Perdonatemi se sono qui, nell’angolo, con un vibrante flashback del Commodore 64, il mio primo computer. Oggi, Pentaform lancia il suo AbacusBasic, un computer integrato in una tastiera. È dotato di Windows 10 e di tutto ciò che serve per fare cose da computer. È comunque necessario un monitor, ma ci sono alcune soluzioni per risolvere il problema, tra cui un’uscita VGA o HDMI, in modo da poter trasformare quasi tutti i televisori o gli schermi dei computer in una soluzione di visualizzazione.

Il computer non mostra esattamente grandi muscoli, ma per il pubblico di destinazione non ne ha bisogno. Si tratta di una macchina per scrivere o per guardare YouTube, non di una piattaforma di gioco o di un computer per il montaggio video. Concentrandosi sull’essere un computer funzionale con il minor impatto ambientale possibile, l’AbacusBasic mira a rendere accessibile l’informatica, posizionandosi in modo da contribuire all’apprendimento online, alla ricerca di lavoro e all’accesso alle informazioni sanitarie.

L’intero computer è grande all’incirca come la tastiera di un computer e comprende anche la tastiera stessa. In un’impressionante impresa di miniaturizzazione, i produttori hanno essenzialmente spremuto tutto ciò che serve per un “computer” in una tastiera, e gli hanno appioppato un prezzo di 150 dollari. Il computer è dotato di un processore quad-core con un massimo di 4 GB di RAM e 512 GB di spazio di archiviazione, una serie di porte USB, una porta Ethernet, uscite HDMI e VGA, un altoparlante integrato e un track pad integrato. Il computer viene fornito con Windows 10 preinstallato e, a quanto pare, supporta display con risoluzione fino a 4K. Niente male!

“A differenza della maggior parte della tecnologia, l’AbacusBasic considera il pianeta come uno dei suoi primi beneficiari”, ha scritto il cofondatore di Pentaform, Joon Sang Lee, in un’e-mail. “In un mondo in cui 4,2 miliardi di persone non hanno ancora accesso al computer, creare più computer non è la risposta. Creare computer migliori ed eco-consapevoli lo è”.

L’azienda sostiene che l’AbacusBasic è progettato per durare anni con l’uso quotidiano e spiega che è stato progettato da zero anche per il suo fine vita. Grazie a un design intelligente, la macchina può essere facilmente separata dall’involucro esterno e dall’hardware interno. L’hardware interno può essere riutilizzato o riciclato, mentre l’involucro esterno (stampato a iniezione con un polimero biodegradabile) finirà per biodegradarsi.

Per i nerd, il computer è dotato di un processore Quad-Core x86 a 64 bit con architettura a scheda singola. È alimentato da un processore personalizzato Intel Atom x5-Z8350 Cherry TrailQuad-core a 1,44 GHz con Turbo boost a 1,84 GHz. La memoria è fornita da un doppio canale LPDDR3 a 64 bit@1866Mb/s con opzioni che vanno da 2 a 8 GB. Per l’archiviazione è disponibile un modulo eMMC, con opzioni che vanno da 16GB a 128GB, e una scheda μSD, dove lo slot μSD supporta fino a 512 GB di schede μSD.

Sul fronte delle porte, il computer dispone di una porta HDMI 2.0 che supporta fino a 4K@30, un jack da 3,5 mm con supporto per il microfono, una porta USB 3.0, un paio di porte USB 2.0 e una porta Ethernet gigabit. Dispone inoltre di una porta USB-C che supporta il power delivery e di un modulo radio che supporta Wi-Fi 802.11 ac e Bluetooth 4.2.

L’azienda apre oggi i preordini dal suo sito web.

Source link