Gli investitori della società di social media Snap sono in fibrillazione oggi pomeriggio: il titolo ha subito un crollo dopo la pubblicazione dei risultati del secondo trimestre di ieri. Al momento in cui scriviamo, il prezzo delle azioni è sceso di quasi il 40%, in quanto gli investitori hanno modificato le loro aspettative sulla performance futura del titolo.

Dopo aver chiuso ieri appena sotto i 16,50 dollari, il titolo si aggira ora sotto i 10 dollari. Il titolo è crollato di quasi il 90% rispetto al massimo storico di 83,34 dollari raggiunto nel settembre dell’anno scorso, cancellando decine di miliardi di valore del capitale di mercato e cadendo più duramente di criptovalute volatili e in crisi come il Bitcoin.

Come ha fatto Snap a spaventare così tanto gli investitori? Come abbiamo riportato ieri, la società non solo non ha rispettato le previsioni di fatturato, ma non ha fornito indicazioni sui trimestri futuri a causa di “incertezze legate all’ambiente operativo”.

L’anno scorso Snap ha cavalcato l’onda, godendo di un multiplo degli utili che molti analisti consideravano insostenibile, ma che altri vedevano come un segnale di grandi aspettative per l’azienda rispetto ai suoi concorrenti.

Molti titoli tecnologici hanno subito forti riduzioni di prezzo nel contesto di un più ampio crollo dei titoli tecnologici, ma Snap ha subito un calo percentuale molto più profondo rispetto alle altre società di social media, tra cui Twitter e Meta.

Source link