Tesla sta spingendo il lancio del suo programma di semirimorchi elettrici al 2022 a causa delle sfide della catena di approvvigionamento e della disponibilità limitata di celle della batteria, ha affermato lunedì la società nel suo rapporto sugli utili del secondo trimestre.

Il CEO di Tesla, Elon Musk, ha già avvertito dei limiti di fornitura della batteria e dell’effetto che potrebbe avere sul Tesla Semi, che è stato presentato per la prima volta come prototipo nel novembre 2017. A gennaio, Musk ha affermato che il lavoro di ingegneria sul Tesla Semi era stato completato e le consegne dovrebbero iniziare quest’anno. Ha aggiunto l’avvertenza, al momento, che la disponibilità di celle della batteria potrebbe limitare la capacità dell’azienda di produrre il Semi.

Tale avvertimento era apparentemente giustificato. Dalla lettera degli azionisti pubblicata oggi dopo la chiusura del mercato:

Riteniamo di rimanere sulla buona strada per costruire i nostri primi veicoli Model Y a Berlino e Austin nel 2021. Il ritmo delle rispettive rampe di produzione sarà influenzato dall’introduzione di successo di molti nuovi prodotti e tecnologie di produzione, dalle continue sfide legate alla catena di approvvigionamento e permesso regionale.

Per concentrarci meglio su queste fabbriche e a causa della disponibilità limitata di celle della batteria e delle sfide della catena di approvvigionamento globale, abbiamo spostato il lancio del programma Semi truck al 2022. Stiamo anche facendo progressi nell’industrializzazione di Cybertruck, che è attualmente pianificata per la produzione Austin successiva al modello Y.

Sebbene non sia menzionato nella chiamata o nel suo rapporto sui guadagni, il ritardo segue la partenza di Jerome Guillen, un dirigente critico di Tesla che stava lavorando allo sviluppo e all’eventuale produzione della Tesla Semi. Le dimissioni di Guillen a giugno sono arrivate appena tre mesi dopo essere stato spostato dalla posizione di presidente della posizione automobilistica, che includeva la supervisione della Tesla Semi, a un ruolo con meno responsabilità come capo dei trasporti pesanti. Guillen aveva guidato l’intera attività automobilistica di Tesla da settembre 2018 a marzo 2021.

Nel frattempo, il Cybertruck di Tesla, che dovrebbe entrare in produzione alla fine del 2021, sembra che potrebbe essere spinto anche nel prossimo anno. Musk non ha risposto alle domande, ma i commenti di Musk e di Tesla VP of Engineering Lars Moravy durante la chiamata sugli utili suggeriscono che potrebbe passare al 2022.

Cybertruck è attualmente nelle sue fasi alfa di prototipazione, con l’ingegneria di base e l’architettura del veicolo completate. Mentre il Model Y ha la priorità, la società sta entrando in una fase beta del Cybertruck entro la fine dell’anno, ha affermato Moravy.

“Cercheremo di aumentare la produzione in Texas dopo che la Model Y sarà pronta”, ha aggiunto.

Musk si è appoggiato a quanto sarebbe stato difficile il Cybertruck, forse come un modo per attutire le aspettative per il suo arrivo nel 2021.

“La rampa di Cybertruck sarà difficile perché è un’architettura così nuova”, ha detto Musk. “Sarà un ottimo prodotto; potrebbe essere il nostro miglior prodotto di sempre, ma ha molte idee di design fondamentalmente nuove”.

Ha continuato sottolineando che ha usato mentre altri veicoli sono passati dal prototipo alla produzione in serie: La produzione è difficile.

“A rischio di essere ripetitivo, in realtà è facile realizzare prototipi o una manciata di produzione in piccoli volumi, ma qualsiasi cosa prodotta ad alto volume, che è davvero ciò che è rilevante qui, si muoverà velocemente come il più lento dei ordine di grandezza approssimativo di 10.000 parti e processi unici”.

Source link