Seksom Suriyapa era apparentemente destinato ad approdare in una società di venture. Laureato in legge a Stanford, ha lavorato in due banche d’investimento blue-chip prima di entrare nella società di cybersicurezza McAfee come dipendente senior corp dev, poi ha trascorso sei anni nella società di software di risorse umane SuccessFactors e, nel 2018, è approdato a Twitter, dove ha diretto il suo team di sviluppo aziendale di 12 persone fino a giugno.

La sorpresa più grande è che Suriyapa – che è appena entrato nella società di venture con sede a Los Angeles Upfront Ventures – non ha fatto il salto prima. “Il catalizzatore è stato trovare un’azienda che sembrava esattamente adatta a me”, dice Suriyapa.

Abbiamo parlato oggi con Suriyapa – che vive e rimarrà nella Bay Area – del suo nuovo ruolo in Upfront, dove guiderà la pratica di crescita in espansione con il fondatore della società Yves Sisteron.

Ha anche fatto luce su come Twitter – che è stato su un po ‘di acquisto – pensa alle acquisizioni in questi giorni. La nostra chiacchierata è stata leggermente modificata per la lunghezza.

TC: Come sei finito a far parte di Upfront?

SS: [Longtime partner] Mark Suster ed io siamo stati presentati attraverso una conoscenza comune di affari nel mondo del venture, e ho avuto modo di conoscerlo per un periodo di tempo e ho scoperto che è davvero un individuo notevole. È attento al business stesso, è un incredibile costruttore di marchi. Penso che si possa affermare che [Upfront] ha messo Los Angeles sulla mappa dell’imprenditoria.

TC: È stata anche, per molto tempo, un’azienda early-stage, ma ora ha una strategia “a bilanciere”. Il tuo nuovo lavoro è quello di assicurarti che possa mantenere la sua partecipazione nelle società in portafoglio mentre crescono? Può fare acquisti al di fuori di quel portafoglio?

SS: La missione per me sarà quella di sostenere il meglio delle oltre cento società di portafoglio esistenti di Upfront che sono pronte a scalare, e anche di investire in società non valutate sulla piattaforma, e prevedo [the latter] accadrà sempre di più nel tempo.

TC: Twitter era molto più attivo sul fronte del corp dev durante gli anni in cui c’eri tu. Perché?

SS: Quando sono entrato nel 2018, Jack Dorsey era stato amministratore delegato per circa tre anni, e davvero la sua attenzione era sulla missione principale di guidare la conversazione pubblica, e nel fare questo, Twitter si è ristretto fuori da un sacco di aziende e [shrunk] persone anche.

TC: Ricordo che ha licenziato persone nel 2016.

SS: E una delle conseguenze di ciò è stata una diminuzione dei prodotti più nuovi, quindi non ci sono state nuove acquisizioni nei tre anni precedenti al mio arrivo, e questo muscolo si atrofizza se non lo si esercita. Così [ahead of me] Jack aveva trasformato il team di gestione, che era stato, relativamente parlando, una porta girevole di dirigenti fino a quel punto, e sono stato portato con un mandato specifico di ravvivare una pratica di sviluppo aziendale che era stata tranquilla per alcuni anni. Avevo conosciuto [CFO] Ned Segal quando era un banchiere alla Goldman Sachs e [while] Io ero al SuccessFactors, così quando ho sentito parlare del ruolo attraverso il passaparola, ho contattato.

TC: E Twitter inizia a fare shopping, comprando il servizio di lettura di notizie Scroll, la piattaforma di newsletter Revue. Queste decisioni venivano dall’alto o viceversa?

SS: Il modo migliore per descriverlo sarebbe che è stato guidato dai bisogni del prodotto. L’azienda aveva alcuni obiettivi diversi. Uno era quello di diversificare Twitter dalla sua dipendenza dall’essere un business ad-driven. Qualcosa come l’80% delle entrate proviene dagli annunci.

In secondo luogo, c’è un incredibile bisogno di accelerare il suo apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale come azienda. Se stai cercando la tossicità nella conversazione, non è scalabile assumere decine di migliaia di persone per farlo. Hai bisogno dell’apprendimento automatico per trovarla. Twitter fatto bene è anche in grado di mostrarti le conversazioni che sono più interessanti per te, e per fare questo, deve prendere segnali da ciò che segui e spendi tempo a leggere e ciò con cui interagisci, e questo, nel suo nucleo, è ML AI. [Relatedly] Jack ha una visione che chiunque twitti in qualunque sia la sua lingua madre dovrebbe essere in grado di parlare con qualcun altro nella sua lingua madre come parte di una conversazione globale, e per fare questo, è necessario [natural language processing] tecniche a bizzeffe.

TC: C’è anche questo focus sulle applicazioni consumer.

SS: Questo è il terzo obiettivo. Quali sono gli strumenti che i follower e i creatori possono utilizzare per conversare tra loro? Così [Twitter] aggiunto l’audio [via its Clubhouse rival Spaces]. Abbiamo comprato Revue, che è un concorrente di Substack. Quindi c’è un sacco di innovazione intorno al tipo di contenuto che qualcuno dovrebbe aspettarsi di vedere o creare su Twitter.

TC: Descriverebbe queste acquisizioni come proattive o reattive?

SS: Dall’esterno sembrerebbe reattivo, ma la realtà è che abbiamo pensato molto a qualcosa come Spaces anche prima che Clubhouse decollasse. Penso che ciò che si nota è [Spaces] è una delle prime volte che si è vista un’azienda come Twitter costruire una capacità e una nuova area di prodotto che va testa a testa contro un’azienda che si è concentrata solo su quel regno, ed è competitiva dal primo giorno. Twitter ha battuto Clubhouse in [offering an] Android perché vi ha riversato risorse, e direi che molte delle meccaniche di Twitter e il fatto che i creatori sono su Twitter lo mettono in una posizione fantastica per vincere questo segmento.

Twitter ha anche un’enorme quantità di esperienza nel trovare la tossicità e le cose di cui si vuole diffidare quando si è un social media play, e un’azienda delle dimensioni di Clubhouse, almeno nei suoi giorni iniziali, avrà difficoltà ad arrivarci.

TC: Twitter ha così tanti interessi, anche intorno alle criptovalute e alla decentralizzazione.

SS: In termini di priorità a Twitter, molto è sotto silenzio in termini di tecnologie che ci aspettiamo [will rise up over] i prossimi cinque o 10 anni, ma [a lot of thought is being given to] l’impatto delle criptovalute e i protocolli sottostanti intorno ad esse e come Twitter partecipa a un sistema senza fiducia e senza permessi [world] dove c’è un internet decentralizzato che può proteggere la privacy delle persone e permettere alle persone di non preoccuparsi di dove vengono memorizzati i loro contenuti. La gente pensa a Twitter come un’app per i consumatori, ma c’è una sorprendente e considerevole diversità sotto il cofano.

TC: Pensi che a causa dell’attuale ambiente normativo abbia più possibilità di lavorare con aziende e progetti che potrebbero essere stati presi da Facebook e Google?

In termini di ambiente normativo, la realtà è che anche se si tolgono Facebook e Google dall’equazione, ci sono acquirenti competitivi che si farebbero avanti per comprare le cose, quindi è un po’ miope pensare solo a quei due. Ma anche quando erano attivi, stavamo vincendo [deals]. Molte delle aziende che abbiamo acquisito si sono auto-selezionate per essere in Twitter perché gli piace ciò che rappresenta, gli piace il modo in cui Jack Dorsey guida l’organizzazione, e credono nelle posizioni che prende e in quelle che lui e la sua leadership sposano.

TC: Lei ora rappresenta un marchio molto diverso. In che modo il tuo lavoro a Twitter ti aiuterà a competere per gli accordi per conto di Upfront?

SS: Ho questa rete di incredibili imprenditori in tutto il mondo a causa di aziende attraverso la mia carriera che ho aiutato ad acquisire o cercato di acquisire o che stanno gestendo le imprese; ho anche [have relationships with] VCs in diverse fasi che individuano attivamente le imprese in tutto il mondo [and introduce them to corp dev teams]. Potreste anche sapere che Twitter ha un programma di diversità e inclusione in cui intende avere il 25% della leadership diversa nei prossimi anni, quindi il mio team era spesso coinvolto nel trovare i modi migliori per trovare obiettivi diversi da acquistare. Ho anche guidato una serie di investimenti LP in nuovi fondi emergenti, alcuni fondati da LatinX, alcuni fondati da donne, alcuni fondati da neri, alcuni che erano diversi da un punto di vista geografico che stanno esplorando le aziende in luoghi lontani. . .

TC: Twitter fa anche investimenti diretti?

SS: Abbiamo fatto investimenti diretti ma [backing fund managers] è un approccio più leveraged. La maggior parte di loro sono fondi di semi e investiranno a loro volta in 30-60 aziende ciascuno. Ma sì, ho fatto lo scouting di aziende in luoghi lontani, tra cui [India’s] ShareChat dove ho fatto parte del consiglio di amministrazione per due anni. [Editor’s note: TechCrunch reported earlier this year that Twitter explored buying ShareChat at an earlier point; the company has since raised numerous rounds of funding and was most recently valued by its investors at nearly $3 billion.]

TC: Hai un sacco di relazioni, ma sembrerebbe ancora molto difficile competere per accordi di crescita quando così tante altre aziende stanno investendo anche lì. Come pensate di competere?

SS: Chiaramente attingerò a queste reti per trovare accordi. Sarò investire in settori in cui Upfront ha già investito, ma inizialmente sarò doppio clic che ihave un forte interesse in, anche intorno creatore economia ecosistema, perché ho fatto o molto di quello a Twitter. E w3b 3.0, ow questo permissionless viene togerh, edge computing ML AI e data condivisa che va attraverso una serie di discipline che ho lavoratoin, penso che uno dei punti forti che cinterdiscplianry aree, anche in sostenibilità sono ma non voglio scherzare. Si compete imparando qual è la propria value proposition. A Twitter, la mia strategia era vincere sulla velocità, conoscendo prima le persone, e [underscoring] La proposta di valore di Twitter [to close deals]. Non posso parlare del mio [VC] Non posso parlare della mia strategia senza averla ancora attuata; dovrò capire cosa è più interessante per gli imprenditori che i megafondi non offrono.

Source link