Un team di dirigenti di Google, molti dei quali hanno lavorato insieme per anni, ha lasciato la società all’inizio di quest’anno per lanciare una startup. L’azienda fintech, Arbo Works, ha raccolto un round di finanziamento guidato da Sequoia Capital India, i due hanno detto giovedì.

Arbo Works, guidato da Caesar Sengupta, ha detto giovedì 120 investitori angel, molti di Google, hanno partecipato al round di finanziamento del seme. “Questo gruppo include CEO di aziende Fortune 500, fondatori di startup di successo, dirigenti senior di istituzioni tecnologiche e finanziarie, e profondi praticanti di AI e ML”, ha detto.

La startup non sta rivelando la dimensione del round, ma due fonti familiari con la questione hanno detto a TechCrunch che si tratta di un investimento a otto cifre.

Sengupta, che in precedenza ha guidato il programma Next Billion Users di Google ed è raffigurato sopra, ha detto a TechCrunch in un’intervista che i fondi danno ad Arbo Works una pista per diversi anni. “È un round molto significativo”, ha detto.

Arbo Works ha otto co-fondatori, tutti i quali hanno precedentemente lavorato in Google. Infatti, sul suo sito web, Arbo Works ha elencato 21 compagni di squadra, 20 dei quali hanno precedentemente lavorato a Google (e molti hanno lavorato sul prodotto di pagamento della società).

“Tutti noi ci siamo divertiti a lavorare insieme. Sembra strano dirlo, ma continuerei a lavorare con loro ovunque, anche se si tratta di vendere banane”, ha detto ridendo. “Anche se Google è una grande azienda, molto di questo gruppo si è formato intorno a Sundar (Pichai, l’amministratore delegato della società), lavorando su Chrome OS. Il gruppo è rimasto insieme; infatti, molti si sono trasferiti in Asia quando sono venuto qui”, ha detto.

Il team Arbo Works. Crediti d’immagine: Lavori Arbo

Quindi su cosa sta lavorando Arbo, che ha stabilito sedi a Singapore e negli Stati Uniti? Sengupta è riluttante a condividere ancora. Ma ha offerto un po’ di contesto intorno all’opportunità che la startup vede. Sengupta, che ha lavorato e lanciato l’app di pagamenti peer-to-peer Tez in India, ha detto che la startup ha identificato uno spazio aperto nel mondo della finanza di consumo.

“Pensiamo che il mondo generale della finanza stessa possa essere drammaticamente migliorato. Con i pagamenti, stiamo vedendo una scheggia che viene reinventata, ma quando si pensa al proprio denaro, l’esperienza del consumatore ha molto da sviluppare. È un nuovo spazio nella finanza di consumo. Vogliamo portare grandi esperienze di consumo con una tecnologia profonda”, ha detto.

“Stiamo iniziando con il mercato statunitense, perché lo spazio che stiamo inseguendo è più aperto lì”, ha detto. “Ma stiamo costruendo un prodotto globale. Lo porteremo in India abbastanza presto”.

Shailendra Singh, amministratore delegato di Sequoia India, ha detto che Arbo Works ha scelto un “enorme problema irrisolto nello spazio fintech globale.”

Ha aggiunto: “Caesar e il team sono unici nell’aver costruito più prodotti all’avanguardia che sono utilizzati da miliardi di utenti internet sul pianeta. È raro che un team con tali risultati unisca le forze per una startup. Simile a molte altre aziende fintech di consumo che abbiamo sostenuto, questo richiede anche un approccio più incentrato sull’utente, un’esperienza utente più piacevole e una piattaforma più continua e scalabile di quella che probabilmente esiste oggi. Io e il team Sequoia India non potremmo essere più grati di essere parte di questo viaggio e di unire le forze con le decine di Arbonauti ultra talentuosi che si stanno riunendo per perseguire una missione molto stimolante”.

Ho chiesto a Sengupta perché non poteva costruire quello che Arbo Works sta cercando di creare all’interno di Google.

“Le grandi aziende sono una bestia diversa”, ha detto. “Siamo costruttori di prodotti. Voglio costruire prodotti piuttosto che avere a che fare con complesse questioni di partner, regolatori esterni, questioni politiche. Google è un’azienda così iconica ora che non può fare un passo senza che sei persone all’esterno abbiano sei opinioni diverse”.

“Abbiamo lasciato [Google] su una nota molto, molto amichevole. Sundar è più di un mentore o un capo … è un fratello per me e rimarrà sempre così. Devo molto della mia vita a lui”, ha detto. Pichai ha investito in Arbo Works? Sengupta ha rifiutato di commentare, ma ha detto che molti leader di Google hanno sostenuto la startup.

Arbo Works sta iniziando ad assumere più persone e sta cercando di reclutare coloro che sono concentrati sulla costruzione di un prodotto con un focus a lungo termine e condividere sensibilità simili. “Vogliamo persone che vogliano lavorare con persone straordinarie e costruire qualcosa che, quando avranno 70 anni, potranno guardarsi indietro e dire che hanno avuto un ruolo nella sua costruzione”.

Source link