Foto: Gareth Cattermole (Immagini Getty Images)

Mentre aspettiamo che Taika Waititi decidere quale sia il suo Guerre stellari sarà un film e conclude la promozione per il suo ultimo Marvel flick, stiamo cercando di capire cosa sta succedendo veramente con il suo umorismo criptico su i suoi piani per scuotere le cose in una galassia lontana, lontana. Ma chiunque abbia il dubbio che il regista non stia prendendo la cosa sul serio dovrebbe davvero saperlo e dovrebbe Guarda la recente intervista video di Waititi ha rilasciato a GQ in cui ha ripensato ai suoi progetti preferiti del passato, compreso il suo precedente incarico nel Guerre stellari universo.

Nel video, che è possibile vedere per intero qui sotto, ta Thor: Amore e Tuono Il regista cita il suo lavoro con lo showrunner Jon Favreau e la regia di l’ultimo episodio della prima stagione di I Mandaloriani come un’enorme esperienza di apprendimento. “Per me è stata una cosa molto speciale fare quel Mandaloriano “, ha dichiarato Waititi.Il primo giorno credo che abbiamo lavorato con circa 70 stormtrooper e un TIE Fighter. Devo dire che, uno dei punti salienti non solo della mia carriera, ma della mia vita, è stato quello di andare in giro a dirigere Stormtrooper e anche [to be] di fare quell’episodio sotto la guida di [Jon] Favreau, che è diventato un amico e una persona che ha sempre sostenuto il mio lavoro”.

Ripensando alla regia Capitolo 8: Redenzione, ha detto Waititi, “È stato fantastico perché l’idea era sua. Aveva scritto tutto lui. E per me è stato bello entrare come regista quando non l’ho scritto io, [it] non era una mia idea, è stato davvero bello, solo per entrare e dire:Beh, questo è tutto quello che posso offrirvi. Come posso aiutarvi a mantenere il flusso di tutti gli altri episodi e cosa posso imparare?”. Ogni volta che lavoro, voglio imparare qualcosa da qualcuno. E ho imparato molto [from] da quello”.

Waititi ha recitato anche in I Mandalorianidella prima stagione nel ruolo del droide cacciatore di taglie trasformato in babysitter IG-11, il che ha perfettamente senso una volta che ci si rende conto di chi abbia ispirato il suo vampiro in Cosa facciamo nell’ombra. “Viago è praticamente un misto tra C-3PO e mia madre”, ha detto. “Il vampiro anale che non sopporta il disordine e vuole che tutto sia strutturato e abbia un regime e deve fare una ruota delle faccende”. Scopri altri deliziosi pensieri di Taika (e Barbanera dietro le quinte, per tutti voi La nostra bandiera significa morte fan) nell’intervista che segue:

Taika Waititi racconta i suoi film e personaggi più iconici | GQ


Vuoi altre notizie su io9? Scopri quando aspettarti le ultime notizie Marvel e Guerre stellari uscite, cosa c’è di nuovo per il Universo DC al cinema e in TVe tutto quello che c’è da sapere su La casa del drago e Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

Source link