Benvenuti a Startups Weekly, un nuovo punto di vista umano sulle notizie e tendenze delle startup di questa settimana. Per riceverlo nella tua casella di posta, iscriviti qui.

Oper8r, costruito da Winter Mead e Welly Sculley, vuole aiutare i nuovi entranti nel mondo VC a scalare. L’acceleratore ha lanciato l’anno scorso come un “Y Combinator per gestori di fondi emergenti”, costruito per aiutare i capitalisti solitari e le persone che lanciano fondi a rotazione a crescere.

L’idea era che un individuo ben collegato e intelligente può essere in grado di raccogliere i suoi primi 10 milioni di dollari in un fondo di debutto grazie alle connessioni, ma quando arriva il momento di scalare a un fondo da 50 milioni o 200 milioni di dollari, i manager devono avere una comprensione sofisticata di come funziona il mondo del LP.

Ora, Mead sostiene che tutti i 18 laureati all’interno della sua prima coorte, che includono Stellation capital, Maple VC, Interlace Ventures e Capitale di cambiamento dell’offerta, hanno chiuso con successo i fondi. La sua seconda coorte è ancora nel processo di raccolta fondi, ma in entrambe le coorti sono stati chiusi oltre 500 milioni di dollari. Oper8r lancerà la sua terza coorte la prossima settimana e presto annuncerà il lancio di Cr8r, un programma early-stage per aiutare gli investitori angel di talento a far crescere la loro cadenza di investimento.

L’espansione di Oper8r arriva mentre cresce anche il tasso di raccolta di fondi per la prima volta. Yuliya Chernova del Wall Street Journal ha scritto una storia questa settimana su come, dopo anni di declino, il tasso di raccolta fondi per la prima volta negli Stati Uniti è “sulla buona strada per invertire la rotta”. La storia, con l’analisi della società di consulenza Different Funds, afferma che “nel secondo trimestre di quest’anno, circa il 40% degli annunci di fondi di venture-fund, che include i fondi che hanno appena iniziato a raccogliere capitali, sono stati fatti da fondi di debutto, mentre rappresentavano circa il 20% e il 30% degli annunci di fondi in ogni trimestre negli ultimi due anni”.

Questi dati urlano che l’ascesa di un GP da solo, o di un ambizioso rolling-fund-turned-venture firm, non è un caso isolato, è una tendenza reale. Questo significa che c’è più pressione per le aziende di venture per andare oltre un programma di scout quando si tratta di sostenere i prossimi grandi investitori – e c’è più di un mercato per gli sforzi formali per scalare le operazioni.

Mead, nel frattempo, sta cucinando modi per aggiungere convalida e segnale a Oper8r. Molti acceleratori scrivono assegni per convalidare ulteriormente le loro scelte, ma anche per sfruttare l’accesso che stanno ottenendo aiutando gli imprenditori in erba prima che LP e VC di alto livello li notino. Ha accennato che Oper8r può perseguire una strategia simile mentre cerca di essere il go-to per i manager emergenti.

“Penso che il capitale parli più forte dei programmi educativi”, ha detto. “Se stai mettendo soldi nelle opportunità in cui sei impegnato, penso che serva come un segnale maggiore rispetto a qualcuno che sta solo passando il programma”.

Nel resto di questa newsletter, discuteremo l’ultima danza della creator economy, la settimana internazionale BNPL, e perché sto mettendo Reid Hoffman sulla sedia calda. Come sempre, potete trovarmi su Twitter @nmasc_ e ascolta il mio podcast, Equity.

Edtech vuole avere il suo momento di economia creatrice, ed è complicato

Crediti immagine: Bryce Durbin / TechCrunch

L’edtech e la creator economy differiscono certamente nei problemi che cercano di risolvere: Trovare una soluzione VR per rendere le classi STEM online più realistiche è una noce diversa da rompere rispetto all’ottimizzazione di tutte le diverse strategie di monetizzazione di un creatore in una sola piattaforma. Eppure, i due settori hanno trovato un terreno comune nell’ultimo anno – come incapsulato dall’ascesa delle piattaforme di classi basate sulla coorte.

Ecco cosa c’è da sapere: Ho scritto di come la sovrapposizione di entrambi i settori stia portando ad alcune complicazioni durante l’ascesa delle classi basate sulla coorte. Alcuni temono che trasformare i creatori in educatori potrebbe portare un’ondata di insegnanti non qualificati senza alcuna comprensione della vera pedagogia, mentre altri pensano che la vera democratizzazione dell’istruzione richiede uno sconvolgimento di chi è considerato un insegnante.

Extra Edtech:

TTYL, BNPL

Crediti d’immagine: Bryce Durbin / TechCrunch

Questa settimana su Equity, Mary Ann e io abbiamo dato un senso a quella che sembrava una settimana internazionale di BNPL: PayPal ha acquisito la giapponese Paidy per 2,7 miliardi di dollari, Zip ha acquistato Payflex in Africa e Addi ha raccolto 75 milioni di dollari per dimostrare il potere di BNPL in LatAm.

Ecco cosa c’è da sapere: Il boom globale è in parte in risposta alle tendenze dell’e-commerce, in parte in risposta alla domanda dei consumatori per una maggiore flessibilità quando si tratta di finanziamenti. Il mercato non è un vincitore di tutti, quindi aspettatevi più startup ben capitalizzate che comprano la loro strada nei mercati di consumo al di fuori della loro geografia.

Altre notizie degne di nota:

Reid Hoffman sulla sedia calda

Reid Hoffman

Crediti immagine: Kelly Sullivan/Getty Images per LinkedIn

Nei giorni scorsi ho letto il podcast di Reid Hoffman, diventato un nuovo libro, “Masters of Scale”. Per tutto il tempo, mi sono sentito come se un mentore con una buona rete mi stesse facendo un discorso di incoraggiamento, con nomi che si trasformavano in consigli generalisti e uno sguardo dietro le quinte delle decisioni dell’umanità.

Ecco cosa c’è da sapere: Mentre il libro mi ha dato una necessaria spinta di ottimismo, avevo ancora alcune critiche. Mi sembrava che la scelta del libro di non parlare molto del brutto all’interno di startupland creasse una sorta di squilibrio. Avrebbe giovato parlare direttamente delle dinamiche divisive, da come Adam Neumann di WeWork ha influenzato il modo in cui parliamo dei fondatori visionari, il memo di Brian Armstrong su Coinbase e cosa significa per la cultura delle startup, o anche il ruolo della stampa tecnologica oggi.

Quindi, ho un’idea. Bilanciamo l’allegria con il cinismo, e facciamolo dal vivo. Quest’anno intervisterò Hoffman al TechCrunch Disrupt, dove lo metterò sulla sedia calda e lo spingerò a spiegare alcune delle scelte che ha fatto nel libro. Altre persone che sono entusiasta di vedere allo show includono il CEO e il chief content officer di Peloton e Ryan Reynolds.

Compra i tuoi biglietti per TechCrunch Disrupt usando questo link, o usa il codice promozionale “MASCARENHAS20” per un piccolo sconto da parte mia.

Intorno a TC

Sarò onesto, tutto ciò di cui stiamo parlando internamente in questi giorni è una cosa: Disrupt, Disrupt, Disrupt. Ecco l’agenda del Disrupt Stage, che comprende tre giorni virtuali di chiacchiere senza sosta sull’innovazione dirompente.

Nel corso della settimana

Visto su TechCrunch

Visto su Extra Crunch

E questo è tutto! Non sembrava affatto una settimana breve, eh?

Ci sentiamo presto,

N



Source link