Nel giro di sei giorni e cinque giorni New York Times riporta l’editorialista dei media Ben Smith, Ozy Media è passato da un produttore di contenuti in gran parte sconosciuto a chiudere i battenti. La startup mediatica di otto anni era irriconoscibile ai più. Operava nell’anonimato nonostante un roster che includeva alcuni noti giornalisti, gli ospiti di alto profilo che apparivano nello show del CEO Carlos Watson, o i passeggeri della metropolitana di New York che venivano occasionalmente inondati di pubblicità per il suo evento Ozyfest.

Se non seguite troppi giornalisti su Twitter, potreste non aver sentito, ma lo scorso fine settimana il primo New York Times ha rivelato due cose scioccanti su Ozy Media. Uno, che il co-fondatore e COO Samir Rao ha partecipato a una conferenza telefonica con i banchieri di Goldman Sachs su un potenziale investimento di 40 milioni di dollari e ha impersonato un dirigente di YouTube esaltando le virtù del canale video di Ozy Media. Due, che dopo che l’inganno è stato rivelato, la leadership di Ozy Media ha dato la colpa a un problema di salute mentale e ha permesso a Rao di rimanere nella sua posizione di dirigente.

Il giorno dopo, Carlos Watson ha twittato che si trattava di un “hit-job”, e ha sottolineato le ragioni per considerare Ben Smith troppo conflittuale per riferire sulla società. Smith possiede ancora una quota di Buzzfeed, e Watson ha detto che alla fine del 2019, come Buzzfeed redattore capo, Smith ha cercato di organizzare i negoziati per acquisire Ozy Media.

Nei giorni successivi, altre storie raccontate da Ozy Media e Watson hanno iniziato a svelarsi.

Questo include praticamente ogni affermazione sulla sua portata e sul suo traffico (un sito che sostiene di avere 25 milioni di iscritti alla newsletter dovrebbe essere più noto), e le sue affermazioni di aver riferito su figure pubbliche come Rep. Alexandria Ocasio-Cortez (D-NY) prima di altri punti vendita. Mentre queste affermazioni sono state riecheggiate in rapporti come questo articolo su Axios, Laboratorio Nieman giornalista Joshua Benton ha indagato su e ha scoperto che anche nei casi citati da Ozy, la sua copertura è arrivata mesi o anni dopo che i soggetti erano stati coperti a fondo nelle pubblicazioni mainstream.

La missione di Ozy – “Abbiamo costruito la nostra reputazione sull’essere in anticipo sulla curva – abbiamo presentato Trevor Noah prima che fosse nominato conduttore di Il Daily Show, vi ha portato Alexandria Ocasio Cortez quando lavorava come barista nel Bronx e ha messo in mostra Awkwafina all’OZY Fest prima che diventasse una star globale vincitrice del Golden Globe”.
Immagine: Ozy.com

Watson ha detto ai giornalisti il CNBC che dopo una disputa sul nome del suo festival, Ozzy e Sharon Osbourne hanno iniziato a investire nel sito. Questa settimana Sharon Osbourne ha detto a CNBC che non sono mai stati azionisti e ha chiamato Watson “il più grande imbroglione che abbia mai visto in vita mia”.

Un ex produttore dello show di Carlos Watson ha rivelato che ai suoi ospiti di grande nome era stato detto che lo show sarebbe andato in onda su A&E e che faceva parte del pacchetto YouTube Original. Un portavoce della rete ha detto al New York Times che A&E ha detto no allo show prima che iniziassero le registrazioni. Una pubblicità in stile rivista per Ozy Media è stata pubblicata sul New York Times con una grande tagline che accredita Dateline con una dichiarazione che si riferisce a Watson come “Il miglior intervistatore della TV”. Come questo tweet sottolinea, l’annuncio non menziona che quelle parole sono apparse su Dateline come una citazione del COO di Ozy Samir Rao.

Negli ultimi giorni, l’ex giornalista della BBC Katty Kay si è dimessa pubblicamente, gli inserzionisti sono scappati sulle colline, e il suo presidente Marc Lasry – proprietario dei Milwaukee Bucks, campioni del mondo NBA – si è dimesso solo tre settimane dopo prendere il posto. Questa mattina, Watson si è dimesso dal consiglio della National Public Radio. Poi, questo pomeriggio, è arrivata la notizia che Ozy stava chiudendo del tutto.



Source link