Forse non ve ne rendete conto, ma stiamo vivendo in un’epoca d’oro per i controller di gioco. I gamepad presenti sul mercato sono di qualità migliore, più versatili e più personalizzabili rispetto a quelli di poche generazioni di console fa. Questo include la pletora di opzioni di terze parti, da parte di aziende come PowerA, Scuf, Nacon, e Turtle Beach, così come controller first-party dei produttori di console. Sono finiti i tempi dei controller economici, “fratelli minori” che sembravano belli ma funzionavano a malapena.

Ora è possibile scegliere tra un’ampia gamma di controller e, se si gioca su Xbox e PC Windows, la stessa opzione funziona per entrambi. Supponiamo che la vostra console preferita sia Xbox Series X o Xbox Series S. Qual è l’opzione migliore per voi? Abbiamo testato una serie di controller per trovare il miglior controller Xbox che si possa acquistare.

Il controller standard Controllore wireless Xbox è risultato la nostra scelta migliore, il che può sembrare ovvio, ma è il migliore per un motivo: versatilità, comfort e molto altro. Oltre a questo, vi illustreremo alcuni punti di forza e di debolezza di altri controller che meritano la vostra attenzione, dalle opzioni premium come il Xbox Elite Series 2 e Scuf Istinto Pro ad alcune scelte economiche di qualità come le Controllore cablato potenziato PowerA.

Naturalmente esistono modelli vecchi e fuori produzione che sono ancora compatibili, come i controller Xbox One compatibili con le Xbox Series X / S, ma il nostro obiettivo è quello di guidarvi all’acquisto di prodotti regolarmente disponibili in questo momento. Abbiamo categorie che vi aiuteranno a orientare la vostra decisione di acquisto e a trovare quello giusto per voi, comprese le opzioni personalizzabili che potrebbero darvi un piccolo vantaggio nei giochi multiplayer competitivi. Inoltre, con l’Amazon Prime Day in arrivo il 12 e 13 luglio, è probabile che molti di questi controller siano in offerta.

Il controller Xbox standard ha un ottimo aspetto, è piacevole da usare e disponibile in colori vivaci.

1. Controllore wireless Microsoft Xbox

Il miglior controller Xbox per la maggior parte delle persone

Ok, so già cosa state pensando. “Il miglior controller per Xbox è quello in dotazione con la Xbox?”. Può sembrare un’affermazione scontata, ma vi assicuro che questo controller “standard” si guadagna davvero il titolo di migliore opzione per la maggior parte dei giocatori Xbox. Può mancare di alcune delle caratteristiche extra che verranno descritte nelle opzioni premium, ma questo controller è il distillato di quattro generazioni e di numerosi controller first-party che lo hanno preceduto, e si vede.

È l’unica opzione wireless accessibile, grazie al protocollo wireless proprietario di Microsoft. Sebbene alcuni possano odiare il fatto che sia dotato di batterie AA invece che di una cella ricaricabile integrata, ciò significa anche che è flessibile, consentendo l’uso di batterie AA ricaricabili o di un pacco batterie. Funziona anche come accessorio cablato se abbinato a un cavo USB-C, e le batterie sostituibili dall’utente evitano di ritrovarsi con un controller che non mantiene la carica dopo anni di utilizzo.


Controllore wireless Xbox

Il controller Xbox Wireless ufficiale ha un pulsante di condivisione dedicato per salvare clip e screenshot e condividerli online, supporto Bluetooth e una porta USB-C per ricaricare la batteria ricaricabile play-and-charge di Microsoft.

Ma il pad Xbox standard non è ottimo solo per la sua connettività. L’hardware stesso è eccellente per il prezzo di 60 dollari del controller. Gli stick, i pulsanti, i grilletti e il D-pad a forma di piatto affondato sono tutti impeccabilmente saldi, e quest’ultimo ha un clic soddisfacente. Se siete fan sfegatati dei giochi di combattimento, potreste essere più avvantaggiati da un arcade stick o da un controller orientato a quel genere, con un D-pad impeccabile, come quello di un gioco da tavolo. Horipad Pro di Hori – ma il controller wireless di Xbox è un eccezionale “jack-of-all-trades”.

Le batterie AA potrebbero non essere l’ideale, ma è possibile utilizzare anche pacchetti ricaricabili aggiuntivi, come questo di Hori.

Attenzione ai dettagli: Microsoft abbina il colore del pulsante Xbox illuminato al controller.

L’unica cosa che manca rispetto alle opzioni più costose sono i pulsanti aggiuntivi personalizzabili e la regolazione del software per aspetti come la sensibilità dello stick, anche se Microsoft offre una personalizzazione estetica attraverso il suo Xbox Design Lab, che va da 69,99 a 99,94 dollari a seconda della configurazione. C’è molto da apprezzare in questi controller, sia che li facciate voi stessi sia che ne scegliate uno tra i vari colori che Microsoft continua a offrire.

L’Enhanced Wired Controller di PowerA è un ottimo affare, con tutti i tipi di colori e design unici.

2. Controllore cablato potenziato PowerA

Il miglior controller economico per Xbox

Se siete alla ricerca di un ottimo controller ma non avete molti soldi da spendere e non vi dispiace avere un cavo, l’Enhanced Wired Controller di PowerA offre un valore impeccabile senza sacrificare troppo. Il suo prezzo di vendita al dettaglio è di 37,99 dollari, ma alcune varianti di colore possono scendere fino a 25 dollari. A proposito di colori, l’Enhanced Wired Controller è disponibile in un’ampia varietà di tonalità e design, tra cui quelli su licenza di franchise di giochi come Mass Effect e Ricaduta. Alcuni di questi design potrebbero farvi sospettare che si tratti di imitazioni a basso costo, ma la qualità del controller potrebbe sorprendervi quando lo userete.


Controllore cablato potenziato PowerA

Il PowerA Enhanced Wired Controller è un controller cablato economico per Xbox e PC che si collega tramite Micro USB e presenta due pulsanti personalizzabili sul retro. È disponibile in diversi colori e disegni su licenza.

Innanzitutto, togliamo di mezzo il suo più grande svantaggio: utilizza una connessione Micro USB (che schifo, lo so). Almeno il cavo è lungo e staccabile, ma l’assenza di un connettore reversibile è fastidiosa. Per fortuna, non c’è nient’altro di questo controller che sembri così antiquato. La qualità costruttiva è ottima e dispone anche di due pulsanti posteriori mappabili integrati nelle impugnature, il che è ottimo a un prezzo così basso.

Il resto del controller PowerA Enhanced Wired è una serie di paletti, ma esegue tutto abbastanza bene a un prezzo ridicolmente conveniente. PowerA ha omesso il rumble del grilletto a impulsi, ma se c’è una caratteristica su cui risparmiare, direi che è la scelta giusta. D’altro canto, l’Enhanced Wired Controller viene fornito con una garanzia di due anni, il doppio rispetto a opzioni più costose come l’Elite Series 2 di Microsoft.

I pulsanti posteriori personalizzabili sono facili da usare senza intralciare il gioco.

Se solo questo controller fosse dotato di USB-C invece che di Micro USB.

Se avete un budget limitato, PowerA offre un ottimo rapporto qualità-prezzo con l’Enhanced Wired Controller. Vale la pena ricordare che se avete un po’ più di soldi da spendere, il PowerA Fusion Pro 2 è un altro ottimo controller che supera la sua classe di peso. Il Fusion Pro 2 sembra un po’ un imitatore dell’Elite Series 2 di Microsoft, ma il suo prezzo pieno di 89,99 dollari scende solitamente a 62,99 dollari. È un controller da scegliere se siete alla ricerca di un controller di qualità superiore con caratteristiche aggiuntive, come i quattro paddle posteriori e le impugnature gommate, ma avete un budget più vicino a quello di un controller Xbox standard.

Anche il PowerA Fusion Pro 2 offre un ottimo rapporto qualità/prezzo per chi è alla ricerca di caratteristiche di alto livello ma con un budget limitato.


PowerA Fusion Pro 2

Il PowerA Fusion Pro è un’alternativa economica al controller Xbox Elite Serie 2. È dotato di stick intercambiabili, pulsanti paddle posteriori mappabili, anelli di attrito e una custodia con zip. Questo controller cablato ha anche un jack da 3,5 mm per giocare con le cuffie e si collega tramite USB-C.

L’Xbox Elite Series 2 è realizzato con materiali pregiati ma ha un’estetica gradevole e discreta.

Il miglior controller premium per Xbox

Il controller Xbox Elite Series 2 è la versione premium e sofisticata del controller di serie di Microsoft. È anche più vecchio, essendo stato rilasciato un anno prima dell’arrivo delle console Xbox Serie X/S. Per questo motivo, pur disponendo di una porta USB-C e del supporto wireless, non dispone del comodo pulsante Share presente sul più recente controller wireless Xbox. Tuttavia, compensa ampiamente con un’eccezionale qualità costruttiva, pulsanti aggiuntivi, stick e D-pad intercambiabili dall’utente e un’ampia possibilità di personalizzazione.

Chi prende in mano un controller Xbox Elite riconosce immediatamente la qualità dei materiali utilizzati. Mentre il controller standard utilizza una struttura in plastica senza pretese, l’Elite mescola plastica di qualità superiore con impugnature gommate e pezzi di metallo. Se a questo si aggiunge la batteria ricaricabile integrata, l’Elite è notevolmente più pesante dei suoi fratelli più economici. Viene inoltre fornito con un dock di ricarica e una custodia con cerniera con ricarica passante.


Xbox Elite Serie 2

Xbox Elite Series 2 è uno dei nostri controller preferiti. The Verge. Si tratta di un miglioramento del già eccellente Elite Controller, con una profonda personalizzazione, pulsanti paddle posteriori opzionali e un D-pad e stick analogici intercambiabili che consentono di adattare il layout al proprio stile di gioco.

Per quanto le rifiniture siano eccellenti, i componenti chiave che potrebbero darvi un vantaggio competitivo sono le chiusure a grilletto e i pulsanti posteriori a paletta. In teoria, il grilletto a molla consente di sparare più velocemente quando si gioca con i tiratori, mentre i pulsanti posteriori permettono di saltare, accovacciarsi, ricaricare e così via, senza togliere il pollice dallo stick destro per mirare. Tuttavia, l’utilizzo di così tanti pulsanti sul retro del controller richiede un certo adattamento. È necessario allenare una nuova memoria muscolare e, poiché richiede una certa destrezza con più dita, non sono adatti a tutti.

Queste caratteristiche premium hanno anche un costo elevato. L’Elite Series 2 ha un prezzo normale di 179,99 dollari e, anche se spesso scende a 139,99 dollari, è comunque più del doppio di un normale controller Xbox. Se non si utilizzano i paddle posteriori o le regolazioni software per la sensibilità della levetta, non si può dire che il prezzo sia conveniente.

Il D-pad in metallo, simile a un piatto, è una piccola opera d’arte. Purtroppo, però, è ben lontano dal miglior D-pad in circolazione.

I quattro paddle rimovibili sul retro si trovano sotto i blocchi del grilletto e i perni del dock di ricarica.

Bisogna anche sapere che il controller Elite ha una certa fama di controllo di qualità insufficiente, con storie di orrore da parte degli utenti che hanno dovuto ricorrere a diverse sostituzioni in garanzia. Alla fine del 2020 Microsoft ha esteso la garanzia del controller da 90 giorni a un anno per rispondere alle preoccupazioni, ma l’acquisto di un Elite Series 2 può ancora sembrare una proposta un po’ rischiosa. Tuttavia, quando si riesce a mettere a segno la sequenza perfetta – passando alla pistola e mettendo a segno un colpo alla testa con un rapido scatto del grilletto, mentre i pollici restano ben saldi sugli stick – può valerne la pena.

L’Instinct Pro di Scuf è ultra-premium e molto personalizzabile – a un costo aggiuntivo.

4. Scuf Instinct Pro

Un secondo classificato ancora più costoso dell’Elite

Lo Scuf Instinct Pro si trova in una posizione un po’ strana, in quanto è l’unica opzione wireless di terze parti, ma è di gran lunga il controller Xbox più costoso in circolazione (parte da 199,99 dollari). Quello che ho provato costava 263,91 dollari con un frontalino speciale e accenti di colore aggiunti. Si tratta di un prezzo superiore a quello della Xbox Series S, che di tanto in tanto viene venduta come un’intera console. Tuttavia, se siete disposti a spendere una cifra simile, l’Instinct Pro è probabilmente migliore dell’Elite di Microsoft per alcuni aspetti specifici, in primo luogo il comfort e l’implementazione dei pulsanti posteriori e dei grilletti.


Scuf Instinct Pro

L’Instinct Pro di Scuf è il suo controller di alto livello per console Xbox e PC. È l’unica opzione wireless di terze parti in circolazione e, a fronte di un prezzo molto elevato, offre impugnature gommate, pulsanti paddle posteriori mappabili integrati, blocchi hair-trigger, stick intercambiabili e cosmetici configurabili dall’utente.

L’Instinct Pro ha pulsanti posteriori molto particolari, che io preferisco. Al posto dei paddle, ci sono quattro pulsanti simili a bilancieri incorporati nel corpo del controller che si spingono verso o lontano dalla mano con il dito medio. È comunque necessario allenare un po’ il cervello per abituarsi, ma li ho trovati più intuitivi.

A parte i pulsanti posteriori, l’altra grande caratteristica dello Scuf sono i suoi grilletti, che hanno la risposta più rapida di tutti i controller testati qui. Basta premere un interruttore sul retro e i grilletti destro e sinistro sembrano fare clic su un mouse: è incredibilmente soddisfacente. I grilletti, i pulsanti posteriori e l’eccellente materiale per l’impugnatura sul lato inferiore del controller contribuiscono a rendere questo controller un vero piacere da usare.

Il frontalino magnetico e gli stick sono facili da rimuovere e sostituire.

I pulsanti a bilanciere posteriori e le impugnature in gomma testurizzata di Scuf sono curati nei minimi dettagli.

L’Instinct Pro è come se Scuf avesse essenzialmente modificato a caldo un controller Xbox di serie, ma come ogni articolo di lusso, ha un costo elevato. Nel frattempo, utilizza ancora batterie AA e manca la personalizzazione del software, quindi per quanto mi piaccia usarlo, vi consiglio di acquistarne uno solo se siete super appassionati delle sue qualità specifiche o se amate assolutamente gli accenti colorati e i frontalini intercambiabili magneticamente. Configuratore di Scuf.

Il Nacon Revolution X sembra un po’ economico all’inizio, ma le sue caratteristiche premium sono intrise di profonda personalizzazione.

5. Nacon Revolution X

Il miglior controller personalizzabile

Il Nacon Revolution X di RIG può meritare un premio per la pessima denominazione, ma i suoi veri punti di forza sono la profonda personalizzazione. Se siete tipi che amano armeggiare all’infinito con molte impostazioni dettagliate, questo è il controller che fa per voi. Al prezzo normale di 99,99 dollari, il Revolution X cablato e le sue funzioni aggiuntive non sono economici, ma il prezzo è un po’ più equo se si considera la concorrenza con cui si confronta.

Quando si prende in mano il Revolution X per la prima volta, l’aspetto è molto modesto e al limite dell’economico. Sebbene non sia un vero e proprio gioiello, si tratta di un controller che segue la forma e la funzione. È comodo da usare e i quattro pulsanti posteriori integrati nelle impugnature sono grandi e ben sagomati. Le vere star di questo spettacolo, tuttavia, sono gli stick analogici e le loro personalizzazioni software, nonché le ampie opzioni di personalizzazione per gli altri componenti interni del controller.


Nacon Revolution X

Il RIG Nacon Revolution X è un controller cablato per console Xbox e PC Windows che offre una serie di dettagliate opzioni di personalizzazione del software. Dispone inoltre di quattro pulsanti posteriori personalizzabili, di stick regolabili e di pesi opzionali da inserire nelle impugnature per dare maggior peso al controller.

Mentre altri controller personalizzabili dall’utente hanno tre profili utente che si possono cambiare al volo, il Revolution X ne ha quattro, più una modalità “classica” con impostazioni di base e un anello di luce RGB intorno allo stick destro per ricordare in quale modalità ci si trova. L’applicazione software non è delle più facili da usare, ma i controlli sono molto approfonditi. Per fortuna, ci sono utili punti di partenza con preimpostazioni per i giochi di combattimento arcade, le corse, i giochi FPS e persino il cecchinaggio. La comprensione è molto più semplice quando si hanno a disposizione esempi per diversi generi di giochi. Se si aggiunge la possibilità di personalizzare e rimappare ogni pulsante del controller e la licenza dell’applicazione Dolby Atmos per cuffie, le opzioni di personalizzazione sono davvero tante.

Le coperture dell’impugnatura posteriore si aprono per consentire l’aggiunta di pesi opzionali.

Il controller, il cavo, gli stick top, i pesi per l’impugnatura e gli anelli per gli stick sono contenuti nella custodia con cerniera inclusa.

La personalizzazione non si ferma però al software, all’audio o all’illuminazione. Revolution X è dotato anche di distanziatori ad anello per regolare la portata degli stick analogici e di una serie di piccoli pesi, da 10 a 16 grammi, che possono essere inseriti nelle impugnature per conferire loro un peso aggiuntivo.

Se si sommano tutte queste caratteristiche, si capisce perché il Nacon è un ottimo controller per il tinkering. Mi ci è voluto un po’ di tempo per abituarmi, ma dopo averlo configurato nel modo che preferivo, si è rivelato un controller molto convincente in diversi tipi di gioco.

I maggiori punti di forza del controller Turtle Beach Recon risiedono nella pletora di controlli audio.

Il miglior controller per gli sparatutto

Turtle Beach è nota per le sue cuffie, quindi è logico che il suo controller cablato Recon sia dotato di controlli audio efficaci. I suoi punti di forza si evidenziano quando si gioca agli sparatutto in prima persona, dove la modalità Superhuman Hearing regola l’audio di qualsiasi cuffia cablata per far risaltare i passi e gli spari lontani nel mix. Al prezzo normale di circa 60 dollari, e in passato venduto a 29,99 dollari, il Recon è un modo abbastanza conveniente per ottenere un leggero vantaggio competitivo nei giochi multiplayer senza spendere più di 100 dollari per un controller.

Questo pad non vincerà alcun concorso di bellezza a causa di tutti quei pulsanti scomodi situati in mezzo alla fronte, ma ognuno di essi ha uno scopo valido. Ci sono quattro livelli di monitoraggio del microfono, controlli del volume generale del gioco, mix del volume della chat, quattro preset di equalizzazione, quattro modalità programmabili per la mappatura dei due pulsanti posteriori e quattro livelli di regolazione opzionale della sensibilità dello stick destro. Quest’ultima funzione, denominata Pro Aim da Turtle Beach, abbassa la sensibilità dello stick analogico destro mentre si tiene premuto il pulsante posteriore destro, consentendo movimenti molto piccoli come il cecchinaggio, anche se è un po’ goffo da usare.


Turtle Beach Recon Controller

Il Recon Controller di Turtle Beach è un gamepad cablato USB-C che offre una grande quantità di regolazioni audio per le cuffie cablate. La sua modalità Superhuman Hearing fa risaltare i passi e gli spari nel mix, mentre i due pulsanti posteriori lo rendono ideale per i giochi FPS.

Imparare a usare tutti questi controlli può sembrare scoraggiante, ma il sistema guida rapida del controllore rende tutto più semplice. L’udito sovrumano è molto utile per gli sparatutto e vale la pena utilizzarlo ampiamente per giochi come Halo Infinite – ma sappiate che la colonna sonora sarà un po’ confusa, quindi è meglio lasciarla spenta durante le partite a giocatore singolo incentrate sulla storia.

All’inizio è un po’ difficile da capire, ma questi pulsanti consentono di controllare l’audio in modo molto pratico quando si utilizzano cuffie con cavo.

I paracolpi, gli spallacci e i pulsanti posteriori personalizzabili presentano un’eccellente texture che dà un’ottima sensazione.

A parte i controlli audio, il Recon non dispone di funzioni sofisticate come i trigger per capelli e i thumbstick intercambiabili, e il D-pad assomiglia al controller wireless Xbox standard, ma non ha nulla da invidiare a questo. La struttura in plastica del controller sembra economica, ma le impugnature gommose lo riscattano con una sensazione piacevole e confortevole. Per quanto riguarda gli stick, i grilletti e i pulsanti aggiuntivi posteriori, sono tutti ben saldi e scattanti. Se a questo si aggiunge un udito sovrumano, si ottiene un’ottima ricetta per gli sparatutto. Il Recon ha una curva di apprendimento un po’ lunga, ma se giocate a partite classificate e apprezzate un controller cablato dal prezzo ragionevole con pulsanti aggiuntivi e utili funzioni audio, non potete sbagliare.

Altri controller che vale la pena conoscere

  • Wolverine V2 Chroma di Razer è una gioia per le orecchie e per gli occhi, grazie a pulsanti molto cliccabili e a una striscia di illuminazione RGB lungo le impugnature. Ha più pulsanti personalizzabili di qualsiasi altro controller (sei in totale), anche se il loro posizionamento richiede un certo sforzo, ed è un controller costoso.
  • Come già accennato in precedenza, il Horipad Pro ha uno dei migliori D-pad in circolazione. Offre inoltre un’ampia possibilità di personalizzazione del software a un prezzo accessibile, ma i pulsanti di spalla sono un po’ rigidi.
  • Il controller Nacon Pro Compact ha alcune delle eccellenti personalizzazioni software del Revolution X. a un prezzo molto più basso. È anche una delle opzioni più piccole in circolazione, anche se l’ergonomia può risultare insoddisfacente a seconda delle dimensioni della mano.
  • Uno dei controller più stupidi e allo stesso tempo più accattivanti è il Hyperkin Duke. Questa riedizione del pad originale per Xbox è una lettera d’amore ai tempi dell’insalata del 2001. Non è proprio il massimo da usare per i giochi moderni. Per fortuna viene fornito con un supporto da esposizione, in quanto si tratta di un pezzo da collezione.

Fotografia di Antonio G. Di Benedetto / The Verge

Source link