I dipendenti vanno e vengono, spesso portando le loro conoscenze con loro. Ci sono anche momenti in cui solo una manciata di dipendenti sanno come fare qualcosa e non hanno il tempo di fornire un tutorial di massa.

È qui che Scriba entra in gioco. Il suo software registra movimenti e clic e li converte in una guida passo dopo passo in meno di un minuto con screenshot e testo modificabile e condivisibile. Le informazioni possono essere registrate da un’estensione di Chrome o da un’applicazione desktop e anche vivere in un repository fino a quando non sono necessarie.

Il co-fondatore e CEO Jennifer Smith, già di McKinsey & Company e Greylock Partners, ha formato la società con sede a San Francisco un paio di anni fa con l’imprenditore ed ex ingegnere di Google Aaron Podolny dopo aver visto un divario di conoscenza in come il lavoro operativo è stato fatto.

Il background di Smith è nell’organizzazione e nel lavoro operativo. Ha parlato con più di 1.200 fondatori su come il software è stato acquistato e venduto, e cosa avrebbero voluto che esistesse – e ha imparato che non è cambiato molto in questo settore in un decennio.

“Il processo viene ancora fatto manualmente”, ha detto a TechCrunch. “Non c’è un modo standard per comunicare come fare qualcosa. Con Scribe, è uno standard. Puoi fare clic sul pulsante di registrazione, fare il compito e genera automaticamente le istruzioni passo dopo passo”.

Scribe è stato a testa bassa da quando è stato fondato, ma il software è ora utilizzato da oltre 10.000 organizzazioni a livello globale come un modo per condividere con gli altri come fare qualcosa. Questi includono casi d’uso da parte di organizzazioni al di fuori di quelle inizialmente prese di mira da Smith e Podolny, come governi e scuole.

Oggi, l’azienda ha lanciato con 30 milioni di dollari in capitale di rischio, tra cui un nuovo round di 22 milioni di dollari di finanziamento di serie A che è stato guidato da Tiger Global Management. Un gruppo di investitori esistenti ha anche partecipato all’investimento, tra cui Amplify Partners, che ha guidato il seed round da 8 milioni di dollari di Scribe all’inizio del 2021, Haystack Ventures, XYZ Venture Capital, AME Cloud Ventures, Morado Ventures e SEV.

Gli investitori angel coinvolti includono l’ex presidente di Microsoft John Thompson, il chief product officer di Adobe Scott Belsky, il CEO di Gainsight Nick Mehta e il CEO di Opendoor Eric Wu. Come parte dell’investimento, il partner generale di Amplify Partners Mike Dauber si unisce al consiglio di amministrazione di Scribe.

Scribe è l’ultima azienda ad attrarre capitale di rischio per gli sforzi di catturare e condividere i processi digitali. Ad esempio, nel mese di agosto, Tango ha raccolto 5,7 milioni di dollari per la sua estensione Chrome che auto-cattura le migliori pratiche del flusso di lavoro in modo che i team possano imparare dai loro migliori esecutori.

Ross Fubini, amministratore delegato di XYZ, ha detto che Scribe sta costruendo un’azienda che fa sembrare facile qualcosa di complesso. Egli accredita la Smith per aver aiutato molte startup marquee ad aumentare le loro vendite aziendali durante il suo tempo alla Greylock e crede che lei e il suo team stiano creando un prodotto che sta facendo lo stesso: mostrare loro come fare meglio il loro lavoro.

“E le aziende pagheranno per questo”, ha aggiunto. “Questa è solo la prima parte del viaggio. Quando parliamo con le aziende che descrivono problemi sulla creazione di documentazione, vediamo quella parte dal basso verso l’alto. Siamo qui per mettere ancora più soldi nell’azienda in modo che Jennifer e il suo team possano continuare a fare il lavoro, costruire il go-to-market ed essere pagati per quel valore”.

Nel frattempo, Scribe ha sia una versione gratuita che piani pro/enterprise, e una media di quasi il 50% di riduzione del tempo non produttivo speso per imparare a fare un processo.

Smith intende utilizzare il nuovo finanziamento per scalare il team per rispondere alla domanda dei clienti che sta arrivando dalle startup fino alle aziende Fortune 500. La base di 20 dipendenti dell’azienda è composta per la maggior parte da donne e minoranze sottorappresentate, qualcosa di cui Smith è orgogliosa mentre si concentra sulla costruzione di un’organizzazione inclusiva, basata sulla cultura e sul talento, ha aggiunto. Investirà anche in R&D e nello sviluppo del prodotto che sta venendo giù nella pipeline.

“Vogliamo che Scribe sia il nuovo standard comune per condividere come fare qualcosa”, ha aggiunto Smith. “Prendiamo ispirazione da Zoom e Slack, che sono entrambi diventati standard e lessico. Si tratta davvero di guidare quella portata e distribuzione con colleghi e clienti”.

Source link