Il nuovo Assistant Driving Mode può aiutarvi a raggiungere luoghi senza toccare lo schermo mentre siete al volante.
Foto: Florence Ion / Gizmodo

Vivo nei sobborghi della California, noti per i loro relativa non percorribilità a piedi, esacerbata dalla presenza di dolci colline e giornate di caldo soffocante. Mi affido alla mia auto per portare me e la mia famiglia in giro, e voglio la minor distrazione possibile quando sono al volante.

Ho adottato Android Auto nel 2016 come sistema di intrattenimento in plancia della mia vecchia auto quando Google versione solo telefono di Android Auto per i veicoli senza sistemi di infotainment. Alla fine, produttori come Anker hanno iniziato a produrre adattatori di terze parti come il Roav Boltche si inseriscono in una presa dell’auto e trasmettono audio attraverso gli altoparlanti del veicolo via Bluetooth. Era un modo per me di evitare di aggiornare la mia auto per avere le funzioni vivavoce.

Ma Google prevede di fare a meno dell’app del telefono autonomo Android Auto e sta invece facendo perno su un’esperienza più snella all’interno dell’app Google Maps. Si chiama Assistant Driving Mode, ed è iniziato il roll out per selezionare i dispositivi, secondo 9to5Google. Se stai eseguendo Android 12 Beta, dovresti vederlo spuntare in alto una volta che hai gridato, “Start driving mode” o, “Drive” all’Assistente Google. Alcuni hanno anche segnalato che è spuntato su dispositivi Android 11 che eseguono la beta di Google Assistant, che è possibile sfogliare attraverso il Play Store, anche se io stesso non sono riuscito a farlo apparire.

Sono riuscito a farlo funzionare sul Pixel 5 con l’ultimo aggiornamento beta di Android 12. C’è un pagina di supporto se hai bisogno di altro aiuto per farlo comparire. La nuova UI dovrebbe essere disponibile senza inserire una destinazione, ma Sono stato in grado di ottenere la nuova schermata iniziale solo la prima volta che ho chiesto all’Assistente di lanciare la funzione, dopo di che ha capito che non stavo guidando da nessuna parte ed è tornato a Google Maps. L’angolo in basso a destra dell’app Mappe mostra un piccolo pulsante del cassetto delle applicazioni come si vede su Android, e premendolo si accede a una sorta di launcher di guida.

Tre screenshot, fianco a fianco, della nuova modalità di guida Assistant

Il nuovo Assistant Driving Mode è un launcher di app Android completamente rinnovato per l’auto.
Screenshot: Florence Ion / Gizmodo

Puoi scegliere le tue applicazioni da qui, in modo simile al modo in cui sfoglieresti attraverso le applicazioni nel launcher di Android Auto sulle auto che lo hanno incorporato nel cruscotto. Ogni piccola app ha un interfaccia che si popola di link rapidi e playlist se si tratta di un’app di riproduzione multimediale. Ci sono anche pulsanti rapidi per effettuare una chiamata, inviare e visualizzare messaggi, o guardare attraverso le playlist multimediali curate per voi dall’Assistente in app come YouTube Music e Google Podcasts – due app che non uso affatto. Ho anche segnato Spotify come mio lettore musicale predefinito nelle impostazioni di Google Assistant, ma non ho accesso a quelle playlist a meno che non tocchi specificamente l’app Spotify.

Non c’è un pulsante indietro su Assistant Driving Mode, quindi se vuoi passare a un altro compito o a un’altra app, dovrai toccare il launcher e selezionare l’opzione che fa per te. Oppure puoi usare il, “Hey Google”, che è ciò che questa funzione dovrebbe ispirarvi a fare, comunque. È il motivo per cui compreresti un accessorio come il Roav Bolt, che aggiunge un microfono alla tua auto in modo che possa sentirti dirlo, e perché Google si sta allontanando dall’aspetto originale di Android Auto sul telefono.

Due screenshot, fianco a fianco, delle due versioni di Android Auto e della modalità di guida Assistente

L’app Pocket Casts su Assistant Driving Mode (a destra) ha meno menu da scavare rispetto all’app originale di Android Auto (a sinistra) per lo smartphone.
Screenshot: Florence Ion / Gizmodo

Il nuovo Assistant Driving Mode non è perfetto, ma sembra un passo nella giusta direzione. È molto meglio del anteprima iniziale che ho visto al Google I/O nel 2019, dove ho visto una dimostrazione di un’interfaccia a pagina intera che scorreva a lungo attraverso ciascuna delle opzioni di funzionalità disponibili durante la guida. L’interfaccia è anche molto più facile da toccare con un dito, e ci sono meno menu da affrontare, probabilmente perché non c’è più un pulsante “indietro” per trascinarti attraverso le strutture dei menu. La chiave per un’interfaccia sicura in auto è che si può dare un’occhiata per ottenere le informazioni necessarie senza distogliere l’attenzione dalla strada (che è il motivo per cui cerco di evitare di guidare su software beta!).

Spero che diventi un po’ più facile arrivare alla schermata iniziale curata senza entrare in modalità di navigazione o senza che l’auto debba riconoscere il movimento. Dopo tutto, cosa succede se non sto guidando da nessuna parte in particolare, ma voglio comunque mischiare la mia musica? Posso accedere alla modalità di guida assistita per avviare la canzone, ma solo se imposto una destinazione, cosa che non sempre ho bisogno di fare.

Con tl’androide Auto telefono app voce al Cimitero di Google presto, è bello vedere che Google sta cercando di migliorare la modalità di guida Assistente. Lo rende più facile per quelli di noi che non hanno auto compatibili con Android Auto avere funzioni e app ottimizzate per una guida più sicura.

.

Source link