Non sono sicuro che avrei potuto risolvere l’intricato mistero di Dodici Minuti da solo. Il thriller interattivo, che vanta un cast stellare tra cui James McAvoy, Daisy Ridley e Willem Dafoe, costringe i giocatori a rivivere ripetutamente lo stesso breve lasso di tempo. Nel corso di quel periodo morirai ripetutamente per mano di Dafoe, ma durante ogni ciclo raccoglierai anche qualche piccola nuova briciola di informazioni per aiutarti a spiegare cosa sta succedendo. Può essere frustrante, con controlli complicati e un finale che va completamente fuori dai binari. Ma come esperienza di gruppo, è molto divertente; anche se tecnicamente è un gioco per giocatore singolo, mi sono ritrovato a condividere idee e teorie con il mio partner, ed è stato utile avere un paio di occhi in più per individuare indizi che avrei potuto perdere. Dodici Minuti può essere noioso e ripetitivo, ma come la maggior parte dei giochi, è molto meglio con un amico.

Il gioco inizia abbastanza semplice. Dodici Minuti si apre con un uomo senza nome, interpretato da McAvoy, che arriva al suo appartamento in prima serata. Viene accolto da sua moglie, doppiata da Ridley, che ha in programma una serata speciale. Ha preparato il suo dolce preferito e darà una grande notizia mentre mangiano. La serata romantica viene rapidamente interrotta da un uomo che afferma di essere un poliziotto (Dafoe) che fa irruzione e arresta la donna per aver ucciso suo padre. Quindi chiede di vedere un orologio da tasca e, quando la moglie si rifiuta, il poliziotto inizia a soffocare a morte suo marito. Dopo la morte, il personaggio di McAvoy torna alla sua porta di casa, 12 minuti prima, come se non fosse successo nulla.

Come suggerisce il titolo, quel breve ciclo è il fulcro di Dodici Minuti. L’intero gioco si svolge durante quella finestra temporale e all’interno del piccolo appartamento della coppia. Se provi ad uscire dalla porta principale, si resetta. Se il poliziotto ti uccide – cosa che farà, ripetutamente, a mani nude e con le armi – ricomincia. Non puoi cambiarlo, ma tu potere utilizzare quel tempo per cercare informazioni. E lo fai sperimentando, usando le limitate opzioni a tua disposizione per trovare il modo di vivere quei 12 minuti in modo diverso. A volte, Dodici Minuti può quasi sembrare un giocattolo davvero inquietante, in cui cambi costantemente le variabili per vedere cosa succede, spesso con risultati raccapriccianti.

Guardi il mondo da una prospettiva dall’alto e il gioco si svolge un po’ come un’avventura punta e clicca della vecchia scuola. Hai la possibilità di parlare con le persone, raccogliere determinati oggetti e interagire con alcune parti dell’appartamento. Il mondo è piccolo – c’è solo un soggiorno, un bagno, una camera da letto e un minuscolo armadio – e sei relativamente limitato in termini di ciò che puoi fare. Non puoi, ad esempio, cercare in ogni oggetto in un cassetto del comò o scavare nel frigorifero. Ma quelle cose che tu potere interagire con sono solitamente importanti e possono essere combinati in modi diversi, solitamente intuitivi. Se prendi una tazza, ad esempio, puoi trascinarla sul lavandino per riempirla.

Man mano che giochi e impari di più, le tue opzioni iniziano ad aprirsi. Inizialmente, non avevo idea di cosa fare. Ho provato a spiegare alla moglie che ero in un loop temporale, ma ovviamente lei non ha capito. Il piccolo spazio e le opzioni limitate sembravano restrittive. Ma poi ho iniziato a sperimentare. Ho deciso di vedere cosa sarebbe successo se si fosse arrabbiata, o se si fosse addormentata, o se avessi usato quel grosso coltello come arma. Di solito morivo, ma a volte trovavo qualcosa di interessante – un oggetto nascosto o un numero di telefono – che sapevo potesse essere usato durante il ciclo successivo.

Il problema è che questa struttura significa molte ripetizioni. Non è così male all’inizio, quando tutto sembra ancora nuovo, ma più avanzi più la ripetizione inizia. Ascolterai le stesse linee di dialogo molte volte e spesso giocherai attraverso scenari quasi identici. Verso la fine, con l’aumentare della complessità, mi sono ritrovato a scrivere un elenco di cose da fare di tutto ciò che doveva accadere nel ciclo successivo, per non dimenticare qualcosa. È davvero fastidioso finire con le mani di Willem Dafoe al collo perché ti sei dimenticato di chiudere a chiave la porta. Su console questi problemi sono esacerbati dai controlli. Ho giocato su Xbox Series X, ma l’interfaccia è chiaramente progettata per un mouse, poiché devi trascinare un cursore sullo schermo per fare praticamente tutto. Con un gamepad è lento, il che è estremamente frustrante in un gioco in cui il tempo lavora costantemente contro di te.

Dodici Minuti può essere complicato a volte, ma inchioda quell’incredibile sensazione di svelare lentamente un mistero. Ogni nuovo breadcrumb è una vittoria. Il gioco raramente ti dà indizi o suggerimenti evidenti, quindi quel senso di realizzazione è solo più pronunciato. Questo è anche ciò che rende un buon gioco avere qualcuno che ti guarda; perdere anche il più piccolo dettaglio può significare rimanere bloccati. E poiché il gioco consiste essenzialmente nella sperimentazione di ogni ciclo, è molto divertente lanciare idee selvagge con qualcun altro, nella speranza di trovare un nuovo percorso. Sfortunatamente, mentre il mondo e la storia inizialmente sembrano molto radicati – a parte tutti i viaggi nel tempo – le cose diventano un po’ troppo stravaganti verso la fine. Ci ho pensato per due giorni e il finale del gioco non ha ancora molto senso per me.

Dodici Minuti cerca di fare qualcosa di molto specifico e in molti modi ci riesce. Ci sono pochi giochi in cui risolvere un mistero sembra così giocoso e organico, e il gioco fa un ottimo lavoro nel creare tensione. Il mio cuore ha sempre iniziato a battere forte quando ho sentito l’ascensore aprirsi nel corridoio, sapendo che il poliziotto stava per irrompere. Ma quelle parti buone sono confuse dalla struttura spesso noiosa e da un finale più incredibile che scioccante. Il tuo divertimento dipenderà principalmente dalla tua tolleranza per la ripetizione e se hai amici amanti del mistero da seguire.

Dodici Minuti verrà lanciato il 19 agosto su Xbox e PC.

Source link