Twitter ha verificato un account falso per il nuovo ministro delle finanze norvegese, ma a quanto pare, non è colpa di Twitter. Come riportato per la prima volta dal sito tecnologico norvegese NRKbetaL’ufficio del primo ministro e l’autorità di sicurezza norvegese (NSM) hanno erroneamente trasmesso un account falso per la verifica.

Il ministro delle finanze norvegese, Trygve Slagsvold Vedum, non ha mai avuto un account Twitter. Il rapporto afferma che diversi account falsi che impersonano Vedum sono spuntati da quando è stato eletto in carica questo settembre, tanto che il Ministero delle Finanze ha inviato un tweet il mese scorso avvertendo che il ministro delle Finanze non ha in realtà un account. Il tweet tradotto recita: “Vogliamo informare che il ministro delle Finanze Trygve Slagsvold Vedum non ha un Twitter privato. Gli account che appaiono a suo nome sono quindi falsi e saranno segnalati”.

Ciò che era diverso in questo più recente account falso, però, era che gli è stato concesso un segno di spunta blu da Twitter. Secondo NRKbetaIl falso account di Vedum ha inviato dei tweet che si oppongono alle politiche del suo partito politico, facendo potenzialmente arruffare qualche piuma nella sfera politica. Tuttavia, Twitter non sembra essere responsabile dell’errore. NRKbeta ha scoperto che l’ufficio del primo ministro e l’NSM erano in difetto.

“Sfortunatamente, c’è stato un errore nella segnalazione che ha causato la verifica di un account falso”, ha detto Anne Kristin Hjuske, il capo delle comunicazioni dell’Ufficio del Primo Ministro NRKbeta. “L’account è stato ora rimosso e ci siamo assicurati che nessun altro account falso sia stato verificato. Inoltre, stiamo rivedendo le nostre routine di segnalazione per garantire che questo non accada di nuovo”.

L’Ufficio del Primo Ministro e NSM erano responsabili della verifica degli account dei politici sui social media dopo le recenti elezioni. L’account falso apparentemente ha ingannato entrambe le organizzazioni, è stato inviato a Twitter ed è passato.

“Dal nulla uno di questi account falsi appare verificato”, Ståle Grut, il giornalista dietro il NRKbeta articolo raccontato The Verge. “Sembra che qualcuno all’ufficio del primo ministro che coordina la verifica sia stato ingannato dall’account, e ha finito per essere inviato a Twitter insieme agli altri ministri appena nominati che ora sono anche tutti verificati”.

Twitter ha recentemente rinnovato il suo processo di verifica per prevenire specificamente la creazione di account falsi. Ha riaperto il suo processo di verifica lo scorso maggio dopo quasi quattro anni di revisione del sistema, e in seguito lo ha messo brevemente in pausa dopo aver erroneamente verificato diversi account falsi.

Ma sembra che non importa quanto Twitter renda fantasioso il suo processo di verifica, non può ancora proteggere dal vecchio errore umano. Resta poco chiaro se Twitter deleghi tipicamente il suo processo di verifica ad autorità esterne. Se lo fa, questo è particolarmente preoccupante per gli account che appartengono a funzionari governativi di alto profilo, e questo contrattempo è un caso emblematico. The Verge ha raggiunto Twitter con una richiesta di commento, ma non ha ricevuto immediatamente una risposta.



Source link