Jack Dorsey, CEO di Twitter e co-fondatore e CEO di Square, partecipa alla conferenza sulle criptovalute Bitcoin 2021 Convention al Mana Convention Center di Miami, in Florida, il 4 giugno 2021.
Foto: Marco Bello / AFP (Getty Images)

La società fintech Square, guidata dal CEO di Twitter Jack Dorsey, ha annunciato domenica che prevede di acquisire la piattaforma “compra ora, paga dopo” Afterpay per $ 29 miliardi. Se l’acquisto viene approvato, trasformerebbe Square in un giocatore potente nello spazio dei pagamenti online.

In un comunicato stampa congiunto la domenica, Square e Scalapay hanno affermato che la vendita consentirà a entrambe le società di espandere l’accesso ai consumatori e generare entrate incrementali per i commercianti di tutte le dimensioni. Square integrerà Scalapay, società australiana che consente ai clienti di pagare i propri acquisti a rate senza interessi, nelle sue piattaforme venditore e Cash App. Scalapay ha attualmente più di 16 milioni di clienti e lavora con quasi 100.000 commercianti in tutto il mondo.

L’effetto sarà triplice. Le società hanno spiegato che l’acquisizione consentirà anche al più piccolo dei commercianti di Square di offrire il pagamento tramite rate alla cassa, lasciando che i clienti di Scalapay gestiscano la loro rata pagamenti nell’app Cash e consentire agli utenti dell’app Cash di trovare attività commerciali che offrono l’opzione di pagamento Scalapay nell’app.

“Square e Afterpay hanno uno scopo comune. Abbiamo costruito la nostra attività per rendere il sistema finanziario più equo, accessibile e inclusivo e Scalapay ha costruito un marchio di fiducia allineato con questi principi”, ha affermato Dorsey. “Insieme, possiamo connettere meglio la nostra App Cash e gli ecosistemi del venditore per fornire prodotti e servizi ancora più interessanti per commercianti e consumatori, riportando il potere nelle loro mani”.

La vendita è stata approvata dai consigli di amministrazione di Square e Afterpay, anche se deve ancora ricevere il via libera da azionisti e autorità di regolamentazione.e dovrebbe essere completato nel primo trimestre del 2022. Square pagherà l’accordo in tutte le azioni e i co-CEO di Afterpay, Anthony Eisen e Nick Molnar, si uniranno a Square. A Square, Eisen e Molnar aiuteranno a guidare le attività commerciali e di consumo di Scalapay. Inoltre, Square nominerà anche un direttore di Scalapay nel suo consiglio di amministrazione dopo che la transazione sarà stata finalizzata.

Come il New York Times ha sottolineato, ottenere l’approvazione normativa potrebbe essere più facile a dirsi che a farsi. Il Dipartimento di Giustizia ha recentemente prestato molta attenzione alle proposte di acquisizione nel settore fintech. Nel 2020, ha fatto causa per bloccare l’acquisizione da 5,3 miliardi di dollari proposta da Visa della piattaforma di pagamenti Plaid, sostenendo che lasciarla passare avrebbe consentito a Visa, “un monopolista nell’addebito online”, a eliminare la sua concorrenza. Le società alla fine annullarono i loro piani di fusione.

Square ha respinto le preoccupazioni dell’antitrust quando ha parlato con il Times. Amrita Ahuja, direttore finanziario della società, ha affermato che il settore “compra ora, paga dopo” è ancora “altamente competitivo” con molto spazio per la crescita.

“Square e Afterpay sono due attività molto complementari, in cui, quando le metti insieme, puoi creare un’offerta di prodotti più ampia per consumatori e commercianti e una scelta più ampia”, ha affermato Ahuja.

La notizia della fusione arriva lo stesso giorno in cui Square ha pubblicato il suo risultati del secondo trimestre, che ha mostrato una forte crescita per l’azienda. Square ha riferito che il suo profitto lordo è cresciuto del 91% anno su anno a $ 1,14 miliardi, con la sua divisione venditore che rappresenta $ 585 milioni e Cash App che consegna $ 546 milioni.

.

Source link