Il servizio Xbox Cloud Gaming di Microsoft (xCloud) è ora completamente alimentato da hardware Xbox Series X personalizzato. Microsoft dice The Verge ha recentemente completato l’aggiornamento, che migliora sia framerate e tempi di caricamento del gioco per i giocatori in streaming giochi Xbox sul web.

Mentre Microsoft ha spostato Xbox Cloud Gaming ai flussi a 1080p e 60fps negli ultimi mesi, la società deve ancora sbloccare il pieno potenziale dell’hardware Xbox Series X personalizzato per fornire flussi 4K. Non è chiaro quando questo sarà disponibile, ma Microsoft si sta muovendo verso la fornitura di Xbox Cloud Gaming oltre i dispositivi mobili e i browser.

Microsoft sta attualmente lavorando su un’app Xbox dedicata per le TV che permetterà ai giocatori Xbox di trasmettere giochi in streaming senza una console. Sono previsti anche dispositivi di streaming autonomi che si possono collegare a una TV o a un monitor, ed è ragionevole supporre che ci potrebbero essere ulteriori aggiornamenti alla risoluzione di Xbox Cloud Gaming per abbinare questa spinta TV.

Xbox Game Pass si sta integrando nella dashboard di Xbox.
Immagine: Microsoft

Xbox Cloud Gaming è iniziato come un modo per giocare su dispositivi mobili, ma con la sua prossima integrazione nella dashboard Xbox e nelle TV, sta già diventando molto più di una semplice offerta mobile. Microsoft sta anche integrando Xbox Cloud Gaming nel suo nuovo negozio web Xbox che sta iniziando a diffondersi, e stiamo ancora aspettando di sentire di più sui suoi piani per portare la sua tecnologia xCloud a Facebook Gaming.

Microsoft ha anche recentemente ampliato Xbox Cloud Gaming in Australia, Brasile, Messico e Giappone, poco dopo aver completato l’aggiornamento hardware personalizzato di Xbox Series X per il servizio. La tecnologia xCloud di Microsoft è ora disponibile in 26 paesi, e la società ha precedentemente accennato a “nuove offerte di abbonamento per Xbox Game Pass”, quindi potremmo vedere presto ulteriori livelli che forniscono accesso a Xbox Cloud Gaming.

Source link