Vi manca qualche criptovaluta? È molto probabile che sia stata la Corea del Nord a prenderla.
Illustrazione: ApeLuminosa (Shutterstock)

La principale agenzia di spionaggio della Corea del Sud ha rivelato giovedì che gli hacker nordcoreani sponsorizzati dallo Stato hanno rubato 1,2 miliardi di dollari in criptovalute e altri beni digitali da obiettivi di tutto il mondo negli ultimi cinque anni.

Il National Intelligence Service ha dichiarato che più della metà dei beni rubati, pari a circa 626 milioni di dollari, sono stati sottratti nel solo 2022, il Associated Press ha riportato. Dell’importo totale sottratto quest’anno, più di 78 milioni di dollari provenivano dalla Corea del Sud. Il agenzia di spionaggio si aspetta Corea del Nord intensifichi i suoi attacchi informatici alla Corea del Sud nel 2023 e si concentri sul furto di tecnologie avanzate relative a impianti nucleari, chip e industria della difesa.

“Nel 2023, terzo anno del suo piano quinquennale di sviluppo economico, si prevede che il Nord sia intenzionato a rubare tecnologie chiave e a raccogliere informazioni diplomatiche e di sicurezza nel tentativo di raggiungere i suoi obiettivi politici”, ha dichiarato il National Intelligence Service. ha dichiarato, secondo il Agenzia di stampa Yonhap.

Inoltre, è probabile che la Corea del Nord continui a compiere furti di criptovalute. Gli hacker nordcoreani sono considerati tra i migliori al mondo nel rubare criptovalute e beni digitali, la National Intelligence Service ha spiegato. I ladri digitali hanno affinato le loro abilità dopo che le Nazioni Unite hanno inasprito le sanzioni economiche nel 2017, vietando le esportazioni nordcoreane, tra cui carbone, tessuti e frutti di mare, in risposta ai test di armi nucleari e missili effettuati dal Paese.

Le sanzioni dell’ONU hanno spinto la Corea del Nord a concentrarsi sui crimini informatici. Secondo gli esperti statunitensi e internazionali, il Paese usa fino a un terzo dei fondi rubati per finanziare il suo programma missilistico. La Corea del Nord è considerata una delle principali minacce informatiche a livello mondiale insieme a Cina, Russia e Iran.

A novembre di quest’anno, la Corea del Nord aveva effettuato 34 test di armi con circa 88 missili balistici e da crociera. A novembre, il Paese ha testato due missili balistici intercontinentali, che secondo gli esperti possono colpire ovunque negli Stati Uniti.

Source link