Le grandi aziende tecnologiche come Google, Amazon, Netflix e altre hanno avuto un enorme impatto sul modo in cui viviamo le nostre vite, e hanno avuto incredibili livelli di successo finanziario. Un’altra cosa che molte di queste aziende hanno in comune è che i loro fondatori non sono più necessariamente in controllo; si sono dimessi, hanno iniziato a condividere il potere con altri o, in alcuni casi, sono stati addirittura spinti fuori.

Solo questa settimana, il co-fondatore di Twitter Jack Dorsey si è dimesso da CEO, e il fondatore di Salesforce Marc Benioff è diventato un co-CEO. Non sono soli.

  • Amazon – Nel luglio 2021, Jeff Bezos ha consegnato ufficialmente la posizione di CEO di Amazon all’ex capo di Amazon Web Services Andy Jassy.
  • Apple – Tim Cook è stato temporaneamente lasciato al comando di Apple nel 2009 mentre Steve Jobs si sottoponeva a cure mediche. Jobs è tornato in azienda, ma poi ha messo Cook in carica per un altro congedo nel 2011, prima di renderlo permanentemente CEO più tardi quell’anno. In occasione del suo decimo anniversario come CEO di Apple nel 2021, Tim Cook ha detto che non intende dirigere l’azienda per un altro decennio.
  • ByteDance – Zhang Yiming, fondatore della società che possiede TikTok, ha annunciato che si dimetterà da CEO questo maggio. In una lettera interna, ha detto che era preoccupato di “fare troppo affidamento sulle idee che avevo prima di iniziare la società”.
  • Google – Nell’agosto 2015, i co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin sono passati a supervisionare Alphabet, la holding per le disparate proprietà di Google. Lo shakeup è stato visto come se avessero tolto le mani dalla società del motore di ricerca, lasciando Sundar Pichai in carica, e nel 2019 Pichai ha assunto anche il ruolo di CEO di Alphabet.
  • Instagram – Nel settembre 2018, i co-fondatori di Instagram Kevin Systrom e Mike Krieger hanno annunciato che si sarebbero dimessi, secondo quanto riferito, dopo grandi disaccordi con Facebook e Mark Zuckerberg.
  • Microsoft – La partenza del fondatore di Microsoft Bill Gates è avvenuta in molte fasi, con lui che prima si è dimesso da amministratore delegato nel 2000, poi ha lasciato la sua posizione a tempo pieno nella società che ha contribuito a fondare nel 2008, e infine si è dimesso dalla sua posizione nel consiglio di amministrazione lo scorso anno. Microsoft è attualmente gestita da Satya Nadella, che agisce sia come CEO che come presidente del consiglio di amministrazione.
  • Netflix – Nel luglio 2020, Ted Sarandos si è unito al co-fondatore di Netflix Reed Hastings come co-CEO. L’azienda ha detto che Sarandos stava già aiutando a guidare (era stato con l’azienda per venti anni e era responsabile della sua programmazione originale), e che il suo ingresso in Hastings come CEO era solo una formalizzazione del suo ruolo.
  • Salesforce – Bret Taylor, che ha sostituito Jack Dorsey come presidente del consiglio di amministrazione di Twitter lunedì, sta diventando anche il co-CEO del gigante tecnologico enterprise Salesforce, secondo CNBC. Non è la prima volta che Marc Benioff, il CEO e fondatore dell’azienda, condividerà il potere, ma è un altro caso di un ex vice che inizia a guadagnare più potere all’interno di un gigante tecnologico.
  • Twitter – Lunedì 29 novembre, Jack Dorsey ha annunciato che stava lasciando Twitter, e ha detto: “Ho deciso di lasciare Twitter perché credo che l’azienda sia pronta ad andare avanti dai suoi fondatori”.

Ci sono, naturalmente, eccezioni alla tendenza. La più notevole è il controllo completo del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg su Meta. Ha detto The Verge in ottobre che non ha intenzione di lasciare il suo lavoro, e che sarebbe praticamente impossibile per gli azionisti costringerlo ad andarsene, grazie alla struttura azionaria dell’azienda. A parte Zuckerberg, mi vengono in mente un paio di altri CEO: Jensen Huang è ancora a capo di Nvidia (fino a quando lo sostituisce con un avatar digitale AI), e Snapchat è ancora guidata da Evan Spiegel.

Ovviamente, le aziende tecnologiche possono sopravvivere e prosperare senza i loro fondatori – Microsoft e Apple sono le due aziende pubbliche di maggior valore al mondo.

Source link