Avete mai sentito parlare dell’effetto Streisand? È quando qualcuno cerca di di sopprimere le informazioni, finendo per diffonderle ancora di più di quanto avrebbero potuto fare altrimenti.

Per esempio: La settimana scorsa sarei stato scettico se mi aveste detto che un podcaster aveva messo le mani su un copione di casting per il prossimo gioco di Tomb Raider, che rivelava che una Lara Croft anziana e sola avrebbe potuto schivare i laser in una “tomba gravitazionale” e intraprendere una storia d’amore con un altro personaggio femminile.

Ma se si anche mi ha detto che l’avvocato capo dello studio di Tomb Raider, Crystal Dynamics, ha immediatamente inviato un avviso di rimozione DMCA, in cui attestava, sotto pena di spergiuro, che il podcast violava la proprietà intellettuale dello studio, penserei assolutamente che quel copione e quei dettagli siano completamente, totalmente reali.

È esattamente quello che è successo negli ultimi giorni (via VGC). Venerdì, il podcast di Colin Moriarty sui Simboli sacri conteneva un segmento insolito che mostrava parte di un presunto copione di casting per attori britannici che stavano leggendo per la parte di Lara Croft stessa. “Cercano una donna sulla trentina, bianca, alta un metro e settanta, atletica, un prototipo di Emily Blunt, Rosamund Pike, eccetera”, ha letto Moriarty.

Poi ha continuato a leggere un ampio passaggio che descrive un possibile nuovo tono per il nuovo gioco:

Lara Croft è ora al top della sua carriera. Sono finiti i giorni della giovane donna inesperta alle prese con questioni di eredità e di famiglia, Lara si è lasciata alle spalle l’infanzia e ha abbracciato pienamente una vita di avventure e di obiettivi. La sua leggendaria carriera è stata elogiata dalla stampa e dai tabloid, con racconti di avventure che hanno ispirato una nuova generazione di Tomb Raider a cercare fortuna nel mondo. Con questa nuova fase della sua vita, Lara ha accettato pienamente il suo posto tra le rovine.

Per molti anni, Lara ha scandagliato le profondità di luoghi dimenticati, ha giocato al gatto col topo con molti avversari nefasti e ha lavorato per scoprire, conservare e proteggere i segreti perduti del mondo, per evitare che cadessero nelle mani sbagliate. Ma con il passare degli anni, Lara si è sentita sola al vertice. L’inizio del prossimo capitolo presenta a Lara il problema per eccellenza degli adulti: affrontare qualcosa di troppo grande da gestire da sola in questa nuova avventura. Lara incontrerà una sfida che potrà superare solo con una squadra al suo fianco. La collaborazione le è estranea. Ha sempre avuto successo da sola. Quindi, in questa situazione, è un pesce fuor d’acqua.

Dopodiché, i suoi co-conduttori Chris e Dustin hanno recitato le due scene del casting, con Lara, una donna di nome Tanvi e un uomo di nome Devindra (spero di aver scritto correttamente). Infine, Moriarty legge una nota in cui si dice che l’attore donna che stanno cercando potrebbe avere “scene romantiche con un altro personaggio femminile”, ma che “non ci sono nudità o sesso simulato”.

A quanto pare, tutto ciò è bastato a spingere Crystal Dynamics di Square Enix a inviare il giorno stesso l’avviso di rimozione DMCA, ma non a Moriarty, bensì alla pagina Patreon dove gli abbonati sostengono il suo podcast, minacciando direttamente la sua fonte di reddito.

Lunedì pomeriggio, Patreon ha inviato l’avviso DMCA e, dopo aver speso 1.000 dollari per consultare il proprio avvocato e aver trascorso del tempo con il team legale di Patreon, Moriarty dice di aver deciso di rimuovere quel segmento specifico del podcast, anche se pensa che si tratti probabilmente di un atto di giornalismo. “Non l’ho rubato, non l’ho chiesto, non l’ho comprato”, ha detto agli ascoltatori. in un video successivo in merito al ritiro del DMCA. “Ho agito nella convinzione che si trattasse di un uso corretto, di un enorme interesse generale”.

Ho ottenuto una copia dell’avviso DMCA originale da Moriarty. Sebbene sia vago su cosa esattamente Crystal Dynamics abbia da ridire, non ci sono molte possibilità. Anche la versione YouTube del podcast, principalmente audio, non presenta immagini che possano appartenere a Square Enix, né loghi, né immagini di Lara, nemmeno trasformative. È solo audio. “Ho letto forse 2/5 del frontespizio, generalmente alla lettera, e poi abbiamo recitato le due scene che mi erano state date”, racconta Moriarty. La rimozione dell’audio è stata sufficiente a soddisfare il team legale di Patreon.

Moriarty dice anche di non biasimare Patreon per non aver voluto reagire. “Non sono arrabbiato con loro in questa situazione, né voglio incolparli”. Ma non vuole nemmeno essere “un martire della libertà di parola”.

“Personalmente penso che potremmo fare un gioco di ‘fair use’, sia per la notorietà della notizia che per la nostra interpretazione del copione, ma non ho il tempo, i mezzi o l’energia per combattere, e non voglio esporci a ulteriori problemi. È più facile capitolare, purtroppo, il che – se posso essere complottista – sembra essere il punto in questi casi. Io sono una persona che gestisce un’attività commerciale da casa mia; Square Enix è, beh, Square Enix”, mi dice.

Richard Hoeg, un avvocato che si occupa di questo tipo di questioni in il suo podcast Virtual Legality (che ha anche un suo Patreon), si è unito a Moriarty nel video successivo. Ha spiegato che è difficile stabilire cosa possa o meno essere considerato fair use.

“Se si tratta del documento di progettazione […] che leggete ad alta voce nel vostro video, questo darà alla controparte più elementi per intentare una causa di violazione”, ha suggerito Hoeg, pur continuando a considerare l’idea che possa trattarsi di un uso corretto. Conclude dicendo che non si può dire nulla fino a quando non ci sarà un verdetto in tribunale, e Sacred Symbols ha detto chiaramente di non voler lottare per scoprirlo.

Tuttavia, il podcast di Sacred Symbols non sta cedendo completamente a quelle che presumono essere le richieste di Square Enix. La versione originale e non modificata del podcast rimarrà su YouTube e sui loro feed podcast gratuiti fino a quando Square Enix non interverrà anche in questo caso.

Square Enix non ha risposto a una richiesta di commento.

Source link