La NASA ha ufficialmente rimandato il lancio del suo Orbital Flight-Test 2 fino al prossimo anno, mentre continua a lavorare su un problema della valvola di isolamento dell’ossidatore sulla navicella Starliner di Boeing, l’agenzia ha annunciato.

L’agenzia ha detto in un post sul blog che sta continuando a valutare potenziali finestre di lancio per la missione: “Il team attualmente sta lavorando verso opportunità nella prima metà del 2022 in attesa della disponibilità dell’hardware, il manifesto del razzo e la disponibilità della stazione spaziale”, secondo il post.

Steve Stitch, manager del Commercial Crew Program della NASA, ha aggiunto che si tratta di “un problema complesso”, che riguarda parti della navicella non facilmente accessibili, che ha richiesto “un approccio metodico e una solida ingegneria per esaminare efficacemente”.

Lo Starliner di Boeing è uno dei due veicoli progettati per portare i passeggeri da e per la Stazione Spaziale Internazionale come parte del programma Commercial Crew della NASA; il Crew Dragon di SpaceX è l’altro. La NASA ha richiesto ad ogni azienda di lanciare un volo di prova senza equipaggio, seguito da un volo di prova con equipaggio come parte del processo. Finora, Starliner ha condotto solo un volo senza equipaggio, ma ha avuto problemi di software prima di poter raggiungere la ISS.

Boeing aveva sperato di far volare lo Starliner senza passeggeri durante l’estate in un secondo tentativo di volo senza equipaggio, ma ore prima del decollo l’azienda ha trovato i problemi con alcune delle valvole di propulsione della navicella e la NASA ha cancellato il lancio

All’inizio di questa settimana, la NASA ha annunciato che stava riassegnando due astronauti che avrebbero dovuto volare sui prossimi voli Starliner ad un prossimo volo SpaceX. Nicole Mann e Josh Cassada voleranno sulla quinta missione SpaceX con equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, attualmente prevista per l’autunno 2022.

Source link