Tre anni fa, Mila si è presentata su Kickstarter con il suo purificatore d’aria intelligente. L’azienda ha creato un purificatore d’aria con una scelta di filtri diversi per soddisfare il caso d’uso (e il punto di prezzo) a cui i clienti erano interessati, insieme a un’impressionante serie di sensori integrati nel dispositivo stesso. Oggi, l’azienda di San Francisco ha annunciato di aver chiuso una serie A da 10 milioni di dollari per eliminare i cattivi odori dall’aria per un maggior numero di persone.

Il round di avvio dell’azienda è stato guidato nientemeno che da Electrolux. Mila sostiene che si tratta del primo investimento di Electrolux in una startup. Il gigante degli elettrodomestici ha partecipato anche all’attuale round. La Serie A di Mila, del valore di 10 milioni di dollari, è stata guidata dal partner di ritorno Cercano Management (l’ex braccio di venture della società di investimenti del defunto Paul Allen) e da “un marchio globale di beni di consumo non rivelato”. L’azienda afferma che spenderà il denaro per assumere, scalare le operazioni, espandere il proprio portafoglio di prodotti e lavorare per raggiungere l’obiettivo finale di soddisfare l’esigenza globale di una migliore qualità dell’aria interna. L’azienda prevede anche di lanciare Mila Halo, un umidificatore intelligente.

L’azienda ha raccolto il suo round di 10 milioni di dollari in un accordo interamente azionario con una valutazione post-money di 52 milioni di dollari. Secondo l’azienda, la nuova valutazione rappresenta un aumento del valore di tre volte rispetto al round di avvio dell’anno precedente.

“Siamo al culmine di un grande ‘risveglio dell’aria’, poiché la qualità dell’aria che respiriamo diventa sempre più importante per le famiglie. Ma i prodotti a cui le famiglie si rivolgono di solito forniscono poche informazioni sul loro effettivo funzionamento. Con Mila, le famiglie possono finalmente monitorare e controllare la qualità dell’aria interna senza sforzo”, ha dichiarato Grant Prigge, CEO e cofondatore di Mila, in un’intervista a TechCrunch. “Questo investimento
ci permetterà di soddisfare la crescente domanda, continuando a costruire esperienze belle e ponderate che migliorano la salute delle nostre case”.

L’azienda opera in un mercato fortemente competitivo – non è che manchino i purificatori d’aria tra cui scegliere – ma il design intelligente e simpatico e la possibilità di utilizzare una serie di filtri diversi a seconda delle esigenze la distinguono dalla concorrenza. Anche l’app è eccezionale, in quanto riporta particolato (PM1, PM2,5, PM10), umidità, temperatura, composti volatili (TVOC), CO2 e CO. Il depuratore utilizza questi dati per pulire l’aria in modo più intelligente, facendo funzionare le ventole lentamente se non sono necessarie, oppure a pieno ritmo se è necessario eliminare le sostanze nocive dall’aria.

Mila ha sette filtri dal nome esilarante tra cui scegliereche hanno tutti caratteristiche leggermente diverse, a seconda di ciò che i clienti stanno cercando. Crediti immagine: Mila

Abbiamo parlato con Grant Prigge, CEO e co-fondatore dell’azienda, per saperne di più. L’intervista è stata modificata per chiarezza e lunghezza.

TC: Chi sono gli investitori principali e come è stato lavorare con loro finora?

Grant Prigge: Mila è passata da un piccolo progetto di passione con un paio di centinaia di migliaia di dollari di finanziamenti angelici da parte di amici, ad avere Electrolux, uno dei maggiori produttori di elettrodomestici al mondo, come primo investitore istituzionale. Mila è stato il primo investimento di Electrolux nei 100 anni di esistenza dell’azienda.

Dopo aver lanciato quello che è diventato il più grande lancio di purificatori d’aria nella storia del crowdfunding, con oltre 1,5 milioni di dollari di preordini, Vulcan Capital di Paul Allen ha guidato il secondo round di Mila. La nostra Serie A è stata guidata da Cercano Management, il venture spinoff di Vulcan Capital e uno dei maggiori produttori di beni di consumo al mondo.

Molti ci avevano sconsigliato di lavorare con grandi investitori aziendali, ma sono stati tra i migliori partner che potessimo chiedere, fornendo un feedback ponderato e dando il loro sostegno lungo tutto il percorso. Con il sostegno di Electrolux, siamo stati in grado di fare la differenza, soprattutto quando si è trattato di affrontare le sfide della catena di approvvigionamento degli ultimi anni. E con il nostro nuovo investitore, vediamo la stessa sinergia nel marketing e nel branding mentre portiamo Mila in milioni di case in tutto il mondo.

Qual è l’obiettivo della raccolta fondi? Cosa sblocca il denaro?

Questa raccolta fondi ci permette di ampliare il nostro team e di soddisfare la crescente domanda del pluripremiato purificatore d’aria Mila. Inoltre, ci consentirà di espandere il nostro portafoglio prodotti con aggiunte che migliorano la salute delle nostre case e degli ambienti interni. Nel nuovo anno, siamo incredibilmente entusiasti di rilasciare Mila Halo, il primo umidificatore del suo genere che rende sicuro l’uso dell’acqua del rubinetto, grazie al sistema di filtraggio dell’acqua proprietario di Halo. Halo è stato premiato con il CES Innovation Award nel 2022.

È la convergenza di un portafoglio crescente di soluzioni hardware con un sistema di controllo della qualità dell’aria che diventa sempre più intelligente. Riteniamo che Mila diventerà il sistema operativo sanitario del futuro.

Qual è la visione a lungo termine?

La nostra missione è riportare ogni famiglia dal ariablivione per dare forma alla casa sana del futuro. La qualità dell’aria che respiriamo è ormai riconosciuta come la principale minaccia ambientale per la salute umana. In tutto il mondo, l’aria sporca è all’origine di 7 milioni di morti premature all’anno, più dell’AIDS, del diabete e degli incidenti stradali messi insieme.

Questi ultimi due anni hanno evidenziato quanto poco sappiamo dell’aria che respiriamo. I consumatori sono sempre più consapevoli di quanto l’ambiente domestico sia fondamentale per la loro salute, ma non hanno gli strumenti per intervenire. Infatti, il 91% dei consumatori dichiara di aver compreso l’impatto della qualità dell’aria sulla propria salute, ma il 69% afferma di non sapere cosa fare al riguardo.

Mila intende risolvere questo problema. La qualità dell’aria interna (IAQ) è un mercato da 16 miliardi di dollari, pronto per essere rivoluzionato. Il nostro obiettivo è diventare il marchio dominante, rendendo ogni casa un luogo più sano in cui respirare.

Cos’è il programma Mila Cares e perché regalate i purificatori?

Una delle cose che ci ha stupito durante la nostra campagna originale su Kickstarter sono state le lettere che abbiamo ricevuto dai nostri clienti in merito a chi compravano il loro Mila. I coniugi lo compravano per il marito che soffriva di allergie, le fidanzate lo compravano per salvare il rapporto tra il gatto e il fidanzato, i papà lo compravano per i figli piccoli che soffrivano di asma e di un problema autoimmune. Questi bigliettini e queste storie ci hanno ispirato e umiliato, dimostrando chiaramente che le persone acquistavano i nostri prodotti per la salute dei loro cari, e noi ci siamo ripromessi di prendere sul serio questa responsabilità in tutto ciò che facciamo. Questo ha rafforzato il concetto che la compassione e l’attenzione devono essere sempre un pilastro fondamentale del nostro marchio (da qui il nome “Mila Cares”).

Un modo per farlo è il programma Mila Cares. Ogni cliente può nominare una persona che ha bisogno di aria pulita e ogni membro del team Mila può consegnare un pacchetto Mila Cares. L’unico requisito è che l’opera li abbia toccati in qualche modo. A volte una risata, a volte un pianto. Il candidato riceve un pacchetto Mila Cares a sorpresa, quasi sempre contenente un purificatore d’aria Mila e una lettera personale da parte nostra.

Ad oggi, abbiamo distribuito più di 100 Mila Cares Packages e questo ci permette di celebrare in modo significativo le persone meritevoli che respirano aria nelle comunità di cui abbiamo la fortuna di far parte.

Source link