OpenSea, uno dei più popolari marketplace di NFT, ha lanciato la sua prima app per iOS e Android. L’app permette agli utenti di OpenSea di visualizzare la collezione di oggetti digitali della piattaforma, ma in particolare non permette di cambiare denaro, digitale o altro (via TechCrunch).

L’app OpenSea funziona fondamentalmente come una specie di galleria. Puoi sfogliare le opere d’arte, condividere le inserzioni che trovi, e guardare e gestire con amore i tuoi NFT. L’app condivide molto dello stesso stile blu e bianco del sito di OpenSea, manca solo il pulsante che dice “Compra ora”.

Ci sono un paio di possibili ragioni per cui gli acquisti NFT effettivi mancano. Al livello più ovvio e più alto, OpenSea probabilmente non vuole condividere un 30% di transazioni NFT con gente come Apple e Google. Questo non aiuta le persone che vendono il lavoro, e non aiuta OpenSea. L’altro fattore complicante è che i pagamenti di OpenSea sono spesso in Ethereum, che attualmente non è supportato come metodo di pagamento in-app su entrambe le piattaforme.

Sulla carta, l’app OpenSea promuove l’obiettivo della società di “rendere gli NFT più disponibili a tutti”, ma senza l’elemento economico chiave – quello che viene venduto agli artisti in difficoltà e speculato da investitori affamati – sarà prima di tutto un altro modo per guardare dei bei JPEG. L’app sta anche lanciando in un momento imbarazzante per l’azienda. Il capo prodotto di OpenSea Nate Chastain ha fatto un’uscita di alto profilo dalla società la scorsa settimana in seguito alle accuse di insider trading NFT.

Source link