managing partner di M13, a unirsi a me in uno spazio Twitter per discutere di quanto segue:

  1. Usare la “prioritizzazione spietata” per trovare i punti di prova
  2. Gli investitori si aspettano ancora una “crescita sana”
  3. Perché i fondatori devono assicurarsi un margine di manovra di oltre 24 mesi
  4. Come parlare di pivoting ai vostri investitori
  5. Quando è giusto lasciare i soldi sul tavolo
  6. Che cosa bisogna fare di diverso per raccogliere fondi in un periodo di crisi?

Sulla base del periodo trascorso alla guida di startup durante l’implosione delle dotcom nel 2000 e la Grande Recessione del 2008, Alomar ha affermato che per i fondatori è fondamentale essere strategici e non reattivi.

Per assicurarsi un finanziamento in questo momento, è necessario che l’azienda abbia un rendimento significativamente superiore. Karl Alomar, socio amministratore, M13

A prescindere dal fatto che ci si senta o meno un leader, “le decisioni che si prendono nella propria azienda avranno un impatto su tutte le persone che lavorano per noi, quindi bisogna essere in grado di gestire e comunicare in modo molto efficace con tutti gli interlocutori”, ha affermato.

Usare la “prioritizzazione spietata” per trovare i punti di prova

Alomar ha detto che M13 lavora con i fondatori per identificare i “punti di prova” che le aziende dovrebbero realizzare prima di raccogliere il loro prossimo round.

“C’è una differenza tra i punti di prova, che sono cose che si devono costruire tra un round e l’altro, e la semplice convalida della qualità del business”, ha detto. Questi criteri variano, ma possono includere l’adattamento del prodotto al mercato, le metriche di coinvolgimento o le iniziative specifiche che aiuteranno a raggiungere gli obiettivi aziendali come l’ARR o il burn rate.

“Se si tratta di un’azienda fintech, bisogna assicurarsi che ci sia una buona disponibilità di capitale. Se si tratta di un’azienda di hardware, bisogna assicurarsi che le catene di fornitura funzionino”, ha affermato.

In questo mercato in via di normalizzazione, Alomar ha affermato che gli investitori sono alla ricerca di startup che apportino miglioramenti “incrementali”, in modo da poter ridurre il rischio derivante da investimenti precedenti. Di conseguenza, tutto viene preso in considerazione, compresa la composizione del team di leadership.

“Ci sono aziende in cui si ha la sensazione che i fondatori siano le persone giuste per costruire l’azienda fino alla fase di crescita vera e propria”, ha detto. “Quindi, se avete appena fatto un giro [of] di investimento e avete un team di fondatori fantastico, potreste non avere un punto di prova sulla gestione, perché le persone potrebbero già credere nel vostro team.

Ma se avete avuto un’idea grandiosa e tutti ritengono che l’azienda debba maturare molto, uno dei vostri punti di prova potrebbe essere: “Ehi, dobbiamo costruire un team di gestione in grado di portare questa azienda al successo”: ‘Ehi, dobbiamo costruire un team di gestione in grado di portare l’azienda al livello successivo'”.

Gli investitori si aspettano ancora una “crescita sana

Nonostante la crisi, Alomar ha dichiarato che gli investitori non hanno abbassato le aspettative sulla crescita nelle fasi iniziali.

“In questo momento è necessario ottenere risultati migliori, più efficienti e più efficaci”, ha affermato. “Per assicurarsi un finanziamento in questo momento, bisogna essere un’azienda con performance nettamente superiori”.

Source link