Per i giornalisti e altri in campi creativi e tecnici, avere un trambusto secondario o fare un lavoro freelance è estremamente comune. Oltre a un lavoro giornaliero, un editore, ad esempio, può scrivere articoli a pagamento per altre pubblicazioni che non sono concorrenti del suo principale datore di lavoro e in genere (idealmente) con l’approvazione esplicita o tacita del suo datore di lavoro. Alcune persone lo fanno per il reddito aggiuntivo necessario, ad alcuni piace il lavoro.

E secondo a storia in Il giornale di Wall Street, un nuovo sito web fornisce suggerimenti per i lavoratori del settore tecnologico che desiderano guadagnare due stipendi a tempo pieno mentre lavorano da remoto, dando uno sforzo a metà a uno (o entrambi) e senza che nessuno dei datori di lavoro sappia dell’altro. Il WSJ descrive lo scenario:

Soli nei loro uffici domestici, si alternano tra due laptop. Giocano a “Tetris” con i loro calendari, cercando di schivare incontri senza fine. A volte accedono a due riunioni contemporaneamente. Usano il tempo libero retribuito, in alcuni casi illimitato, per destreggiarsi in un grande progetto occasionale o per aumentare il livello di un nuovo concerto. Molti dicono di non lavorare più di 40 ore a settimana per entrambi i lavori messi insieme. Non si scusano per aver approfittato di un sistema che ritengono si sia approfittato di loro.

I lavoratori che hanno parlato con WSJ (in forma anonima) sembrano fare di tutto per lavorare per due aziende contemporaneamente; dal tenere calendari estremamente organizzati, al destreggiarsi tra chiamate Zoom sovrapposte e scadenze del progetto. E anche se non è necessariamente illegale lavorare per più di un’azienda, il WSJ rapporti, tali accordi possono entrare in conflitto con i contratti di lavoro.

Non c’è dubbio che molti datori di lavoro stanno raccogliendo ciò che hanno seminato con i lavoratori di tutto lo spettro occupazionale; insieme alla mancanza di sicurezza del lavoro e agli scarsi stipendi, i lavoratori stanno affrontando una pandemia che ha sconvolto la vita domestica e lavorativa per tutti. La cosa che mi ha infastidito in questo pezzo è stato il modo in cui alcuni dei lavoratori hanno parlato del gioco del sistema mentendo su quali sono le ragioni valide per cui qualcuno avrebbe bisogno di un alloggio dal proprio datore di lavoro: usano il loro PTO illimitato per un mese di pausa e citano “COVID-19 burnout “, o saltare le riunioni prenotate due volte prendendo “una telefonata immaginaria dalla scuola di un bambino”.

Vai a leggere questo molto interessante WSJ pezzo su com’è destreggiarsi tra i lavori a distanza e su come le persone affermano di farla franca.

Source link