Bentornati a This Week in Apps, la serie settimanale di TechCrunch che riassume le ultime notizie sul sistema operativo mobile, le applicazioni mobili e l’economia generale delle app.

L’industria delle app continua a crescere, con un record di 218 miliardi di download e 143 miliardi di dollari di spesa globale dei consumatori nel 2020. I consumatori l’anno scorso hanno anche trascorso 3,5 trilioni di minuti utilizzando le app solo su dispositivi Android. E negli Stati Uniti, l’uso delle app ha superato il tempo trascorso a guardare la TV dal vivo. Attualmente, l’americano medio guarda 3,7 ore di TV dal vivo al giorno, ma ora spende quattro ore al giorno sui loro dispositivi mobili.

Le app non sono solo un modo per passare le ore inattive – sono anche un grande business. Nel 2019, le aziende mobile-first hanno avuto una valutazione combinata di 544 miliardi di dollari, 6,5 volte superiore a quelle senza un focus mobile. Nel 2020, gli investitori hanno versato 73 miliardi di dollari di capitale in aziende mobili – una cifra che è in aumento del 27% rispetto all’anno precedente.

This Week in Apps offre un modo per stare al passo con questo settore in rapida evoluzione in un unico luogo con le ultime dal mondo delle applicazioni, tra cui notizie, aggiornamenti, finanziamenti di startup, fusioni e acquisizioni … e suggerimenti su nuove applicazioni e giochi da provare, anche!

Vuoi This Week in Apps nella tua casella di posta ogni sabato? Iscriviti qui: techcrunch.com/newsletters

Apple risolve un altro caso antitrust sull’App Store…ma sta ancora vincendo la guerra con gli sviluppatori

Foto: TechCrunch

Un altro giorno, un altro accordo su App Store annunciato a tarda notte nella speranza che i giornalisti se lo perdano. (A quanto pare, pubblicare comunicati stampa dopo le 8 PM ET è un buon momento per cercare di nascondere la notizia, eh?)

PR teatrali a parte, l’accordo di questa settimana è solo una piccola concessione da parte di Apple che le sue aggressive linee guida anti-sterzo potrebbero essere considerate anticoncorrenziali. L’azienda ha detto di aver raggiunto un accordo con il regolatore giapponese, la Japan Fair Trade Commission (JFTC), per cambiare le sue politiche per “applicazioni per lettori” che permetterebbe loro di puntare gli utenti al proprio sito web. Sì, Apple ha dovuto essere letteralmente drogata attraverso un’indagine antitrust per accettare di permettere un sottogruppo di sviluppatori la capacità di aggiungere un link a un sito web all’interno della loro app.

Chiunque celebri questo come una grande vittoria per gli sviluppatori deve ripensarci. Apple sta ancora vincendo questa guerra.

Il cambiamento delle regole, che entrerà in vigore a livello globale all’inizio del 2022, si applicherà solo alle app “lettore”, dice Apple. Le app lettore forniscono l’accesso a contenuti acquistati, come libri o audiolibri, o abbonamenti a contenuti, come musica e video in streaming. La regola potrebbe anche applicarsi alle app che forniscono l’accesso a riviste digitali o giornali. Pensate: Spotify, Netflix, Kindle e altri. Naturalmente, “app per lettori” è una sorta di categoria inventata Apple ha inventato anni fa nella speranza di forzare una quota di entrate, ma invece ha costretto alcune app più piccole fuori dal mercato. Ma ora, avere questa categoria permette ad Apple di fare regole che si applicano solo ad un sottogruppo di app. Questo sì che è un pensiero lungimirante.

Storicamente, le applicazioni di lettura che non hanno voluto condividere le entrate dell’abbonamento con Apple (o che sono diventate abbastanza grandi da non aver più bisogno dell’opzione di acquisto in-app) hanno offerto solo un modulo di iscrizione per gli abbonati esistenti sulla schermata iniziale che appare al primo lancio. Alcuni inoltre non offrono alcun modo per acquistare i loro contenuti attraverso l’app stessa, costringendo gli utenti a capire come acquistare i contenuti che vogliono attraverso il sito web della società. Ora possono finalmente dire: “ecco il nostro sito web”. Big whoop, sapevamo dov’era Netflix.com.

Nel complesso, l’esperienza dell’app del lettore iOS dal punto di vista del consumatore è stata uno schifo. Non “funziona e basta”, è una seccatura. È un fastidio.

Ora, Apple dice che queste applicazioni saranno in grado di offrire agli utenti un link a un sito web che si lancia all’interno della loro app in modo che gli utenti possano “impostare e gestire il loro account”. Presumibilmente, questo potrebbe includere l’inserimento di informazioni di pagamento – dopo tutto, una volta che il sito è aperto, sembrerebbe che gli utenti possano navigare liberamente, giusto? Ma Apple suggerisce che avrà regole specifiche su questi link a venire, dicendo che la società “aiuterà anche gli sviluppatori di app per lettori a proteggere gli utenti quando li collegano a un sito web esterno per fare acquisti”. (Speriamo che Apple intenda solo qualcosa come https è richiesto, non che abbia intenzione di dire agli sviluppatori come progettare i loro siti web e l’elaborazione dei pagamenti).

I critici di Apple in gran parte ha stroncato l’accordo, dicendo che vogliono regole migliori per tutti.

“Questo è un passo nella giusta direzione, ma non risolve il problema”. ha detto Daniel Ek, CEO di Spotify. “Gli sviluppatori di app vogliono regole chiare ed eque che si applichino a tutte le app. Il nostro obiettivo è quello di ripristinare la concorrenza una volta per tutte, non un passo arbitrario ed egoista alla volta. Continueremo a spingere per una vera soluzione”.

Per qualsiasi ragione, Apple sembra voler combattere le denunce antitrust dell’App Store caso per caso, invece di riscrivere semplicemente le sue regole per pareggiare il campo di gioco. Questa decisione sembra piuttosto ostinata, per non dire costosa. Ma, finora, sta funzionando. I cambiamenti che emergono da questi accordi finora (incluso quello della scorsa settimana) sono i più piccoli aggiornamenti delle linee guida dell’App Store. Apple sta cedendo molto poco terreno qui.

Ma la lotta è tutt’altro che finita. Non appena la sentenza della JFTC ha colpito, la notizia si è diffusa che Apple sta affrontando un’altra sfida antitrust in India sui pagamenti in-app. Ci sono casi simili in corso anche nell’UE, e i legislatori statunitensi sono stati perseguendo la propria legislazione, pure. Il tempo lo dirà.

Apple chiede agli utenti di optare per i suoi annunci personalizzati

Vi sembra giusto?

Oggi, gli sviluppatori devono mostrare ai loro utenti una casella pop-up che chiede se possono tracciare i loro utenti, con opzioni come “Ask App not to Track” o “Allow”. La maggior parte degli utenti rifiuta tracciamento. Dopo che Apple ha introdotto questa nuova politica, nota come App Tracking Transparency (ATT), c’è stata una certa reazione sul fatto che Apple non doveva seguire le sue stesse regole – anche se aveva una sua attività di annunci in cui gli annunci personalizzati erano attivati di default.

Mentre Apple, per essere chiari, sta solo condividendo i suoi dati in-house – e non, diciamo, con un broker di dati di terze parti – lo stava facendo anche senza alcun tipo di schermata di opt-out presentata agli utenti che preferirebbero che i dati non fossero raccolti da chiunque, lo sai, per niente.

Crediti d’immagine: Schermata di iOS 15

Ora, le cose stanno cambiando. In iOS 15, Apple ha iniziato a far comparire un messaggio che permette agli utenti di disattivare gli annunci personalizzati nell’App Store e in altre applicazioni Apple. Ma wow, ha un sacco di spazio sullo schermo per fare il suo caso. Non solo Apple spiega i molti modi in cui i suoi annunci personalizzati sono vantaggiosi per gli utenti, ma dice anche che la sua piattaforma pubblicitaria “non ti traccia” perché non collega i dati che raccoglie con altri dati, né condivide alcuna informazione personale identificabile con terze parti.

Ma c’è un argomento da fare qui che la distinzione di Apple tra la raccolta di dati attraverso un insieme di app di prima parte (Apple News, App Store e Stocks) e ciò che chiama “tracking” – dove i dati delle app sono condivisi esternamente, o combinati con altri – è una linea nella sabbia che non riguarda solo la missione di Apple sulla privacy degli utenti, ma anche il danneggiamento di altre attività dipendenti dalla pubblicità (come quella di Facebook, naturalmente) al fine di promuovere la propria.

Apple aggiorna

  • Apple ritarda i piani per l’introduzione del rilevamento CSAM in iOS 15. Apple dice che ritarderà la sua tecnologia di rilevamento CSAM alla luce del feedback dei clienti e dei gruppi politici. Mentre tutti sono d’accordo che un sistema per scoprire e segnalare CSAM è nel complesso una buona cosa, i critici sono preoccupati per come il sistema stesso è stato costruito. Sono preoccupati che possa essere abusato da governi autoritari in futuro, che lo userebbero per coinvolgere vittime innocenti o per rilevare materiali non CSAM che trovano discutibili. (Apple dice che ora si prenderà il tempo necessario per apportare miglioramenti prima di rilasciare queste “funzioni di sicurezza per bambini criticamente importanti”.
  • L’app Wallet di Apple sarà presto in grado di contenere il tuo ID. L’azienda ha detto che ora si è assicurata due stati, Arizona e Georgia, per portare la patente di guida digitale e gli ID statali all’app. Connecticut, Iowa, Kentucky, Maryland, Oklahoma e Utah dovrebbero seguire. La TSA permetterà di presentare il portafoglio digitale toccandolo su un lettore d’identità, simile a come funziona Apple Pay.

Aggiornamenti Android

  • Le app Android non funzioneranno su Windows 11 quando il nuovo OS verrà lanciato il 5 ottobre. Anche se il supporto per le applicazioni Android è stato propagandato come una delle più grandi novità di Windows, Microsoft ha detto che solo iniziare l’anteprima della funzione nei “prossimi mesi”.

Commercio elettronico

Crediti immagine: Instagram

  • Instagram sta dando il via a un evento di shopping dal vivo il 1° settembre. Instagram’s 10+ Days of Live Shopping sarà caratterizzato da eventi con Selena Gomez, Kacey Musgraves, Lil Yachty e altri ospiti a sorpresa, e si troverà in la sezione “Live” nella scheda Negozio. I marchi partecipanti includono Outdoor Voice, Hologear, Peloton, DragunBeauty, Aveda e altri.
  • Il tempo trascorso nelle app per lo shopping è cresciuto del 49% rispetto all’anno precedente nel primo trimestre del 2021, rapporti App Annie. Il tipico consumatore mobile spende attualmente 88 dollari ogni volta che ordina da un’app di shopping. Entro maggio 2021, gli utenti Android hanno fatto una media di 2 miliardi di ore di shopping a settimana – un aumento del 51% rispetto ai livelli pre-pandemici.

Fintech

  • L’app cinese simile a Twitter Weibo vieta gli account con le scorte con milioni di seguaci nel tentativo di conformarsi alle nuove regole di Pechino incentrate sulla rimozione di contenuti che parlano male dei mercati finanziari cinesi o interpretano male le politiche interne o i dati economici.
  • La società indiana di pagamenti digitali ha lanciato Pulse, un prodotto gratuito che offre approfondimenti sul mercato dei pagamenti digitali attraverso gli stati indiani, i distretti e oltre 19.000 codici postali.
  • PayPal sta esplorando un servizio di compravendita di azioni per i clienti statunitensi, secondo un rapporto della CNBC. La società ha assunto Rich Hagen, precedentemente di Ally Invest, per guidare la nuova divisione. È improbabile che il servizio venga lanciato quest’anno, ha detto la CNBC, citando fonti non rivelate.

Social

  • Twitter ha lanciato i Super Follows, permettendo agli utenti di iscriversi ai creatori preferiti tramite acquisti in-app per contenuti esclusivi. Ma il sistema è caotico su App Store, poiché ogni Super Follow è elencato come un singolo IAP. L’App Store può mostrare solo 10 IAP, perché ci sono troppe opzioni disponibili. Ci deve essere un modo migliore per farlo.
  • Anche Twitter lanciato Modalità di sicurezza a un piccolo gruppo su iOS per il feedback e i test. La funzione consente agli utenti di proteggersi dalle molestie bloccando temporaneamente per sette giorni gli account che inviano un linguaggio dannoso o inviano risposte ripetitive e non richieste.
  • LinkedIn sta chiudendo le Storie. La piattaforma di business networking di proprietà di Microsoft informato gli inserzionisti che dovranno adattare le loro campagne pubblicitarie quando il formato lascerà la piattaforma il 30 settembre. Invece di Storie, LinkedIn perseguirà video di breve formato, dice.
  • TikTok ha aggiunto risorse educative alla sua app per aiutare i genitori che utilizzano la sua funzione di controllo parentale Family Pairing a capire meglio come aiutare gli adolescenti a navigare nella loro vita digitale.
  • TikTok ha lanciato un nuovo Creator Marketplace API che permette alle aziende di influencer marketing la possibilità di attingere ai dati di prima parte dall’app di social video, comprese cose come i dati demografici del pubblico, le tendenze di crescita, i video più performanti e il reporting della campagna in tempo reale (ad esempio, visualizzazioni, like, condivisioni, commenti, coinvolgimento, ecc.
  • Facebook ha detto un problema tecnico nella sua piattaforma pubblicitaria ha causato l’invio di dati di campagna difettosi agli inserzionisti – un esempio di come le regole sulla privacy di Apple hanno avuto un impatto sull’industria adtech.
  • Instagram sta richiedendo agli utenti di condividere il loro compleanno con l’azienda. L’app inizierà ora a far comparire una notifica che ti chiede di aggiungere il tuo compleanno per “personalizzare la tua esperienza”. Ma la richiesta può essere respinta solo una manciata di volte prima di diventare un requisito. Instagram dice che ha bisogno di queste informazioni per aiutare con le sue nuove caratteristiche di sicurezza rivolte agli utenti più giovani, comprese le protezioni della privacy degli adolescenti che ha recentemente aggiunto.

Crediti immagine: Instagram

Messaggistica

  • L’app di messaggistica mobile Telegram ha superato 1 miliardo di download, secondo i dati di Sensor Tower. L’app, lanciata nel 2013, ha superato la pietra miliare venerdì scorso. L’India costituisce il 22% delle installazioni di Telegram, seguita dalla Russia (10%) e dall’Indonesia (8%). Nella prima metà del 2021, l’app ha visto 214,7 milioni di installazioni, rispetto ai 133 milioni dell’H1 2020.
  • Telegram inoltre ampliato la sua funzione livestream per supportare un numero illimitato di spettatori, dal precedente limite di 1.000.
  • L’app Messaggi di Google è ridisegnando l’UI del suo menu degli allegati, che in precedenza apriva una lista scorrevole con diversi caroselli. Ora mostra una griglia larga quattro che si espande per occupare più spazio mentre si scorre, con pulsanti per GIF, adesivi, file, posizione, contatti e altro.

Streaming & Intrattenimento

  • Clubhouse ha aggiunto il supporto per l’audio spaziale per dare agli ascoltatori la sensazione di essere davvero in giro dal vivo con un gruppo di persone. Per rendere questo possibile, l’azienda sta integrando il codice su licenza del creatore di Second Life Philip Rosedale per l’audio spaziale Alta Fedeltà e fondendolo con la propria elaborazione audio personalizzata.
  • Musica su YouTube dice che ha superato i 50 milioni di abbonati a Musica e Premium, compresi quelli in prova.

Incontri

  • Tinder dice ogni giorno attività di swipe di quest’estate è aumentata del 13%. e i messaggi sono aumentati del 12%. Le conversazioni sono state anche del 38% più lunghe, rispetto ad aprile, maggio e giugno 2020. E il 76% degli intervistati è andato a più appuntamenti rispetto alla scorsa estate.

Salute & Fitness

  • Meditazione e mindfulness app Calm ha superato i 100 milioni di download, consolidando il suo posto come app di meditazione più scaricata al mondo. L’applicazione è stata anche la n. 1 app di salute e fitness su iOS (1 luglio 2010 – 21 agosto 2021) e Android (1 gennaio 2012 – agosto 2021).
  • L’app di fitness di Strava per iOS rende la sua funzione di sicurezza di condivisione della posizione Beacon disponibile per tutti gli utenti gratuitamente, invece che solo per gli abbonati a pagamento. Lanciato nel 2016, Beacon permette agli utenti di condividere la loro posizione dal vivo con un massimo di tre persone che possono seguirti fino alla fine della tua attività.

Notizie/Lettura

Crediti immagine: Flipboard

  • Flipboard ha aggiunto strumenti di personalizzazione del newsfeed che ti aiutano a personalizzare il tuo feed iniziale, alias la pagina “For You”, in base ai propri interessi. Questa è stata una delle principali richieste degli utenti, che volevano ridurre il livello di politica e altre cattive notizie sugli eventi attuali nei loro feed.

Governo & Politica

  • WhatsApp è stata multata di 267 milioni di dollari per aver violato il GDPR europeo. L’app di messaggistica era sotto inchiesta da parte del DPC irlandese, uno dei principali supervisori dei dati nell’UE, dal dicembre 2018. Il regolatore ha rilevato che WhatsApp non è riuscita a informare completamente i suoi utenti su cosa fa con i loro dati, e ha dato alla società tre mesi di tempo per entrare in conformità con diverse disposizioni della legge sulla privacy europea. A portavoce di WhatsApp ha detto la decisione sarebbe stata impugnata.
  • Il periodo di grazia per la conformità con il Codice di design adeguato all’età (alias il “Codice dei bambini”) è terminato. I produttori di app che offrono servizi digitali a cui è probabile che i bambini accedano ora devono garantire che un alto livello di privacy sia applicato di default agli account degli utenti, e la geolocalizzazione e la profilazione dovrebbero essere disattivate di default. Il codice dice anche che i produttori di app dovrebbero fornire controlli parentali mentre i bambini ricevono informazioni adeguate all’età su questi strumenti. Anche i “modelli oscuri” sono ora vietati.

Sicurezza e privacy

  • La FTC mette al bando il produttore di spyware SpyFone, un’applicazione stalkerware per Android che è stata commercializzata con il pretesto del controllo parentale, ma era spesso usata dagli adulti per spiare i loro partner. SpyFone raccoglieva segretamente dati sui movimenti fisici delle persone, l’uso del telefono e le attività online. L’azienda sarà anche tenuta a notificare alle vittime dove l’app era stata installata sui loro dispositivi.
  • Mozilla VPN, la sua VPN privata che funziona su dispositivi desktop e mobili, ha completato un controllo di sicurezza dalla società di cybersecurity Cure53 a Berlino. L’audit ha trovato due problemi di media e alta gravità, che sono stati tutti affrontati.
  • Una vulnerabilità di WhatsApp scoperta da Check Point potrebbe aver permesso a un hacker di leggere informazioni sensibili dalla memoria di WhatsApp. L’exploit, tuttavia, era complesso e ora è stato corretto.

💰 Neobank Point ha raccolto 46,5 milioni di dollari in finanziamenti di serie B, guidati dalla Valar Ventures dell’investitore esistente Peter Thiel. Point offre un conto online, una carta di debito e un’applicazione bancaria per 49 dollari all’anno.

💰 Callin, una nuova app di “social podcasting” dell’ex COO di PayPal e CEO di Yammer David Sacks, ha raccolto 12 milioni di dollari in finanziamenti di serie A, co-guidati da Sequoia, Goldcrest e Craft Ventures, dove Sacks è fondatore e partner. L’app compete con Clubhouse e Twitter Spaces, ma permette agli utenti di scaricare una registrazione che può essere modificata in un podcast.

💰 Il servizio francese di consegna di generi alimentari Cajoo ha raccolto 40 milioni di dollari in una serie A guidata dal gigante dei supermercati Carrefour. L’accordo permette a Cajoo di trarre vantaggio dall’organizzazione di acquisto di Carrefour, rendendo più prodotti disponibili per i clienti di Cajoo. Cajoo ha attualmente più di 100.000 clienti in 10 città della Francia e gestisce 20 negozi scuri.

💰 L’app di commercio sociale Flip ha raccolto 28 milioni di dollari in finanziamenti di serie A guidato da Streamlined Ventures per la sua app che combina il commercio dal vivo e le recensioni dei clienti reali. L’azienda dichiara 1 milione di download e ha spedito 30.000 ordini nell’ultimo trimestre.

🤝 Playtika Holding Corp., il creatore di giochi come Bingo Blitz e Slotomania, sta comprando l’80% della finlandese Reworks Oy, il creatore di un gioco di decorazione della casa, Redecor. L’accordo da 400 milioni di dollari permette a Playtika di acquisire il saldo per un massimo di 200 milioni di dollari in più nel 2023, se i guadagni soddisfano un obiettivo concordato. In caso contrario, Playtika può acquistare la parte rimanente per $1. Questa è la prima acquisizione di Playtika come azienda pubblica e l’ottava complessiva, e porterà ~ $30 milioni di vendite a Playtika quest’anno.

💰 L’app britannica Oviva, che si occupa di dieta e stile di vita, ha raccolto 80 milioni di dollari in finanziamenti di serie C, co-guidata da Sofina e Temasek, per il suo servizio che mira a mettere in grado gli utenti di cambiare le loro abitudini alimentari e migliorare la loro salute, con particolare attenzione al trattamento dell’obesità e delle condizioni di salute come il diabete di tipo 2. L’azienda vende alle compagnie di assicurazione sanitaria o ai servizi sanitari finanziati pubblicamente, che poi riferiscono o forniscono Oviva ai propri clienti.

💰 La startup Borzo (precedentemente Dostavista), con sede ad Amsterdam, che si concentra sui mercati emergenti, ha raccolto 35 milioni di dollari in finanziamenti di serie C in un round guidato da un investitore degli Emirati Arabi Uniti, Mubadala. Il servizio, accessibile tramite un’app mobile, ha 2 milioni di utenti, 2,5 milioni di corrieri e opera in 10 paesi, tra cui Brasile, India, Indonesia, Corea, Malesia, Messico, Filippine, Russia, Turchia e Vietnam.

💰 Lo strumento No-code Anima ha raccolto 10 milioni di dollari in finanziamenti di serie A. Il servizio permette ai designer di caricare da Figma per avere il loro lavoro trasformato in codice, compreso il supporto per React, Vue.js, HTML, CSS e Sass. La piattaforma ha ora 600.000 utenti, dai 300.000 dello scorso ottobre.

🤝 L’app per la sicurezza e la comunicazione familiare Life360 ha completato l’acquisizione del produttore di wearable Jiobit il 1° settembre. L’azienda prevede di integrare Jiobit nelle sue offerte, e permettere ai membri della famiglia di seguire gli utenti Jiobit (o gli animali domestici), attraverso l’applicazione mobile.

Clay

Crediti d’immagine: Argilla

Clay è una nuova applicazione multipiattaforma (web, mobile e desktop) che ti permette di gestire meglio le tue relazioni, sia aziendali che personali. Il servizio è qualcosa di un CRM di livello consumer. Cioè, non si tratta di una pipeline di vendita, ma di ricordare meglio chi hai incontrato, come e quando, e altri dettagli importanti. Queste informazioni possono essere utili in vista di incontri e altri eventi di networking, appuntamenti di lavoro o molte altre situazioni. Il sistema è progettato per essere abbastanza flessibile da poter funzionare per una varietà di casi d’uso – finora è stato usato da insegnanti, veterinari, candidati politici e altri. L’azienda, sostenuta da 8 milioni di dollari in finanziamenti seed, sta criptando i dati, ma alla fine prevede di consentire ai dati di essere ospitati localmente sulle macchine degli utenti, più come il modello Apple. L’applicazione, tuttavia, è costosa – è di 20 dollari al mese per il momento, ma l’azienda spera di portarla ad un modello freemium nel tempo.

Leggi la recensione completa qui su TechCrunch.

Playbyte

Crediti d’immagine: Playbyte

Una startup chiamata Playbyte vuole diventare il TikTok dei giochi. L’azienda ha appena lanciato app per iOS offre strumenti che permettono agli utenti di creare e condividere semplici giochi sul loro telefono, così come un feed a schermo intero scorrevole verticalmente dove è possibile giocare ai giochi creati da altri. Anche come TikTok, il feed diventa più personalizzato nel tempo per servire più del tipo di giochi che ti piace giocare. Al suo centro, la creazione di giochi di Playbyte è alimentata dal suo leggero motore di gioco 2D costruito su framework web, che consente agli utenti di creare giochi che possono essere rapidamente caricati e giocati anche su connessioni lente e dispositivi più vecchi. Dopo aver giocato a un gioco, è possibile mettere mi piace e commentare utilizzando i pulsanti sul lato destro dello schermo, che assomiglia molto al look-and-feel di TikTok.

Al lancio, gli utenti hanno già fatto un varietà di giochi utilizzando gli strumenti di Playbyte – tra cui simulatori, giochi di difesa della torre, sfide di combattimento, obbys, giochi di omicidio misterioso e altro ancora. L’app è scaricabile gratuitamente su iOS.

Leggi la recensione completa qui su TechCrunch.



Source link