I dati zero-party hanno molto rapidamente diventato la più grande parola d’ordine nel marketing e nella pubblicità digitale. A differenza dei dati di terze parti, che sono raccolti da aggregatori e piattaforme pubblicitarie attraverso cookie di terze parti e tecniche di tracciamento poco raccomandabili, dati di terze parti sono raccolti volontariamente e direttamente dai clienti.

Pensa al tipo di cose che diresti a un commesso di un negozio che ti aiuta a trovare i regali giusti da acquistare per la tua famiglia – taglia, stile, problemi di pelle, sesso, budget, profilo di gusto, abitudini alimentari, che tipo di animale domestico hanno, ecc. Questi sono dati a zero.

Il marketing dei dati zero-party è iniziato quando il controllo sul tracciamento degli annunci è aumentato, ma è diventato una necessità con iOS 14.5. Con la stragrande maggioranza degli utenti che rinunciano al tracciamento dei dati su iOS, i marketer hanno bisogno di nuove fonti di dati per alimentare le loro campagne e sostituire i dati che attualmente prendono in prestito dai cookie di tracciamento – che andranno via nel 2023.

Questo è particolarmente vero in quanto più consumatori richiedono esperienze personalizzate dai luoghi in cui fanno acquisti. Implementato correttamente, il marketing dei dati zero-party permette di trattare ogni cliente come un individuo, personalizzare la sua esperienza con il tuo marchio e costruire relazioni reali.


Aiuta TechCrunch a trovare i migliori growth marketer per le startup.

Fornire una raccomandazione in questo rapido sondaggio e condivideremo i risultati con tutti.


Mentre un sacco di articoli hanno discusso l’importanza dei dati zero-party, pochissimi hanno approfondito come raccogliere questi dati preziosi e sfruttarli correttamente per migliorare le conversioni, la fedeltà e la soddisfazione dei clienti. Ecco perché ho deciso di scrivere questo pezzo. Pensatelo come una miniguida su come iniziare il vostro viaggio come marketer di dati zero-party.

Iniziamo con alcuni degli strumenti più importanti per la raccolta di dati zero-party.

I quiz e le raccomandazioni sono la spina dorsale dei dati zero-party

Un esempio di quiz per aiutare i clienti a comprare un prodotto

Crediti immagine: Ottano AI

Quando si sente parlare di “quiz”, si potrebbe essere tentati di pensare a una valutazione della personalità in stile BuzzFeed, ma in realtà, sono il modo fondamentale per capire quali prodotti vogliamo comprare e quale pacchetto prendere.

Pensate di entrare in un negozio di cosmetici. Sapete di aver bisogno di una certa collezione di prodotti per la cura della pelle, ma non sapete quale routine seguire o tutte le possibili opzioni per ogni parte della routine. Un collaboratore del negozio lo sa, tuttavia, e di solito ti aiuta a trovare la giusta routine di cura della pelle e i prodotti basati su una serie di domande che ti fanno sulla condizione della tua pelle, le preoccupazioni, le allergie e altro.

Source link