Un uomo dell’Ohio ha molestato la sua ex moglie attraverso un account Napster condiviso, eludendo un ordine di non contatto cambiando i titoli delle playlist. L’ottavo distretto della corte d’appello dell’Ohio ha delineato il caso in una sentenza del 29 luglio, che era segnalato su Twitter dallo scrittore e avvocato Eric Goldman. È un esempio di come i metadati possono diventare un vettore di molestie al di fuori delle principali piattaforme social, facendo eco a problemi di vecchia data su altri servizi come Spotify.

Secondo la sentenza del tribunale, l’imputato Jacob Dunn ha ammesso di aver contattato sua moglie tramite un account Napster a cui entrambi potevano accedere. Un tribunale aveva emesso un ordine di protezione temporanea (TPO) contro Dunn nel 2018, vietandogli di contattare sua moglie con qualsiasi mezzo. Ma Dunn ha violato l’ordine rinominando le playlist musicali: una è stata cambiata in “Voglio che lavoriamo. Fai? Farò qualsiasi cosa”, un altro a “Ti amo più che mai… mi ami ancora?”

Dunn non ha contestato la minaccia aggravata e la violazione dell’ordine, anche se in seguito ha tentato senza successo di ritirare e appellarsi alla sua richiesta. Durante l’udienza di condanna ha affermato di non aver compreso le regole del TPO, nonostante le avesse esplicitamente acconsentite in anticipo: “L’ho capito a mie spese, purtroppo”, ha detto. Gli atti del tribunale indicano che è stato condannato alla libertà vigilata.

Napster, un servizio di streaming precedentemente chiamato Rhapsody, distinto dal defunto servizio di condivisione di file, è uno dei tanti servizi solitamente innocui che stalker e molestatori possono sfruttare. Come Forbes ha riferito il collaboratore Barry Collins, gli utenti di Spotify si sono lamentati di essere seguiti da stalker che possono visualizzare le sessioni di ascolto dei target e condividi playlist con nomi abusivi. Hanno criticato Spotify per aver trascinato i piedi sulla privacy e sugli strumenti di blocco.

Questo caso riguarda un problema più insolito che la maggior parte delle misure anti-molestie non attenuerebbe, poiché coinvolge due persone che hanno accettato di condividere un account. (Non è chiaro se abbiano accettato di continuare a condividerlo dopo la separazione o se la moglie di Dunn semplicemente non avesse preso in considerazione la revoca del suo accesso.) È una dimostrazione più chiara di come gli entanglement digitali possono avere aspetti negativi inaspettati, anche con qualcosa di semplice come una playlist musicale.



Source link